Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 131 visitatori e nessun utente online

Notizie dall'Italia

disperata 2Una donna di 53 anni è stata trovata in casa sua, legata al letto e ricoperta di ecchimosi su tutto il corpo. L'allarme è stato dato dal figlio che ha richiesto l'aiuto delle forze dell'ordine. La donna ha raccontato di aver conosciuto il suo carceriere, un ragazzo veneziano di 22 anni, in chat e di averlo invitato a casa sua dopo un primo incontro. La donna ora è assistita da dottori e psicologi, mentre il ragazzo è stato rinchiuso nel carcere di Ponte San Leonardo. 

poliziascientificaUn uomo di 45 anni si è buttato dal balcone dell'abitazione della madre, nello stesso stabile in cui viveva con la compagna, tenendo in braccio il figlioletto di soli 3 anni, morendo entrambi sul colpo. L'uomo aveva litigato con la compagna e le cause del tragico gesto sono da ricondurre ai suoi gravi problemi di salute. 

118Il cadavere, decapitato di una donna di 56 anni, è stato trovato nella tromba delle scale di un condominio in piazza Vittoria a Brescia. Al momento non si esclude nessuna ipotesi, si pensa possa trattarsi anche di un gesto volontario, ed è probabile che l'impatto con la ringhiera abbia provocato il taglio netto.

 

neve4 forti scosse di terremoto hanno scosso la zona compresa tra l'Aquila e Rieti, nei territori già precedentemente colpiti dal sisma nei mesi scorsi. Il sisma principale è avvenuto a Montereale, ad una profondità di 9 km. La situazione appare tuttavia tragica in quanto alla paura del sisma si aggiungono i disagi causati dalla presenza di due metri di neve, con tutti i relativi disagi che ne derivano.

dottoriAnna e Marco, nomi di fantasia, sono i genitori di un bambino morto prematuramente all'età di dieci anni a causa di una brutta malattia. Questi genitori, tramite una dottoressa del centro trapianti, sono rimasti in contatto con i quattro ragazzi che hanno ricevuto gli organi di loro figlio, proprio per questo motivo hanno deciso di inserire i loro nomi nel lascito ereditario. Una bella iniziativa senza precedenti, che fa sentire Anna e Marco ancora la presenza del loro figlioletto.