Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 180 visitatori e nessun utente online

Politica

logoPDAl Comune di Foggia circa 56 milioni per la stabilità finanziaria e i servizi essenziali, ma le strade continuano ad essere rotte e buie mentre gli autobus non partono Il centrodestra ha fallito nel governo di Foggia, come ha fallito nel governo del Paese
Documento congiunto del Gruppo consiliare e del Circolo cittadino del Partito Democratico

Il centrodestra si candida a governare, per l'ennesima volta, il Paese e, per l'ennesima volta, chiede fiducia nonostante abbia dimostrato di non saper governare.
Esempio eclatante di tanta insipienza è l'Amministrazione comunale di Foggia.
Fatti due conti, grazie alle azioni positive del centrosinistra in Parlamento e al Governo, il Comune ha incassato circa 56 milioni di euro per assicurare la stabilità finanziaria dell'Ente e far ripartire la macchina dei servizi.
Le diverse relazioni della Corte dei Conti hanno evidenziato la crescente in-stabilità finanziaria e la quotidiana esperienza dei cittadini alle prese con disservizi di ogni genere testimonia l'incapacità operativa dell'Amministrazione comunale.
Le strade ed i marciapiedi sono dissestate come e più di 4 anni fa. L'illuminazione pubblica funziona meno e peggio di 4 anni fa. La raccolta dei rifiuti procede a singhiozzo e senza una strategia a causa della mancata sottoscrizione del contratto di servizio con AMIU. Gli autobus di ATAF si fermano per strada o non partono.
Si è scelto di spendere i fondi ordinari del Comune nei lavori di riqualificazione della nuova isola pedonale, declassando la storica piazza Cavour a rotatoria spartitraffico, piuttosto che investire energie e competenze della tecnostruttura nella ricerca di risorse aggiuntive regionali, nazionali e comunitarie.
Il centrodestra e il sindaco Landella hanno fallito nel governo di Foggia, così come hanno già fallito nel governo del Paese prima che arrivasse il centrosinistra a far ripartire l'economia e il lavoro.