Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 282 visitatori e nessun utente online

 

Stato:

Italia

Regione:

Puglia

Provincia:

Foggia

Coordinate:

41°36′0″N 15°7′0″E/ 41.6°N 15.11667°E

Altitudine:

432m s.l.m.

Superficie:

48,10 km²

Abitanti:

1697


Densità:

35,28 ab./km²

Comuni contigui:

Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Castelnuovo della Daunia, Pietramontecorvino, Celenza Val Fortore,Colletorto (CB), San Giuliano di Puglia (CB)

CAP:

71033

Pref. telefonico:

0881

Nome abitanti:

Casalnovesi

Santo patrono:

Santa Maria della Rocca


Giorno festivo:

15 agosto


Storia

Le notizie più antiche del paese risalgono al 1137 anche se ufficialmente si parla di Mons Rotarus solo nel 1250 per le vicinanaze al Monte Rotaro o Monterotaro (m.s.l. 550). Gli abitanti si chiamano Casalnovesi. La sua esistenza come insediamento urbano ben definito è documentata in epoca basso-medioevale, ma l'origine risale alla preistoria, come attesta il materiale archeologico rinvenuto nel territorio. Sicuramente ospitò insediamenti umani già nel periodo romano. Dal Duecento fu feudo di varie famiglie nobiliari, fra le quali i Sanseverino e i Bisignano. Nel Settecento ebbe il suo luogo di culto più importante dedicato a Santa Maria della Rocca, che indicava in un torrione circolare il luogo nel quale, secondo la leggenda, la Madonna sarebbe apparsa a un contadino chiedendogli che le fosse costruito un tempio. Dal 1862 all'originario nome di Casalnuovo fu aggiunto "Monterotaro" per distinguerla da altre cittadine del Regno d'Italia con lo stesso nome.



INFORMAZIONI

Casalnuovo Monterotaro si localizza in cima ad una collina anche se il suo nucleo originario sarebbe stato identificato sulle rive di un torrente più a valle. E' uno dei paesini sparsi nel Subappennino Dauno settentrionale con un paesaggio naturalistico molto interessante, comprendente numerosi affluenti che fanno confluire acqua al fiume Fortore (il secondo dopo l'Ofanto) e al lago artificiale di Occhito la cui diga in terra è tra le più importanti d'Europa.