Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 122 visitatori e nessun utente online

Cronaca

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vigili urbaniROGHI TOSSICI: NUOVO INTERVENTO DI PROCURA DELLA REPUBBLICA E POLIZIA LOCALE
- N.01 ORDINANZA DI MISURA CAUTELARE E SEQUESTRO PREVENTIVO DEL VEICOLO.

Nell’ambito dell’attività di polizia giudiziaria ambientale, a seguito di attività di indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Foggia e svolta dal Corpo di Polizia Locale di San Severo, è stata eseguita una misura cautelare per abbandono e incendio di rifiuti speciali.
La misura riguarda un provvedimento coercitivo dell’obbligo di presentazione alla P.G. emesso nei confronti di R.F. di San Severo.
Inoltre, è stato eseguito anche il Decreto di Sequestro Preventivo dell’autocarro a tre ruote utilizzato per la commissione del reato di abbandono e contestuale incendio di rifiuti speciali.
L’Ordinanza applicativa della Misura Coercitiva, con annesso Decreto di Sequestro Preventivo dell’autocarro, è stata emessa dal G.I.P. del Tribunale di Foggia dott. Carlo Protano su richiesta del Pubblico Ministero – Coordinatore delle Indagini – Sost. Proc. dott. Marco Gambardella.
Il soggetto, destinatario della misura cautelare, identificato nel corso delle indagini, risponde del reato p.e p. art. 256 comma 1 e 256 Bis D.Lgs n.152/2006 perché appiccava il fuoco a rifiuti speciali di diversa tipologia.
I rifiuti venivano abbandonati in un’area situata in agro di San Severo a ridosso della S.S.89 San Severo – Apricena all’altezza della rotatoria con la S.P.29.
Inoltre, il soggetto risponde del reato di cui all’art. 256 co. 1 lett.a) e b) D.Lgs n.152/2006 in quanto, per mezzo del veicolo sottoposto a Sequestro Preventivo, effettuava senza la prescritta autorizzazione attività di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali.
In sostanza caricava cumuli di rifiuti a bordo del veicolo e li scaricava sulla pubblica via.
Le attività di indagine sono state condotte dalla Polizia Locale di San Severo su coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia mediante l’utilizzo dei sistemi di video sorveglianza – foto trappole che sono state posizionate nei luoghi adibiti all’abbandono incontrollato di rifiuti e tramite attività costante di monitoraggio degli stessi Agenti della Polizia Locale.

“La seconda misura cautelare per incendio di rifiuti, emessa nel giro di un mese, che dimostra l’azione strategica di intervento per i reati ambientali tra la Procura della Repubblica di Foggia e il Comando di Polizia Locale di San Severo. Una strategia di intervento rapida basata sulla repressione che mira al sequestro immediato dei veicoli utilizzati per la commissione dei reati di abbandono e di incendio di rifiuti speciali.”

F.to IL COMANDANTE
DOTT. CIRO SACCO

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

118
Questa mattina intorno alle 06:00, in viale Fortore a Foggia, un ciclista è stato investito da un'auto in corsa all'incrocio con via Manfredonia
.
Il ciclista, un giovane guineano 30enne è stato investito da una Dacia, il cui conducente si è immediatamente fermato a prestare i primi soccorsi e ad avvisare i soccorsi. Le condizioni del ciclista, non sembrerebbero gravi, ha riportato ferite agli arti inferiori, ed è stato trasportato in ospedale dai sanitari del 118. Sul posto è giunta anche una pattuglia della polizia locale per effettuare i rilievi del caso.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

118

Ieri sera, intorno alle 21:00, sulla Provinciale 95 tra Cerignola e Candela c'è stato un incidente. Da una prima ricostruzione dei fatti, l'incidente stradale sarebbe autonomo, un'auto è uscita fuori strada ribaltandosi più volte su sè stessa, per il conducente, un africano 34enne, non c'è stato nulla da fare, è morto sul colpo. Sul posto, insieme ai sanitari del 118, è arrivati la polizia stradale per i rilievi del caso.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

rapine
Rapina a mano armata, questa mattina, a Cerignola, in via Corsica ai danni di un furgone portavalori. Un commando di quattro persone, tutte a volto coperto ed armate di pistole e fucili, ha assaltato il furgone portavalori all'esterno dell'ufficio postale.
I malviventi hanno disarmato, togliendoli le pistole e minacciato le guardie giurate, dopo di che si sono impossessati del denaro 100mila euro circa la stima del bottino. A scopo intimidatorio hanno anche un colpo di pistola, nessuno sarebbe rimasto ferito. Dopo il colpo, i rapinatori sono fuggiti a bordo di una Jeep Renegade.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

arresto carabinieri
Ennesima piantagione di marijuana scoperta dai carabinieri sul Gargano. Questa volta i militari hanno prima sequestrato e poi distrutto a San Marco in Lamis, circa 800 piante.
Grazie all'aiuto dei Cacciatori di Puglia, i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un 20enne, incensurato, del posto, per coltivazione di sostanze stupefacenti. L'abusiva "coltivazione" è stata scovata in località Coppa Casarinell’, ed aveva raggiunto un’altezza media di 140 cm.
Le piante venivano irrigate singolarmente da gocciolatoi, alimentati da un impianto costituito da tubi di pvc collegati a tre cisterne da 1000L, a loro volta alimentate da un allaccio abusivo alla condotta idrica dell’Acquedotto Pugliese, che corre poco distante dal campo.
Le piantine venivano anche concimate per farle crescere prima.
Dopo aver scoperto la piantagione, i militari hanno iniziato un servizio di appostamenti finalizzato ad individuarne i responsabili. Dopo diverse ore, nel tardo pomeriggio, è giunto un giovane, a volto coperto da un passamontagna, il quale, dopo aver controllato lo stato delle piante, aveva aperto i rubinetti per l’irrigazione. A quel punto i militari sono usciti allo scoperto, alla vista il giovane ha tentato la fuga, venendo bloccato immediatamente.
Le 800 piantine avrebbero fruttato alla criminalità un ricavo di oltre 300.000 euro. 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)