Categorie Eventi

Eventi in primo piano

Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Località eventi

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 174 visitatori e nessun utente online

IL BERRETTO A SONAGLI

Da Gennaio 09, 2020 20:30 fino a quando Gennaio 09, 2020 23:00
Postato da Antonio
Categorie: Teatro
Visite: 47

Stagione Teatrale: il 9 gennaio al Teatro Verdi IL BERRETTO A SONAGLI con GIANFRANCO JANNUZZO.


Primo appuntamento del 2020 con la stagione teatrale organizzata dal Comune di San Severo – Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.
Il prossimo giovedì 9 gennaio 2020 (porta ore 20,30, sipario ore 21,00) sul palco del Teatro Comunale Giuseppe Verdi andrà in scena IL BERRETTO A SONAGLI di Luigi Pirandello con Gianfranco Jannuzzo (Corte Arcana – L’isola Ritrovata). Altri interpreti Emanuela Muni, Rosario Petix, Carmen Di Marzo, Alessandra Ferrara, Claudia Tosoni, Alessio Di Clemente, Anna Malvica. Scena Carmelo Giammello, costumi The One, musiche Mario D'Alessandro, luci Giuseppe Filipponio, voce solista Francesca Gambina, adattamento e regia FRANCESCO BELLOMO.
“Il 2020 inizia con uno dei capolavori di Pirandello – dichiarano il Sindaco avv. Francesco Miglio e l’Assessore alla Cultura avv. Celeste Iacovino -, un classico delle rappresentazioni teatrali, con un grande interprete come Gianfranco Jannuzzo. Sarà il primo di una lunga serie di spettacoli che scandiranno gli eventi del Teatro Verdi”.
Il berretto a sonagli, capolavoro pirandelliano che ha da poco compiuto un secolo mantenendo intatta la sua lucida e tagliente provocazione, narra di un marito che accetta l’adulterio della moglie, ponendo come unica condizione la salvaguardia dell’onorabilità. Il personaggio di Ciampa proposto da Gianfranco Jannuzzo, che si muove con pacatezza e lucidità nell’arco dei sentimenti di dolore, furore, pietà e ironia, è in grado di parlare un linguaggio pirandelliano in tutte le sue sfumature. Obbedisce a un codice di comportamento che fa riferimento al sistema socio-morale delle tre corde: la seria, la civile e la pazza. La regia di Francesco Bellomo colloca la vicenda nell’immediato dopoguerra e recupera situazioni tipiche del mondo siciliano di quel tempo. Si connota per aver restituito alcune scene tagliate del copione originale e per aver aggiunto un prologo in flashback, consentendo così di evidenziare la spontaneità della vis comica pirandelliana.


Eventi Passati e archiviati