Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online

comunesanseveroPresentata in città Loco Card, la card commerciale che consentirà di promuovere iniziative raccolta fondi per la cultura e il sociale

Presentata questa mattina a palazzo Celestini, sede del Municipio, l'iniziativa Loco Card. Si tratta di un nuovo strumento di fundraising (raccolta fondi per fini sociali) che coinvolge realtà commerciali e associazioni no-profit e sportive del territorio per uno scambio di valore bilaterale.
“In questo momento di difficoltà nel reperire fondi da destinare ad attività culturali e sociali – spiega l’assessore alla Politiche Sociali, Simona Venditti - Loco Card consentirà ai cittadini sanseveresi spendendo nei negozi convenzionati di destinare una percentuale minima dei propri acquisti all'associazione di riferimento o al Comune per finanziare iniziative di promozione culturale e sociale. In un momento di difficoltà per le casse degli Enti il fundraising è uno strumento di auto finanziamento che potrà contribuire a promuovere attività culturali e sociali a beneficio della collettività”. Fino ad ora numerose attività locali hanno aderito all'iniziativa. “San Severo – spiega Sergio Riello, Presidente di Loco Card – è la prima città pugliese ad aver aderito a questa realtà già presente in alcune aree del nord Italia e del centro. Ringraziamo gli amministratori comunali che con lungimiranza hanno consentito anche alle realtà locali di usufruire di questo strumento”. All'iniziativa, promossa dalla IV commissione consiliare socio sanitaria presieduta dal consigliere comunale Arcangela De Vivo, potranno aderire anche singole associazioni senza scopo di lucro distribuendo le card ai propri associati. “L’iniziativa – spiega il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – consente ai cittadini-utenti di usufruire di sconti privilegiati presso gli esercenti cittadini anche al fine di promuovere una rete del commercio locale, capace di fidelizzare i clienti, evitando che le risorse interne del territorio vengano dirottate in altre realtà commerciali e contribuendo a finanziare attività culturali e sociali per la città”.