Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 222 visitatori e nessun utente online

Spettacolo - Cinema - Arte - Cultura

turco napulitanoAl Teatro Regio di Capitanata la compagnia foggiana “La Farsa” porta in scena la commedia di Eduardo Scarpetta il 14 e 15 aprile 2018

Una commedia notissima, soprattutto perché interpretata negli anni Cinquanta sul grande schermo dal principe della risata, Totò: sabato 14 e domenica 15 aprile al Teatro Regio di Capitanata di Foggia (in via Guglielmi, 8a – Chiesa Madonna del Rosario), la compagnia teatrale foggiana La Farsa metterà in scena ’Nu turco napulitano, scritta dal grande commediografo partenopeo Eduardo Scarpetta.
Lo spettacolo rientra nel cartellone della 17a stagione teatrale Enarché (associazione e compagnia teatrale presieduta da Carlo Bonfitto) che, come di consueto, nel corso della stagione dà spazio a numerose compagnie ospiti. La prossima messinscena (rivisitata in “salsa foggiana”),’Nu turco napulitano appunto, avrà per protagonista un gruppo teatrale foggiano attivo da molti anni, la compagnia La Farsa, che è strettamente legata alle attività dell’associazione culturale Le Opere dell’Opera. Impegnata da molti anni in attività culturali e soprattutto nei laboratori teatrali – con una particolare attenzione ai più giovani –, la compagnia ha la sua “base” presso l’Opera San Michele di Foggia, dove i tanti componenti del gruppo (nonché dell’Associazione Le Opere dell’Opera) si impegnano in una lodevole opera socioeducativa, che ha l’obiettivo di limitare l’evasione scolastica, aiutare le famiglie in stato di disagio socioeconomico e dare una mano a quanti (specie i bambini e i ragazzi in età scolastica) hanno difficoltà a seguire con regolarità l’indispensabile percorso di istruzione. E dunque, racconta il regista della commedia Roberto Ruggiero, l’associazione propone laboratori teatrali, teatro di burattini, una sorta di “teatro della liberazione” che viene svolto anche presso le istituzioni scolastiche.

La trama. Felice Sciosciammocca (Antonio Ruggiero), incarcerato ingiustamente per un delitto, in galera familiarizza con un lestofante, Faina (Roberto Ruggiero). Sciosciammocca mostra subito una forza straordinaria. Quando capisce di essere stato condannato a morte, accetta la proposta di evasione di Faina, piegando senza problemi le sbarre della cella.
Usciti di prigione, i due incontrano un forestiero turco che chiede indicazioni per la stazione, poiché deve recarsi a Sorrento per lavoro. Compreso che nessuno conosce l’uomo, Faina e Felice lo stordiscono e lo derubano. Il primo convince il secondo ad andare a Sorrento con i documenti del forestiero per prenderne il posto di lavoro e l’identità. Felice scopre che il turco sarebbe dovuto andare a bottega di don Pasquale Catone (Angelo Ruggiero), uomo ricco ma gelosissimo della moglie Giulietta (Loredana Mele) e della figlia Lisetta (Alessia Di Corcia). Don Pasquale attendeva il forestiero che gli era stato promesso dall'On. Cocchetelli, il quale vuole ingraziarselo in vista delle prossime elezioni.
L'onorevole invia una lettera a Pasquale che, casualmente, giunge poco dopo l'arrivo di Felice, lettera in cui comunica all'uomo che il turco è un eunuco. Pasquale, per delicatezza, non chiede conferma all'ignaro Felice e anzi, su suggerimento dell'amico don Ignazio (Luigi Papa), lo mette a guardia di moglie e figlia, garantendogli anche uno stipendio. L'uomo non comprende il motivo di tanta generosità ma accetta l'offerta e si fa benvolere da Giulietta, Lisetta, dalla moglie di Ignazio, Angelica (Rosanna Rabaglietti), e dalla cameriera Concetta. Durante il suo lavoro a casa Catone arriva Faina, al quale non dice nulla dello stipendio, e scopre l'amore tra Lisetta e un giovane poeta, amore tenuto nascosto poiché Pasquale l’aveva promessa a don Carluccio (Antonio Castucci), rozzo nipote di don Ignazio.
Durante la cerimonia di fidanzamento tra Lisetta e Carluccio, Felice seduce sia Giulietta che Angelica, mentre tutti sono in fermento per l'arrivo dell'On. Cocchetelli e della moglie (che in realtà è l'amante, una ballerina francese che Felice aveva già visto a teatro). Mentre Lisetta rompe il fidanzamento, mandando su tutte le furie Carluccio, Cocchetelli trova Felice in atteggiamento intimo con l'amante, scoprendo che l'uomo non è il turco che aveva promesso a don Pasquale. Il politico però non può rivelare nulla a Catone perché la cosa lo metterebbe in cattiva luce con il ricco ed influente padrone di casa.
La verità viene ugualmente svelata a Pasquale da Faina che, scoperto il ricco compenso percepito da Felice, decide di vendicarsi e farlo cacciare. Pasquale va su tutte le furie sia con Felice che con l'Onorevole, ma in quel momento arriva anche Carluccio, che grida vendetta per l'affronto subìto da parte di Lisetta. Il prepotente nipote di Ignazio viene messo in fuga dalla forza sovrumana del falso turco. La storia si conclude con Don Pasquale che ringrazia Felice per l'aiuto offertogli e concede a Lisetta di fidanzarsi col suo innamorato, mentre Cocchetelli riceverà l'aiuto di don Pasquale e degli altri elettori per vincere le elezioni.

La regia della commedia è affidata a Roberto Ruggiero; scenografie di Giovanna La Gatta e Giovanni Di Corcia; costumi di Claudia Russo e Maria Petrillo; audio e luci a cura di Matteo l’Altrelli.

17a Stagione Teatrale 2017/18
’Nu turco napulitano
Commedia comica in due atti
Testo di Eduardo Scarpetta
Regia: Roberto Ruggiero
Con: Antonio Ruggiero, Alessia Di Corcia, Angelo Ruggiero, Roberto Ruggiero, Antonio Castucci, Luigi Papa, Rosanna Rabaglietti, Loredana Mele
Sabato 14 e domenica 15 aprile 2018
Foggia, Teatro Regio di Capitanata – via Guglielmi, 8a (c/o Chiesa Madonna del Rosario)
Porta: ore 20.30, sipario ore 21.00

Maria Cristina Sicilia
Addetta stampa Teatro Regio di Capitanata - Compagnia teatrale Enarché di Foggia
Info: Compagnia Enarché - Teatro Regio di Capitanata: prenotazioni 347/8381608, informazioni: 338/8466762