Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 218 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

filmIl cortometraggio di Gigi Giuffrida e Franco Mastroluca sul confino di polizia alle Isole Tremiti

Sarà presentato venerdì 14 giugno a Manfredonia e lunedì 17 a Foggia il cortometraggio Le isole delle acque verdi, scritto da Franco Mastroluca e diretto da Gigi Giuffrida.
Girato tra Manfredonia, Foggia e Tremiti, il film richiama le vicende delle Isole Diomedee al tempo del confino di polizia, durante il Ventennio fascista, attraverso lo svolgersi di un serrato confronto tra tre sceneggiatori chiamati a scrivere un copione per un film ambientato proprio in quel periodo. Un argomento, per le Tremiti, mai rappresentato.
Perciò la trama si sviluppa in modo tale da scorrere quegli avvenimenti, sfiorandoli o approfondendoli, per proporre il contesto e alcuni episodi del periodo e, nello stesso tempo, rendere l’intreccio molto vivo, fatto di colpi di scena e intensamente drammatico nella rivelazione finale.
Le immagini dell’oggi, catturate anche dal drone o dall’elicottero, intrecciate col ricordo e la ricostruzione dei luoghi della deportazione, amplificano il contrasto che l’intero film vive.
Oltre ad esserne il regista, Gigi Giuffrida è anche uno degli interpreti, affiancato da Edoardo Romano, Tiziana Bagatella, Martina Difonte, Ciro Persiano, Floriana Rignanese e Pasquale Tricarico.
La fotografia è stata curata da Gianni Grifa e le musiche sono state scritte da Matteo Iacoviello. La produzione esecutiva è stata affidata all’Associazione Daunia Tur di Manfredonia.
Il 14 giugno, a Manfredonia, la presentazione avverrà alle 18,45, presso l’Auditorium del Regio Hotel Manfredi, con la partecipazione del regista Gigi Giuffrida, dello sceneggiatore Franco Mastroluca e del presidente provinciale dell’ANPI, Michele Galante.
Il 17 giugno, a Foggia, l’appuntamento è fissato per le ore 18,45, presso l’Auditorium Santa Chiara e vedrà la partecipazione - insieme al regista e allo sceneggiatore -di Giulio Volpe, presidente della Fondazione Apulia Felix, Aldo Ligustro, presidente della Fondazione Monti Dauni di Foggia, Giovanni Forte, segretario regionale dello SPI-CGIL Puglia e Michele Galante.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

orsara
Sabato e domenica murales, pittura e scultura en plein air, installazioni, musica e mostre
Proiezioni, riproduzioni giganti delle grandi opere d’arte, artisti da tutta Italia

ORSARA DI PUGLIA  Una vera e propria invasione d’arte e di artisti: da venerdì 7 a domenica 9 giugno, a Orsara di Puglia sarà di scena la quarta edizione di “Colors”, simposio artistico e concorso di pittura e scultura “en plein air” che trasformerà le vie del paese con installazioni, murales, mostre, mercati dell’artigianato, video-arte, proiezioni, dj set e “note dipinte”.
SABATO E DOMENICA, IL PROGRAMMA. Dalle 9 alle 12 e poi dalle 15 alle 18.30, sabato 8 e domenica 9 giugno Orsara di Puglia diventerà “palcoscenico” all’aperto per il concorso di pittura e scultura “en plein air” di Colors, con artisti provenienti da tutta Italia. Particolarmente suggestivo sarà lo scenario dell’imponente complesso abbaziale orsarese, con pittura, scultura, performance e installazioni artistiche che invaderanno anche il resto del centro storico. Oltre al concorso e al simposio d’arte, “ColorStreet” porterà colori, murales e riproduzioni giganti di opere come la Notte Stellata di Van Gogh nel cuore del paese, in ogni via, con installazioni che trasformeranno il volto di Piazza Mazzini. A Palazzo De Gregorio e in tutto il centro storico, inoltre, dalla mattina sarà attivo il Mercato dell’arte e dell’artigianato. Saranno diverse anche le mostre a cui poter accedere: “Red Colors” a cura di Bibart; “Colors Story” a cura della Parrocchia; “Orsara Art” a cura di Avis Orsara. Pittori, scultori, performer, muralisti che operano a livello nazionale e internazionale invaderanno il paese dando sfogo alla loro creatività en plein air e permettendo ai visitatori di essere parte attiva del processo di formazione delle opere, in più mostre, istallazioni, musica e video proiezioni. Domenica, in particolare, i visitatori potranno dipingere su tele giganti, vedere impressa la musica su tela digitale, e godere della musica e dei dj set che saranno di scena in Piazza Mazzini fino a notte fonda. L’evento è organizzato da Comune di Orsara di Puglia, Federico II Eventi e Parrocchia San Nicola di Bari.
LA FESTA DEI COLORI. “Colors è la festa del colore, arte per tutti. Da qui l’idea di far nascere Colorspirit, un movimento contro l’inerzia che spesso attanaglia le piccole realtà e preclude la visione del bello”, ha spiegato Miguel Gomez, direttore artistico dell’evento già noto per la direzione della Biennale Internazionale di Arte di Bari e area metropolitana (BIBART) che quest’anno ha registrato un record di presenze. “Colors è un’occasione per dare colore all’anima, darci una possibilità di espressione tra lo spirito e il genio, un modo per metterci le ali e spiccare un salto più in là per far crescere il cuore. È uno stimolo, che il Signore possa cogliere come una sua occasione per incontrarci”, ha dichirato il parroco, don Rocco Malatacca.
UN PAESE VIVO. “Colors19 è un manifesto culturale per un paese vivo, in cui lo spazio i giovani se lo prendono per proporre un modo originale di esprimersi, attraverso l’arte, la musica, tutti i colori della libertà e della voglia condivisa di creare qualcosa di nuovo”, ha detto Tommaso Lecce, sindaco di Orsara di Puglia. “Saranno coinvolti gli artisti, gli artigiani, chiunque sappia e voglia mettersi in gioco. Il concorso di pittura e scultura è aperto a 20 talenti emergenti che avranno la possibilità di vincere uno spazio espositivo durante la prossima BIBART. Sulle pagine social dell’evento tutte le informazioni e gli inviti alle performance spontanee e improvvise, colors #succede, #vienievedi.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)


