Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 186 visitatori e nessun utente online

Politica

comunesanseveroLa scomparsa di Michele Cologno, Sindaco di San Severo dal 1981 al 1986.

La Città di San Severo piange Michele “Lillino” Cologno, Sindaco di San Severo per 5 anni dal 1981 al 1986, a lungo Consigliere ed Assessore Comunale, Consigliere ed Assessore regionale, una delle più importanti figure del PSI di Capitanata e di Puglia per oltre 30 anni. 

“La scomparsa di Lillino Cologno – dichiara il Sindaco avv. Francesco Miglio – è una di quelle notizie che ti lasciano il segno e che non vorresti mai commentare per lo spessore dell’uomo, del politico, del cittadino che ci lascia. Eravamo giovanissimi quando Cologno ha governato – bene, anzi molto bene – la nostra città, aveva un larghissimo consenso elettorale, perché era sempre disponibile con tutti e la sua azione politica era finalizzata al raggiungimento di obiettivi per il Bene Comune, slogan oggi tanto di moda. E’ stato uno dei pochissimi sanseveresi ad avere il privilegio di essere nominato assessore regionale, dunque un politico di grande caratura e spessore, apprezzato anche fuori dai confini della Capitanata. E’ stato dirigente del suo partito, il PSI, a tutti i livelli, qui al Comune di San Severo è stato per tantissimi anni anche componente della Commissione Comunale Toponomastica, mettendo a disposizione il suo bagaglio culturale e l’amore per la sua San Severo. Con Cologno se ne va un altro pezzetto di una San Severo che non c’è più, ma che è stata preziosa, produttiva ed all’avanguardia. Cologno ha ben rappresentato il meglio della politica sanseverese. Alla famiglia le condoglianze più sentite mie personali e dell’intera Amministrazione Comunale. Oggi abbiamo perso un politico, un uomo, un carissimo amico”.
La camera ardente sarà allestita, a partire dalle ore 11,00, presso la Sala Consiliare “Luigi Allegato” di Palazzo Celestini – Residenza Municipale – in Piazza Municipio.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo