Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 244 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

castelluccio valmaggiore 

“L’estate 2021 a Castelluccio Valmaggiore si inaugura con due importanti interventi pubblici sul nostro territorio: quello relativo al bosco didattico nella zona delle cascate e la sistemazione del nostro campetto da calcio”: è così che il sindaco di Castelluccio Valmaggiore Rocco Grilli e l’amministrazione comunale annunciano la conclusione dei lavori rispetto a due rilevanti investimenti effettuati nel piccolo comune dauno, grazie alle risorse pubbliche sapientemente intercettate.
All’interno del circuito didattico del rinomato sistema museale di Castelluccio Valmaggiore, infatti, è stato completamente rimesso a nuovo il sentiero che conduce alle cascate Torrente Freddo, e reso praticabile in sicurezza per i visitatori ma anche per bambini, anziani e diversamente abili.
Il percorso consente di visitare con attenzione l’ecosistema fluviale del Celone (sulla cui valle si erge il Comune di Castelluccio), di raggiungere un punto di osservazione privilegiato sia per le cascate che per il ponte in pietra che conduce a Faeto e anche un punto di studio inedito per la folta e particolare vegetazione della zona. Quello che una volta era un sentiero stretto e sconnesso diventa oggi un vero e proprio museo a cielo aperto e, grazie al supporto degli educatori, un percorso didattico finalizzato ad ampliare l’offerta culturale castelluccese, aggiungendo un ulteriore tassello anche nel senso dell’educazione ambientale, grazie a un bando del Gal Meridaunia.
“Il lavoro che portiamo avanti ormai da qualche anno - spiega il direttore del Museo Valle del Celone Pasquale Bloise - è quello di sviluppare una offerta culturale a 360° che, a partire dal Museo, vada a valorizzare le ricchezze del territorio, anche storiche, artistiche e naturalistiche, sempre ancora troppo poco conosciute, come le cascate, che rappresentano un unicum in zona”.
L’altra opera, in fase di ultimazione, riguarda invece la ristrutturazione, sempre da parte del Comune, del campetto da calcio, nello specifico in merito a recinzione, fari e spogliatoi, che dimostra ancora una volta la sensibilità dell’Amministrazione comunale rispetto all’educazione allo sport, per giovani e meno giovani, tenendo conto anche dell’esistenza di una frequentatissima scuola calcio per bambini e ragazzi. “E non finisce qui – conclude il primo cittadino Grilli – perché l’Amministrazione sta lavorando in tal senso e a breve potrebbero esserci ulteriori buone notizie in merito ad altri finanziamenti”.

Samantha Berardino

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroI VINCITORI DEL CONCORSO PER STUDENTI “IL FUTURO CHE VORREI”. QUATTRO PANCHINE D’AUTORE SARANNO INSTALLATE NEI PRESSI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE MINUZIANO.

Si sono da poco conclusi i lavori della Commissione Giudicatrice che ha valutato i progetti grafici del concorso “Il Futuro che vorrei” promosso dall’Assessorato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di San Severo, rivolto ai giovani studenti delle Scuole secondarie di secondo grado di San Severo, per la decorazione delle panchine letterarie, una diversa dall’altra, che verranno installate nei pressi della Biblioteca Comunale A. Minuziano.