orsaraMissione svizzera per Orsara e altri 11 comuni della provincia di Foggia
Il Ministro Giulio Alaimo ha tenuto a battesimo un nuovo progetto di integrazione turistica

ORSARA DI PUGLIA. “Missione Svizzera” per 12 comuni della Capitanata. Nella sede del Consolato italiano di Zurigo, il sindaco di Orsara di Puglia e i rappresentanti di altri 11 comuni della Capitanata (Accadia, Sant’Agata di Puglia, Troia, Monteleone, Peschici, Bovino, Ascoli Satriano, Rocchetta Sant’Antonio, Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis) sono stati ricevuti a Giulio Alaimo, Console e Ministro della Repubblica Italiana, per presentare “Di mari e di monti: viaggio dai Monti Dauni al Gargano”, un progetto di valorizzazione che integra l’offerta turistica di un territorio dalle enormi potenzialità con quella dell’area garganica, un brand già conosciuto e affermato nel mondo. “Ringrazio tutti i miei colleghi sindaci, il Console e Ministro Alaimo, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’ideatrice dell’iniziativa Stefania De Toma”, ha dichiarato il sindaco di Orsara, Tommaso Lecce, presente a Zurigo. In Svizzera, c’erano anche lo chef orsarese Peppe Zullo, scelto come alfiere della grande cucina pugliese, e il cantautore e musicista Tony Santagata, artista al quale Orsara di Puglia qualche anno fa ha consegnato simbolicamente le chiavi del paese e la cittadinanza onoraria per meriti artistici e culturali. “Di mari e di monti: viaggio dai Monti Dauni al Gargano” è anche uno splendido video realizzato dal regista foggiano Tonio Di Bitonto, un racconto per immagini accompagnato dalla colonna sonora originale scritta dal musicista barese Nicola Pannarale. L’evento è stato realizzato con la collaborazione della sede svizzera dell’ENIT, Ente Nazionale Italiano Turismo e Puglia Promozione.
MONTI DAUNI E GARGANO, INSIEME. “L’unione fa la forza”, ha aggiunto Tommaso Lecce intervenendo ieri alla conferenza stampa di presentazione. “I sindaci di questo territorio devono essere uniti, lavorare insieme, favorire l’integrazione di una innovativa offerta turistica dedicata a chi intende conoscere veramente la provincia di Foggia, per intero, e la sua straordinaria ricchezza di biodiversità ambientale e culturale. Orsara di Puglia sta lavorando da anni in questa direzione, anche grazie a personalità come Peppe Zullo e Tony Santagata, che portano il nostro brand in giro per il mondo, rivelando un patrimonio immenso tra natura e cultura, boschi e enogastronomia, antichissime testimonianze storiche e grande capacità d’innovazione soprattutto nel comparto agroalimentare”, ha spiegato Tommaso Lecce. “I Monti Dauni non sono un’aggiunta superflua, piuttosto si configurano come un valore aggiunto, un’area che fa scoprire una Puglia inaspettata, diversa, fatta di rilievi montani, laghi, riserve faunistiche, paesaggi naturalistici e centri storici medievali”, ha proseguito il sindaco di Orsara. “Continuiamo a lavorare insieme”, ha detto il primo cittadino orsarese rivolgendosi ai suoi colleghi degli altri comuni. “Insieme, infatti, abbiamo più risorse e maggiore attrattività, e possiamo costruire una serie di itinerari che interconnettono le singole offerte turistiche, fanno crescere i servizi, danno spazio al lavoro e alla creatività dei giovani, forniscono un’opportunità vera di sviluppo attraverso l’integrazione di turismo, cultura, enogastronomia ed economia verde”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoSabato 8 giugno, cerimonia e Carovana degli Artisti per la riconsegna dell’opera
La storia di una splendida scultura lignea, dono dell’artista Antonio Sorace

