Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online

Politica

davide emanueleDichiarazione di Davide Emanuele, segretario del Partito Democratico di Foggia

Il sindaco di Foggia ha governato 5 anni e ha il dovere di rendere il conto della sua am-ministrazione alla città. Senza nascondersi e sfuggire, senza continuare a fare chiacchie-re su un passato divenuto remoto e che lui si era impegnato ad archiviare rapidamente e a modificare radicalmente.
Nel 2014 ha fatto una serie di promesse divenute impegni programmatici dopo l'elezione a sindaco. Quelle promesse e quegli impegni sono stati mantenuti? No!
Questo è ciò che conta. Nient'altro.
Strade, trasporti pubblici, servizi sociali, scuole, bilancio, rifiuti, aziende comunali e chi più ne ha, più ne metta. Tutto è peggiorato o, quantomeno, non è migliorato rispetto al suo insediamento.
E, come ha correttamente affermato il nostro candidato sindaco Pippo Cavaliere, non è il Partito Democratico a dirlo: sono i foggiani.
Oggi è il sindaco uscente a dover spiegare a noi come ha amministrato, quali obiettivi ha raggiunto e quale sia il suo lascito. Attendiamo questo bilancio per esaminarlo attentamente nell'interesse della città, come hanno fatto i consiglieri comunali del Partito Democratico nei 5 anni che abbiamo alle spalle.
Il resto sono chiacchiere prodotte nel tentativo di evitare responsabilità gravissime e ine-ludibili.