Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 241 visitatori e nessun utente online


comune foggia 01Ed hanno anche la faccia tosta di ricandidarsi, dicendo che hanno fatto bene il loro lavoro, ma non dicendo che ci stanno facendo pagare i loro sbagli.
Questi giochetti di bassa amministrazione ci stanno danneggiando.
L'amministrazione Landella ed i suoi compari ne hanno combinata un'altra. 
Il D.Lgs. n.155 del 7/09/2012, disponeva la soppressione delle sedi giudiziarie di alcuni Giudici di Pace. Tali sedi erano ubicati nei comuni della Provincia di Foggia. Va da sè, che con la chiusura di alcuni sedi, nasce l'esigenza di poter avere degli spazi dove poter depositare,  archivi, arredi e suppellettili, delle vecchie strutture.
L’Amministrazione Comunale, riusci ad individuare, con le caratteristiche richieste, un immobile di mq. 4.200,00, lungo la SS 16 al KM 678+ 840, di proprietà della SO.GE.F.IMM.S.r.l.
Il 10 luglio 2015, venne stipulato il contratto di locazione. la Commissione di Manutenzione del Circondario di Foggia, alla cui valutazione era sin dall’inizio sottoposta la validità del contratto il 14 luglio 2015, determinava l'inidoneità dell'immobile, in quanto sullo stesso dovevano essere effettuate, anche in maniera tempestiva, dei lavori.
Ma già nel lontano 20 novembre 2014, l’Agenzia del Demanio di Foggia aveva espresso parere d'inidoneità all’uso di archivio/deposito degli Uffici Giudiziari, in quanto ricadente in zona “E” area agricola del vigente P.R.G.
Con una determina dirigenziale veniva revocato il contratto di locazione, e con successiva determina il Dirigente del servizio LL.PP., ing. Potito Belgioioso, rimetteva le fatture elettroniche da riconsegnare alla SO-GE.F.IMM. S.r.l., nonché le chiavi dell’immobile.
Quelle chiavi non furono mai riconsegnate alla società locatrice, ma restarono in un noto "famoso cassetto" chiuse a chiave della scrivania del capo gabinetto del Sindaco, fino a quando, la SO.GE.F.IMM. non propose la procedura monitoria di ottenere il pagamento di tutti gli arretrati dei canoni non pagati dall’Ente, che, come già detto, continuava a detenere l’immobile, non avendo restituito le chiavi ed il possesso dello stesso all’avente diritto. Ma si può, 
Un giochetto o una dimenticanza? Sta di fatto che i foggiani si sono ritrovati a pagare pochi giorni fa €. 265.169,28, poichè lo stesso Comune ha fatto opposizione al Decreto Ingiuntivo della SO.GE.F.IMM, è questo ha aumentato le spese, sottraendoli al bilancio Comunale.