Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 230 visitatori e nessun utente online

Politica

monteNESSUNA CONCERTAZIONE PER ORDINANZA “MOVIDA ESTIVA”. IL GRUPPO “A MONTE” HA CHIESTO UN CONSIGLIO COMUNALE MONOTEMATICO
Abbiamo sempre sostenuto che l’Amministrazione d’Arienzo non ha una visione su come fare turismo in una città che si fregia di ben due siti UNESCO e che si è candidata a Capitale della Cultura Italiana 2025.
Nei giorni scorsi, infatti, il Sindaco ha emesso un’ordinanza con la quale vengono dettati gli orari di chiusura dei locali nel periodo estivo.
A leggere bene quell’atto, si può dire che siamo alla farsa, perchè gli orari sono così stringenti che sembra sia quasi inutile per i commercianti aprire l’attività, anzi, sembra sia una Ordinanza punitiva verso i giovani. I giovani non sono degli “incivili”, traboccano di valori, di energie, di voglia di fare e di affermarsi; sono capaci di trasmettere tanti messaggi positivi: prima di stabilire restrizioni con ordinanze scritte senza criterio, bisognerebbe avere la capacità di rispondere e soddisfare le loro esigenze.
Che ci debba essere una regolamentazione degli orari di apertura e chiusura dei locali o della somministrazione di bevande o dell’utilizzo di apparecchi radiofonici di intrattenimento questo è sicuramente giusto, ma sarebbe stato altrettanto giusto arrivare a prendere queste importanti decisioni coinvolgendo diversi attori. Allora noi chiediamo al Sindaco: “Sono state invitate le Organizzazioni di categoria (Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato ecc.) per condividere con loro questa importante decisione?”.
Peraltro, è sconcertante leggere nell’ordinanza del Sindaco che c’è persino il divieto di stazionare in alcune zone della città!
Quando si devono trattare argomenti che attengono la quiete e l’ordine pubblico (così scrive il Sindaco nell’ordinanza) è giusto contemperare tutte le esigenze – dei residenti, degli avventori, dei giovani, degli operatori e delle Forze di Polizia che devono far rispettare le regole – e questo può avvenire solo se c’è concertazione. Inoltre, vogliamo dire al Sindaco che, se avesse chiesto il nostro parere, lo avremmo dato, serenamente, nell’esclusivo interesse della città.
Riteniamo che quanto successo meriti attenzione e discussione anche in Consiglio Comunale. Pertanto, in data odierna il Gruppo Consiliare “A MONTE” ha richiesto la convocazione di seduta di Consiglio Comunale monotematico.

Movimento politico A MONTE – Monte Sant’Angelo