Per l’originalità e creatività delle proposte pervenute, la commissione composta dal dott. Vito Tenore, Segretario Comunale e Dirigente ad interim della II Area del Comune di San Severo, da Enrico Fraccacreta, poeta e scrittore, dal giornalista Beniamino Pascale e da Francesco Giuliani, docente, scrittore e poeta, ha individuato quali vincitori del concorso i progetti dei seguenti studenti: a pari merito DE LALLO FREDERICK, dell’Istituto “A. Fraccacreta” e ERIC SZABO dell’Istituto “Rispoli-Tondi” che hanno presentato due idee progettuali dedicate a Dante e che verranno realizzate entrambe sulla panchina letteraria dedicata al grande poeta; INFANTE SEVERINO, studente dell’Istituto “E. Pestalozzi” e UNGOLO VALENTINA, studentessa dell’Istituto “A. Fraccacreta”, i cui progetti andranno a decorare altre due panchine. Tutte le panchine saranno decorate dall’artista Michela Sarrocco.
Una quarta panchina sarà dedicata al Prof. Nino Casiglio, noto scrittore ed intellettuale della nostra città.
Le panchine letterarie, oltre a rappresentare un suggestivo elemento di arredo urbano, possono essere anche strumento di promozione della lettura fra giovani e adulti. Come previsto dalla Deliberazione di G.C. nr.26 del 01.03.2021, proposta dall’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Celeste Iacovino, tutti gli elaborati grafici saranno esposti presso la Galleria “L. Schingo” dal 1 al 15 settembre 2021 e tutti i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione al Concorso.
«Questo bellissimo progetto – ha dichiarato l’assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Iacovino – rientra in quello molto più ampio al quale la nostra Amministrazione sta lavorando ogni giorno, che prevede la promozione della lettura soprattutto tra i giovani. È chiaro a tutti che, se si vuole costruire un futuro culturalmente solido nella nostra città, questo futuro non può prescindere dalla promozione della lettura nelle famiglie. Grazie a questo progetto, cittadini e turisti potranno usufruire delle istallazioni per godere di momenti di sosta o riflessione, o semplicemente per ammirare il paesaggio accomodati sulle parole di personaggi illustri collegati alla storia della città. Le panchine saranno dunque non solo un mezzo per custodire e divulgare la letteratura attraverso i luoghi ma anche per salvaguardare i luoghi stessi attraverso la letteratura”.
“Cogliamo l’occasione – aggiungono il Sindaco Miglio e l’Assessore Iacovino - per esprimere la nostra gratitudine e quella dell’intera Amministrazione Comunale ai docenti degli Istituti che hanno aderito al concorso, i quali in questi mesi si sono impegnati ad affiancare i nostri ragazzi in questo periodo storico particolarmente difficile, dimostrando comprensione, disponibilità ed affetto”.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesansevero 

“San Giovanni e i miracoli della terra”: è questo il titolo del press tour che, da oggi martedì 22 a domenica 27 giugno 2021, racconterà agli italiani - attraverso immagini, articoli e post sui social – il patrimonio culturale, produttivo ed enogastronomico di San Severo. Per una settimana, giornalisti, blogger e instagramers soggiorneranno in città e, da qui, oltre a raccontare ciò che vedranno a San Severo, si muoveranno verso Foggia, Lesina e Torremaggiore. Il progetto ideato e promosso dall’Amministrazione comunale di San Severo è stato selezionato e finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del Programma Operativo Regionale FESR-FSE 2014-2020 "Attrattori culturali, naturali e turismo", Asse VI - Tutela dell'ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali - Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche.
Per ciò che riguarda il comparto primario e l’agroalimentare, San Severo è una delle cinque aree più importanti della provincia di Foggia. Lo è soprattutto grazie all’eccellenza che la città riesce a esprimere nel settore vitivinicolo, ma anche agli eccellenti risultati in termini di aziende, posti di lavoro e qualità delle produzioni per i comparti cerealicolo e olivicolo.
“Gli ospiti del press tour – dichiarano il Sindaco Francesco Miglio e l’Assessore alla Cultura e Turismo Celeste Iacovino” conosceranno i luoghi di pregio del centro storico di San Severo, visiteranno le cantine che meglio esprimono la tradizione e l’innovazione vitivinicola sanseverese. Attraverso post, immagini e video, documenteranno in presa diretta il loro viaggio alla scoperta delle masserie, dei pastifici, delle aziende cerealicole e olivicole dell’Alto Tavoliere. Con i loro reportage coinvolgeranno lettori e followers negli educational tour che li porteranno anche a Foggia, Torremaggiore e Lesina. Blogger, instagramers e giornalisti – naturalmente – visiteranno anche il Teatro Comunale Giuseppe Verdi, i principali edifici storici e religiosi della città, e conosceranno i produttori del territorio anche attraverso la visita al Mercato della Terra Slow Food di San Severo, il nuovo presidio di promozione e valorizzazione”.
Il press tour è fortemente centrato sulla vocazione agroalimentare di San Severo, espressa anche dal punto di vista del paesaggio rurale da vaste distese di vigneti, uliveti e campi di grano. “Con questo progetto – concludono Miglio e Iacovino - il Comune di San Severo rafforza e consolida le proprie azioni per promuovere non solo il proprio patrimonio storico, architettonico e paesaggistico, ma anche alcune delle eccellenze produttive del territorio e, dunque, la vocazione agricola, agroalimentare ed enogastronomica sanseverese e di tutta l’area. San Severo, ancora una volta, si dimostra capace di essere centro e collettore di promozione e animazione territoriale che fa sistema, sinergia, valorizzando un’intera area. Il comparto primario a San Severo è una risorsa di straordinario valore. La forza dell’agricoltura è che rappresenta, al contempo, le radici di un’intera area e i germogli di futuro e innovazione da cui ripartire per creare occasioni di sviluppo occupazionale, economico e sociale per San Severo e tutta la provincia di Foggia”.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

