Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online

Notizie dall'Italia

scazzi2Dopo lo stop di ieri sera, la Cassazione ha confermato le condanne di ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, cugina e zia della piccola Sarah, uccisa in un giorno d'estate del 2010 ad Avetrana. Condannato anche Michele Misseri ad 8 anni di reclusione per soppressione di cadavere.
Sebbene la difesa di Cosima parli di "grande errore giudiziario", i familiari di Sarah sono soddisfatti della pena comminata.
 

carabinieriLa 68enne Anna Costanzo, è stata trovata cadavere nella sua casa di Pozzarello, nel grossetano. Dalle prime indagini dei carabinieri, la donna sarebbe stata strangolata dal marito con un cavo del computer. L'uomo avrebbe confessato il delitto ad un amico per telefono e poi avrebbe fatto perdere le sue tracce, ma è stato poi rintracciato dai carabinieri sul treno Roma Termini - Pisa all'altezza di Capalbio scalo.

arresto carabinieriUn uomo albanese con la cittadinanza italiana è stato arrestato in una località del sud barese perchè condivideva post inneggianti alle stragi realizzate dall'Isis su smartphone e tablet. All'uomo è stato proposto un percorso di recupero di de-radicalizzazione socio-spirituale da condure sotto la guida di un religioso.

ospedaleUn ragazzino di 13 anni, figlio di un pregiudicato, è rimasto ferito, in seguito ad una coltellata alla schiena, durante un tentatiivo di rapina avvenuto nella notte a Napoli. Il giovane ha raccontato di essere stato colpito da due persone che volevano rubargli il cellulare, lui è fuggito, ma raggiunto è stato colpito alla schiena. Subito dopo si è recato all'ospedale Loreto Mare, dove è stato ricoverato e giudicato guaribile in 10 giorni.

poliziascientificaUn trentenne di Udine, Michele, si è tolto la vita qualche giorno fa e nella sua lettera d'addio ha spiegato, con l'amarezza della consapevolezza, di come si sentisse inadeguato a vivere in una società nella quale non si sentiva accettato, amato e soprattutto rispettato. Il giovane reclama il suo spazio all'interno di un sistema dal quale si sentiva tagliato fuori "..da questa realtà non si può pretendere niente..". Il suo ultimo pensiero è andato a parenti e amici, chiedendo loro di capire la sua scelta di non poter vivere in un mondo in cui non si sentiva parte integrante.