VICO DEL GARGANO Arte pubblica a Vico del Gargano. Nel ‘paese dell’Amore”, devoto a San Valentino, presto un’altra opera d’arte arricchirà il già famoso e apprezzato centro storico del borgo. Si tratta di una Sirenetta, una scultura lignea realizzata dall’artista Antonio Sorace. “In realtà”, ha spiegato il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino, “si tratta di un ritorno”. Ed è proprio così. Nel 2015, in occasione dell’evento “Vivi l’Arte nel Parco”, la splendida e sinuosa ‘donna-sirena’ fu donata al paese e posizionata nel Rione Casale, su un balcone, a indicare l’appartenenza di questo borgo incantato a ‘due cieli’, quello che sovrasta la vicina Foresta Umbra e l’altro, disegnato dalle onde del mare di San Menaio e Calenella. Dopo una fase di restauro, di cui si è occupato personalmente l’artista autore dell’opera, la Sirenetta sta per tornare a Vico del Gargano. Sabato 8 giugno, alle ore 17, si terrà una cerimonia di riconsegna in via Stefanelli 52 (giro esterno nei pressi del locale Orto del Conte") con la partecipazione della "Carovana degli Artisti" presenti a Peschici per il simposio d'arte intitolato Percezioni. "Grazie all'associazione Nuova Vico in Arte", ha spiegato l'assessore alla Cultura Rita Selvaggio, "il nostro borgo torna a essere protagonista di un evento culturale che promuove la bellezza della scultura e il patrimonio architettonico vichese". Ad accogliere la Sirenetta di Vico, oltre all’Amministrazione comunale, ci saranno i 16 protagonisti della “Carovana degli Artisti” e l’associazione promotrice dell’iniziativa, “Nuova Vico in Arte”.
CHI E’ ANTONIO SORACE. Antonio Sorace è uno scultore romano molto apprezzato. Le sue opere “sorgono” dalla pietra, dal legno, dalla sua viva passione per la fotografia e l’architettura. Affascinato dai simboli e dai miti che mettono insieme umanità e leggenda, realtà e fantasia, Antonio Sorace ha donato alla Sirenetta di Vico uno slancio e un’energia che, attraverso la materia, riescono a proiettare quell’opera d’arte oltre le dimensioni incatenanti del tempo e dello spazio, superando la distinzione tra ciò che è reale e ciò che, forse, non lo è. E’ uno slancio verso le profondità dell’insondato, diretto verso l’esplorazione di mondi che offrono sogni, opportunità, orizzonti nuovi.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

spicgilGiovedì 23 maggio, dibattito e proiezione del film-documentario “In questo mondo”
Tavola rotonda sull’alimentazione etica alla presenza dell’assessore Loredana Capone

SAN NICANDRO GARGANICO “Donna, Terra, Cibo: le fondamenta di un’alleanza”: è questo il titolo dell’iniziativa che si terrà a San Nicandro Garganico, giovedì 23 maggio 2019, alle ore 16. A Palazzo Fioritto, sarà proiettato “In questo mondo”, premiato come miglior documentario al Torino Film Festival. In primo piano, il tema della alimentazione etica e sana, contro lo sfruttamento dei lavoratori. L’iniziativa è organizzata dallo SPI Cgil, il Sindacato dei Pensionati Italiani. Interverranno il sindaco di San Nicandro Garganico, Costantino Ciavarella; l’autrice, filmaker ed esperta di paesaggio rurale e tematiche socio-culturali, Anna Kauber; l’assessore all’Industria Turistica della Regione Puglia, Loredana Capone; la nutrizionista biologa Mariateresa Sammartino; la segretaria SPI Cgil Puglia Filomena Principale; l’imprenditore agricolo Matteo Vocale della Bio Masseria Vocale. L’evento è parte del progetto “Mi cibo da mani libere”.
Il film documentario che sarà proiettato è un viaggio alla scoperta di un mondo reale ma insolito, quello delle donne pastore. Sono donne, lavoratrici, custodi di un paesaggio umano e lavorativo più unico che raro, dove ancora l’interazione tra essere umano, animali e natura crea qualcosa di autentico. Il viaggio descritto dal film “In questo mondo” è un itinerario che parte dalle Alpi e giunge tra i boschi e i fiori dell’Aspromonte. “Mi cibo da mani libere” è una campagna d’informazione itinerante per promuovere un nuovo sistema dell’alimentazione, al centro del quale ci sono le donne e gli uomini, il lavoro equamente retribuito e sicuro, il giusto prezzo per la coltivazione e la trasformazione di prodotti salubri ed etici. Agrumi, pomodori, angurie, ortaggi e frutta sono tra le eccellenze produttive pugliesi. Spesso sono prodotti e raccolti sfruttando la manodopera. Coltivare e raccogliere nei campi è un lavoro durissimo. Lavoro nero, sottopagato, sfruttamento e caporalato sono un fenomeno, un vero e proprio sistema, che riguarda lavoratori italiani e stranieri. “Mi cibo da mani libere” sostiene un modello di produzione che liberi dallo sfruttamento lavoratrici e lavoratori.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)