Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 270 visitatori e nessun utente online

 

Stato:

Italia

Regione:

Puglia

Provincia:

Foggia

Coordinate:

41°51′0″N 15°9′0″E/ 41.85°N 15.15°E

Altitudine:

226 m s.l.m.

Superficie:

60,91km²

Abitanti:

1.761

 

Densità:

29,3 ab./km²

Comuni contigui:

Campomarino (CB), San Martino in Pensilis (CB), Serracapriola

CAP:

71010

Pref. telefonico:

0882

Nome abitanti:

Chieutini

Santo patrono:

San Giorgio Martire

Giorno festivo:

23 aprile

Chieuti è un comune arbëreshë di 1.761 abitanti della provincia di Foggia. Chiamato in passato Pleuctum deriva forse da pleute, collegandosi al greco pleuron (costa). Località balneare segnalata con tre vele nella Guida Blu di Legambiente. Confina con Campomarino (CB), San Martino in Pensilis (CB), Serracapriola.

 

 

IL TERRITORIO

 

Sorge a 225 m s.l.m. su un colle non distante dal mare Adriatico, limitato a nord dal torrente Saccione e sud dal fiume Fortore. La località balneare Marina di Chieuti è caratterizzata da lunghe spiagge sabbiose. Il clima tipicamente marittimo ha estati calde di 27°C ed inverni umidi di 3°C.

 

STORIA

 Il territorio chieutino comprende l'area dove sorse l'antica città di Cliternia Frentana, distrutta dai Goti nel 495 d.C. Tra il 1461 e il 1470 vi si stabilì una numerosa comunità di albanesi, giunti in Puglia al seguito di Giorgio Castriota Skanderbeg intervenuto a sostegno di Ferrante I d'Aragona contro Giovanni d'Angiò. L'impronta albanese è tuttora viva nella lingua e nella cultura locale. In età moderna fu feudo delle famiglie Carafa, Guevara, Gonzaga, d'Avalos e Maresca. Per Chieuti, che nel passato fu parte del contado del Molise e non della Capitanata, è stata recentemente proposta l'annessione alla Regione Molise.
Accanto all'italiano vi si parla un particolare idioma, la lingua arbëreshë, presente particolarmente nella terra d'origine dei suoi abitanti, l'Albania meridionale.

 

  





EVENTI

 Festa di San Giorgio il 23 aprile, con la corsa dei buoi.