Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online

ilgoldell1-0divavComunicato Stampa di mercoledì 24.04.2013
    
Fuente Foggia: «concentrati sul Barletta».
Il tecnico Miki Grassi pensa passo dopo passo a questo finale di campionato con l’Under 21. «Dal 2005 ad oggi tanti passi avanti».

Continua a vincere la Fuente Foggia under 21, confermando quanto di buono fatto ad inizio stagione, quando si è allestita la squadra, ma anche tutto il lavoro che lo staff tecnico sta realizzando, giorno dopo giorno, con questi ragazzi e soprattutto il lavoro di tanti anni, colmi di sacrifici, per arrivare a questi livelli . I Blancos disputeranno la doppia gara degli ottavi di finale contro il Barletta Calcio a 5, squadra che hanno già affrontato (e battuto) due volte nel girone.
L’obiettivo dichiarato dal presidente Tiso, al termine della stagione della prima squadra in A2, quello di arrivare quantomeno in finale, si avvicina anche se il tecnico foggiano, Miki Grassi, tiene ben saldi i piedi per terra: «Noi vogliamo arrivare il più lontano possibile, siamo una società giovane che sta crescendo anche nel settore giovanile dove non abbiamo grande tradizione, ciò non toglie che ci giocheremo le nostre carte sino alla fine.
Il nostro è un progetto che parte da lontano, l'under è cresciuta dal 2005, anno di fondazione della società, sino ad oggi.
Ragazzi validi come Laccetti, Gesualdi, Monopoli e non ultimo Piccinno, cresciuto molto nell'ultimo anno all'ombra di De Melo, la dicono lunga sulla validità di tale progetto e sulla sua crescita con il passare degli anni. Poi quest’anno abbiamo arricchito la rosa con Vavà, visto l'anno scorso all'opera nel Sala Consilina, con Lupoli, da tempo seguito dal nostro staff quando era nelle fila del Manfredonia, con Manzatti, arrivato a Dicembre e che pian piano si è ritagliato lo spazio sia in prima squadra che nell'under 21.
A questi vanno aggiunti i ragazzi della Juniores, ne sono tanti e tutti validi, tutti indistintamente senza tralasciare nessuno, una ulteriore testimonianza che stiamo lavorando bene dalle basi e quindi dalla scuola calcio a 5, agli allievi fino alla juniores».
Poi il tecnico si sofferma sulla difficoltà della competizione ancora in atto e degli avversari da affrontare: «Credo che da questo momento in poi gli avversari siano tutti di un certo livello, ma conosciamo la nostra forza. Quest'anno non lasceremo nulla al caso, i ragazzi stanno lavorano sodo per rimanere nella competizione sino alla fine».
Una squadra, la Fuente under 21, che non teme nessuno, né sul piano tecnico, né sul piano delle trasferte, visto che con tutta probabilità, nel caso si vada avanti nel percorso, ai quarti potrebbe esserci la trasferta in Sicilia in casa dell’Augusta (agli ottavi giocherà contro il Mirto calcio a 5).
«Ora siamo concentrati sul Barletta, non ci devono essere altre squadre nella nostra testa ma solo il Barletta - afferma Grassi. I ragazzi sanno perfettamente che il nostro prossimo avversario non sarà quello del campionato, faranno parte della gara alcuni ragazzi che nelle due gare precedenti non erano presenti, già questo ne fa una squadra diversa.
Abbiamo rispettato tutte le squadre sinora incontrate, giocando con la giusta intensità fino alla fine, questo è quello che dobbiamo fare in ogni gara impegnandoci al massimo aldilà del risultato.
Temere credo sia una parola che non si addica a questo sport, noi non dobbiamo temere nessuno, rispettare le squadre avversarie ed impegnarci per trarre il massimo profitto dalle nostre gare, questo è quello che dobbiamo fare».

Infine uno sguardo al suo futuro a tinte Blancos: «- I contatti ci sono e ci sono sempre stati, fanno parte del gioco e quando si lavora in un certo modo è giusto che ci siano. Ma fino a quando la Fuente rimarrà una famiglia sana, composta da gente seria e professionale, rimarrò Blancos a vita. Questa è la mia casa,  mi trovo benissimo qui. Io ed il mio staff possiamo fare il futsal come piace a noi, con l'umiltà che ci ha sempre contraddistinto,  indipendentemente dai risultati raggiunti».
Un vero e proprio attestato di amore e di fedeltà verso questa società.
 
FABIO LATTUCHELLA - UFFICIO STAMPA FUENTE FOGGIA