Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 326 visitatori e nessun utente online

cavaliereCavaliere: "Ennesima penalizzazione per i cittadini e le imprese foggiane, mentre l’Amministrazione comunale tace e acconsente"

L'orario estivo dei collegamenti ferroviari tra la Puglia e Roma riserva ai foggiani l'ennesima sopresa negativa: una coppia di treni fermerà a Barletta, ma non a Foggia.
Il capoluogo Dauno sarà l'unico ad essere saltato da questo collegamento, con immaginabili ricadute negative per l'intera Capitanata.
Tutto ciò avviene con al governo del Paese Lega e Movimento5Stelle e al governo della città Franco Landella.
Proprio l'Amministrazione comunale retta da Lega e Forza Italia ha siglato lunedì scorso una convenzione con Rete Ferroviaria Italiana come se la discriminazione appena annunciata non avesse importanza e senza il minimo accenno di protesta per la ritardata presentazione del progetto e l'avvio dei lavori della seconda stazione.
Proprio l'assenza di tale infrastruttura ha determinato il salto di Foggia ed ecco perché abbiamo indicato come priorità programmatica la realizzazione dell’hub intermodale con la 2^ stazione e degli interventi di sistema correlati.
Interventi che l’Amministrazione comunale uscente ha annunciato come definiti e imminenti a dicembre scorso, mentre ad oggi non risulta la presentazione di alcun progetto e, per conseguenza, incassiamo l’ennesimo schiaffo alle esigenze di trasporto e servizio per i foggiani.
Ad aggravare la situazione c'è l'assenza della previsione di una stabile connessione ferroviaria tra le due stazioni, indicata come essenziale e strategica dal Consiglio comunale e ignorata dall'Amministrazione com'è accaduto per molte altre delibere consiliari.
Sono fermamente convinto che fino a quando non sarà realizzata la seconda stazione tutti i treni che collegano e collegheranno la Puglia alla Campania e al Lazio devono fermarsi a Foggia e mi impegno fin d'ora ad adoperarmi affinchè ciò avvenga quando saremo al governo della nostra Città.