Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 401 visitatori e nessun utente online

Politica

logoPDDichiarazione dei consiglieri comunali del Partito Democratico Pasquale dell'Aquila, Lia Azzarone e Francesco De Vito

Il sindaco Franco Landella e il centrodestra hanno fallito.

Chi avesse ancora dubbi sulla loro incapacità di amministrare Foggia può leggere la delibera della Corte dei Conti con cui è stato messo nero su bianco che il Comune rischia il dissesto finanziario a causa del mancato rispetto degli obiettivi intermedi del piano di riequilibrio finanziario e dell'accertata presenza di gravi criticità finanziarie.
Detto in altri termini: hanno fallito!

A partire dal giugno 2014 e fino ad ottobre 2019 non sono stati in grado di programmare e mettere in atto politiche di bilancio e atti finanziari in grado di salvare dal collasso il Comune, i servizi comunali e le opere appaltate dal Comune.
Detto in altri termini: un disastro!

La delibera della Corte dei Conti, in più, mette una pietra tombale sull'ennesima promessa elettorale del sindaco Landella, che ha dichiarato di poter chiudere la procedura di riequilibrio con un anno di anticipo. Come intende farlo? Con quali risorse? Con quale programmazione?
Detto in altri termini: ha detto una bugia alla città.

E intanto i foggiani si terranno le strade bucate e i marciapiedi rotti, le lampadine dell'illuminazione pubblica spente, gli autobus sfasciati, l'immondizia per terra, gli alberi che cadono, i parcheggi e i parcheggiatori abusivi, il traffico caotico.
Detto in altri termini: una città male amministrata.

Lo sappiamo che ora partirà il coro sulle responsabilità degli altri, di chi c'è stato, di chi ha fatto, di chi ha detto. La solita manfrina che serviva, perché nessuno ci crede più, a nascondere l'incapacità di chi amministra e, ciò che è peggio, le specifiche e precise responsabilità amministrative che la Corte dei Conti ha smascherato.
Se il sindaco Landella, la Giunta che a lui risponde e i consiglieri di centrodestra che condividono le sue scelte amministrative avessero un po' di coraggio dovrebbero ammettere di aver sbagliato tutto e rimboccarsi le maniche per risolvere i problemi che loro hanno creato e aggravato.
Detto in altri termini: dovrebbero amministrare bene Foggia! Ma non lo sanno fare, purtroppo.