treniPARTE LA “SUMMER EDITION” DI FERGARGANO DAL TRENO OMBRELLONE AL TRENO DELLA NOTTE, DELLE TREMITI E DELLE GROTTE. SERVIZI GREEN E UN INFO POINT SU CORSO CAIROLI A FOGGIA

Mare, natura e tappe culturali: un mix di proposte per il turismo di vicinanza quello messo in campo da Ferrovie del Gargano per l'estate 2021. Promozioni, percorsi e idee fresche con i nuovi collegamenti che saranno promossi presso l'info-point di corso Cairoli 14 a Foggia che viene inaugurato oggi), la "cabina di regia" di questa estate 2021 dove saranno distribuiti materiale promozionale e posti in vendita pacchetti e servizi. Dal "treno ombrellone" ai "treni della notte" (c'è una novità con il convoglio in partenza da Peschici Calenella alle ore 5.35 del mattino e diretto a Foggia) ma anche il "treno elle Tremiti" e il "treno delle Grotte". Per i più giovani niente più auto per andare a ballare o vivere una serata con amici nei centri garganici della movida grazie alla intermodalità di treni e bus.

E per dare servizi sempre più green ai turisti che raggiungono la "montagna del sole", ecco un'altra novità: il dispenser con tutti i servizi proposti in formato slim. Pratici, utili e simpatici con tante curiosità. Veri e propri info point del territorio e dei servizi collocati sui treni, nelle stazioni e biglietterie di FerGargano, alberghi, ristoranti e stabilimenti balneari convenzionati.
"Un lungo e incessante lavoro delle nostre strutture marketing e servizi – commenta così il dott. Vincenzo Scarcia Germano, presidente di Ferrovie del Gargano – che hanno prima raccolto esigenze e priorità della domanda turistica legata ai servizi di vicinato, per poi studiare opportunità in linea con le richieste dei turisti e dei vacanzieri del Territorio. Ora abbiamo a disposizione una mobilità più consona alle esigenze di chi vive il Gargano per trascorrerci le vacanze in tranquillità e sicurezza. Le novità hanno anche un valore aggiunto: continua la sinergia tra la nostra azienda e gli operatori turistici del Gargano Nord, da quest'anno con il patrocinio dell'Ente Parco Nazionale del Gargano, della Regione Puglia e della Provincia di Foggia".
Pacchetti territoriali finalmente operativi. «La domanda turistica oggi, più di prima della pandemia – commenta il dott. Nicola Gatta, presidente dell’Amministrazione Provinciale di Foggia -, è un elemento prezioso da proteggere e valorizzare, poiché costituisce una fra le risorse più importanti e promettenti per il territorio della Provincia di Foggia. Il turista va incoraggiato, incuriosito, accompagnato nel suo viaggiare, per cui la mobilità diventa un elemento essenziale affinché il turismo esista e si incrementi. Mobilità e turismo sono pertanto elementi imprescindibili l’uno dall’altro, legati fra loro, poiché l’uno incrementa l’altro e viceversa producendo un importante ricaduta economica sul territorio. Creare, quindi, un’offerta di trasporto pubblico collettivo mirata e aderente alle esigenze turistiche e valorizzante delle peculiarità del territorio, costituisce la risposta vincente per richiamare tutti coloro che dopo questo lungo “letargo turistico” hanno la necessità di ricominciare a conoscere e visitare nuove mete, ma anche a rivedere luoghi già conosciuti che oggi sicuramente si guardano con occhi diversi. In una