Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 392 visitatori e nessun utente online

corteiOggi 8 novembre 2019 gli studenti e le studentesse dell'Unione degli Studenti Foggia e Link Foggia sono stati in presidio sotto Palazzo Dogana mentre una delegazione ha incontrato i rappresentanti dell'amministrazione provinciale.

"L'esito dell'incontro con la provincia non è stato soddisfacente: se è vero che è stato un primo passo verso un'interlocuzione più approfondita con l'ente, che continua nonostante tagli e riforme a conservare competenza sulle scuole superiori, è ancora più vero che non ci è stata data la possibilità di incontrare i rappresentanti dotati di responsabilità politica." dichiara Jacopo lo Russo dell'Unione degli Studenti Foggia.

"Abbiamo appurato che molto si sta già facendo sul fronte dell'efficientamento energetico e della manutenzione straordinaria, ma resta il grande tarlo dell'ordinario: occorre che il Governo si impegni ad investire più fondi nell'edilizia del nostro territorio. Per questo motivo abbiamo chiesto di incontrare il presidente della Provincia Gatta, per poter discutere della programmazione sugli interventi strutturali e sulla pressione che si intende fare sul Governo" continua lo studente.

"Siamo stanchi di essere ignorati: in questa città sempre più spesso si dipingono i giovani come delinquenti e svogliati. Questa immagine è strumentale al non voler ascoltare i bisogni e le esigenze di studentesse e studenti medi e universitari di questa città." dichiara Michele Cera di Link Foggia.

"La prova dei fatti dimostra che invece la nostra generazione vuole farsi sentire, e che soprattutto vuole essere ascoltata: vogliamo che le istituzioni ci ascoltino, che si apra un percorso di dialogo per costruire la città del futuro!" continua Cera.

"Il 17 Novembre saremo a Bari per una grande assemblea di tutti i soggetti in formazione: è dagli studenti che questa città e questa regione possono rinascere, ed è nostra intenzione costruire un percorso che vada in questo senso." concludono gli studenti.