Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 103 visitatori e nessun utente online

Politica

marascoSalva Enti. Marasco: "Grazie al Governo Gentiloni si può dilazionare il prestito ottenuto per evitare il dissesto; Landella eviti esternazioni ingannevoli e promesse elettorali"

"Il bilancio del Comune deve essere tenuto al riparo dalla campagna elettorale e dalle promesse elettoralistiche del sindaco e del centrodestra". E' il commento del capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale Augusto Marasco alle "semplicistiche e ingannevoli esternazioni sull'eventuale rimodulazione del prestito ottenuto dal Comune di Foggia con l'adesione al 'Salva Enti', osteggiata da Landella quando era in minoranza e ora spacciata come una straordinaria opportunità per bandire concorsi e fare assunzioni".
"Al momento, l'unico dato certo è che il Governo Gentiloni ed il Partito Democratico - continua Marasco - hanno offerto ai Comuni come il nostro l'opportunità di allungare i tempi della restituzione del fondo ottenuto, grazie all'Amministrazione Mongelli, per scongiurare il dissesto.
L'adesione alla procedura deve essere deliberata dal Consiglio comunale, convocato il 15 gennaio, e ho già dichiarato al sindaco, in sede di Conferenza dei Capigruppo, il voto favorevole del gruppo del Partito Democratico. Purché dalla proposta di delibera sia cancellato ogni riferimento a bandi, concorsi, assunzioni e qualunque altro indirizzo di spesa.
La richiesta ha due motivazioni.
Innanzitutto, il Consiglio comunale è chiamato ad esprimersi esclusivamente sull'adesione alla rimodulazione. La richiesta sarà poi valutata dal Ministero dell'Interno e solo in caso di esito positivo il Comune sarà invitato a presentare un piano operativo da sottoporre al vaglio della Corte dei Conti.
Quand'anche si ottenga la rimodulazione, come mi auguro, sarà sempre il Consiglio comunale a decidere come utilizzare i fondi resi disponibili dalla dilazione del prestito.
Annunciare concorsi e assunzioni oggi, alla vigilia di una campagna elettorale che coinvolgerà indirettamente il sindaco Landella e la sua maggioranza in centrodestra, è scorretto sotto il profilo istituzionale ed è ingannevole nei confronti dei cittadini.
Oggi come oggi, il sindaco Landella dovrebbe solo ringraziare il Governo Gentiloni e il Partito Democratico per aver offerto al Comune di Foggia un'opportunità di allentare i vincoli della spesa per lavori e servizi pubblici sempre più essenziali alla nostra città - conclude Augusto Marasco - Siamo pronti a collaborare per coglierla, non siamo disponibili a farci coinvolgere nella propaganda elettorale".