Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 330 visitatori e un utente online

Politica

depellegrino

"Gli elettori bocciano Franco Landella e il Governo boccia i progetti della sua Amministrazione. Un fallimento totale, quello del sindaco foggiano, frutto d'incapacità amministrativa e d'insipienza politica". Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio comunale di Foggia Alfonso De Pellegrino commentando gli esiti del Bando periferie, finanziato dal Governo Renzi per promuovere la riqualificazione urbana e la sicurezza delle zone periferiche, e della Governance Poll, l'annuale indagine sul gradimento dei sindaci realizzata da Sole 24Ore e IPR Marketing.

Nella graduatoria dei 120 progetti presentati, quello dell'Amministrazione Landella si è classificato 100° con una valutazione pari ad un terzo di quella ottenuta dalla città metropolitana di Bari, vincitrice del bando.
La Governance Poll relega il sindaco di Foggia al 98° posto, con una percentuale di gradimento pari al 46% (-4,3% rispetto all'elezione). Peggio di lui solo il primo cittadino di Trapani e le sindache di Roma e Alessandria.

"Inizio d'anno peggiore non si poteva immaginare per la città e la sua immagine; ma non si può dire che ne sia sorpreso - commenta Alfonso De Pellegrino - avendo quotidianamente sotto gli occhi errori, pasticci e incapacità dell'Amministrazione guidata da Franco Landella.
La bocciatura sul Bando Periferie era scontata, non fosse altro che per il pochissimo tempo a disposizione delle imprese interessate a realizzare una progettazione davvero competitiva. Mi permisi di suggerire un'azione politica per la proroga dei termini e l'apertura del confronto con tutta l'imprenditoria cittadina, con l'obiettivo di suscitare un interesse diffuso al bando. Come sempre accade, però, il sindaco Landella si è trincerato dietro le sue prerogative e ha trascinato l'Amministrazione nell'ennesimo fallimento, che sarà pagato dai cittadini che già vivono i disagi derivanti dall'abitare e operare nelle aree periferiche della città.
Ecco perchè non mi meraviglia che i cittadini foggiani lo abbiano bocciato indicandolo tra i peggiori sindaci d'Italia. Non sono bastati i frizzi e i lazzi natalizi, i cittadini non lo vogliono e lo hanno detto chiaramente.
Incassare un così pessimo risultato a metà mandato restituisce compiutamente il giudizio che i foggiani hanno del centro destra e di Franco Landella - conclude Alfonso De Pellegrino - lo hanno eletto, e hanno visto come ha amministrato. Fossimo negli Stati Uniti si potrebbe dire: Landella go home!"