Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online

ospedaleluceraL'eccellenza sanitaria non è solo questione di Nord. Il Sud c'è, anche se ancora presenti poche, direi pochissime volte ma c'è. Questa dev'essere solo un trampolino di lancio per far lavorare meglio ed al meglio i nostri professionisti.
Il lavoro del dott. Merlicco, nel reparto di chemioterapia al Lastaria di Lucera è stato recensito su una prestigiosa ricerca scientifica

L'International Journal of Surgery Case Reports, ha pubblicato l'importante lavoro effettuato all'ospedale Lastaria di Lucera, primo caso nella letteratura scientifica, su un paziente affetto da neoplasia gastrica e con estese cicatrici cutanee da ustioni del collo-torace a cui è stato impiantato un Picc-Port (o Port Brachiale) per la somministrazione della chemioterapia.
L'intervento è stato portato a termine dal dott. Domenico Merlicco, dirigente medico responsabile dell'ambulatorio Accessi Vascolari del presidio ospedaliero Lastaria di Lucera del policlinico Riuniti di Foggia, il dott. Massimo Lombardi, dirigente medico del Day Hospital di Oncologia del presidio ospedaliero di San Severo della Asl di Foggia e la dott.ssa Maria Carmela Fino, infermiera professionale dell’unità operativa di Oncologia medica del Lastaria.
L'articolo parla di una particolare metodica di impianto di device vascolare centrale totalmente impiantabile al braccio per la somministrazione di chemioterapici, di nutrizione parenterale e di terapia del dolore, realizzata dal dott. domenico Merlicco presso l'ambulatorio di cui è responsabile, che ha già ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale ed è inserito nella Rete Picc Italiana, a disposizione di tutti i pazienti oncologici e non, portatori di cateteri venosi centrali, provenienti dalla nostra provincia e dalle regioni limitrofe o del centro-nord Italia.
La tecnica, perfezionata negli ultimi tre anni, anche grazie alla presenza di un Picc-Port di piccolissime dimensioni e peso, simili al centesimo e di 2,9 gr, fornisce una miglior qualità di vita dei pazienti oncologici, in tutte le loro fasi.
Questa particolare tecnica chirurgica non  necessità di alcuna medicazione e flushing settimanale, ha un minor rischio di infezione e fornisce maggiori effetti sull’immagine corporea estetica.