logica di attenzione ai fattori ambientali e alle problematiche legate all’inquinamento è importante guardare alla sostenibilità, per cui la mobilità legata al turismo deve essere ripensata in una logica di tutela ambientale, attraverso la riduzione delle auto private e la valorizzazione dei mezzi pubblici collettivi e della “mobilità lenta”. Pertanto, rendere accattivanti e invitanti le offerte di trasporto pubblico, in un territorio pieno di bellezze come quello della provincia di Foggia, in cui come diceva un vecchio slogan “ se ti promettiamo mari e monti non esageriamo”, costituisce la scelta vincente che l’Ente che mi onoro di rappresentare ha fortemente voluto e incoraggiato e che Ferrovie del Gargano ha egregiamente realizzato». Mobilità lenta che ora trova nuovi e veri spazi operativi nell’area protetta. «Con questa nuova programmazione di mobilità nell’area garganica – aggiunge il prof. Pasquale Pazienza, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano -, FerGargano realizza dei prodotti che rispondono anche ad esigenze espresse dal nostro Ente. L’accessibilità dell’area garganica e di alcuni ambienti della sua area Parco come, per esempio, la foresta Umbra, le isole Tremiti e molto altro ancora è assicurata grazie a un virtuoso dialogo che l’Ente Parco e FerGargano hanno intrattenuto già da qualche tempo e che oggi sfocia nella possibilità di rafforzare un modello di mobilità intraterritoriale che consenta quelle necessarie verticalizzazioni tra la costa e l’entroterra. Sono certo che la programmazione di quest’anno è sicuramente un passo nella giusta direzione per poter fruire del Gargano in maniera più libera e sostenibile. La possibilità, poi, di avere un info point nella parte centrale della città di Foggia rappresenta un’altra bella e utile idea con cui orientare al meglio la fruibilità del nostro territorio».

Si continuerà, dunque, ad andare al mare in treno da Foggia, San Severo, Apricena e San Nicandro Garganico: anche questa estate chi lascia a casa la macchina avrà l'ombrellone, uno sdraio e un lettino gratis con le condizioni previste scegliendo tra i Lidi Ponente e Albano a Rodi Garganico, Eco del Mare e Marechiaro Beach Club a San Menaio. E per chi cerca tra le opportunità... notturne ecco i "treni della notte" con partenze e arrivi anche da Foggia. Quano basta per lasciare a casa stress e pericoli e vivere una serata a tutto divertimento con amici e parenti a Lido del Sole, Rodi Garganico, San Menaio e Peschici. Un servizio ormai diventato una costante dell'offerta turistica sul Gargano con tantissimi giovani e famiglie che utilizzano il treno per le loro serate.
Quest'anno ci sono novità di rilievo: il "treno delle Tremiti e il "treno delle Grotte". «Grazie alla sinergia con gli armatori locali che gestiscono i servizi marittimi con l'arcipelago diomedeo e lungo il periplo del promontorio – aggiunge il dott. Scarcia Germano – partono questi nuovi e importanti servizi. Per andare alle Tremiti o visitare le Grotte basterà prendere il treno da Foggia, San Severo, Apricena e San Nicandro e raggiungere il porto turistico di Rodi Garganico dove in coincidenza sono previste le partenze. Un progetto che accarezzavamo da tempo e che ora è finalmente realtà grazie a un impegno comune di tutti i protagonisti».

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

treniIl 30 maggio partenze da Foggia e San Severo per un “Open Day” sulla transumanza, la sua cultura e i suoi protagonisti.
Tappa alla Masseria Facenna di Carpino, tempio del podolico

In treno per scoprire culture e tradizioni legate alla transumanza e ai suoi protagonisti. Con un viaggio nella biodiversità del mondo podolico, tra vita in masseria, percorsi lungo i pascoli e i momenti in cui il sapere delle mani permetterà ai protagionisti di capire e vedere come nasce un formaggio. E' quanto accadrà il 30 maggio 2021 con il "Treno della Transumanza", progetto di turismo esperienziale in uno dei luoghi cult del mondo podolico, la Masseria Facenna di Carpino, organizzato dall'Associazione di promozione sociale Rotaie di Puglia, in collaborazione con Ferrovie del Gargano, FDG Viaggi e Turismo, media partner la rivista enogastronomica LIKE e il magazine turistico PUGLIA FOCUS. L’evento gode del patrocinio dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e del Consorzio di tutela Arancia del Gargano IGP e Limone IGP del Gargano.
Con un treno della FerGarganica, linea ferroviaria che attraversa i punti più suggestivi e ancestrali della "montagna del sole", i "turisti podolici" raggiungeranno la stazione di Carpino, da dove, in bus, faranno tappa ai piedi dell'altura ricca di pascoli e flora spontanea. Da qui partirà un percorso a piedi (media-bassa difficoltà) tra muretti a secco, macchia mediterranea e boscaglia. Un tufo nella biodiversità della “montagna del sole”. Partenza da Foggia alle ore 8.45 e possibilità di utilizzare coincidenze – sempre in treno – da Bari e Lecce.
«Siamo contenti di tornare ad organizzare le nostre esperienze con Ferrovie del Gargano – commenta Luigi Mighali, presidente di Rotaie di Puglia -. Stiamo mettendo a punto un calendario di iniziative volte alla scoperta di alcuni luoghi identitari e caratteristici della Puglia, nel pieno rispetto della tranquillità, dell'autenticità e soprattutto delle norme anti Covid in vigore. Si tratta di iniziative che abbinano il viaggio in treno alla valorizzazione dei territori toccati dai binari, in un'ottica che viene definita "Turismo Ferroviario" e che negli ultimi anni in Italia ha preso piede e consistenza; al semplice viaggio in treno si abbinano degustazioni, visite guidate, intrattenimenti e altro per tutti i tipi di target. Si tratta di vere e proprie crociere terrestri. Assieme a Ferrovie del Gargano e all'agenzia FdG Viaggi e Turismo, faremo dei viaggi alla scoperta del Gargano autentico iniziando il prossimo 30 maggio e terminando a novembre toccando masserie, oliveti, trabucchi, grotte marine, oasi agrumarie, fino a raggiungere anche le Tremiti e quest'ultimo sarà un collegamento unico al mondo per questo tipo di attività».
A Masseria Facenna la comitiva di "turisti podolici" parteciperà a diversi momenti: un approccio sul territorio e la vita podolica con una relazione di cultori della materia; un percorso lungo i pascoli alla scoperta di erbe e piante spontanee ma anche per conoscere il menù quotidiano della vacca podolica; il momento della conoscenza seguendo momenti importanti l’arte dei casari, come la lavorazione del latte per produrre caciocavalli, mozzarelle e ricotte; la vita di una mandria di vacche podoliche con l'allattamento dei vitelli, uno dei momenti più belli di una masseria. "Percorsi che abbiamo scelto e curato – commenta Giacomo Facenna, insieme alla moglie Dora e ai figli Marco e Bruno – per trasmettere ai nostri ospiti le sensazioni che noi viviamo ogni giorno, le emozioni che ci trasmette il nostro lavoro in una quotidiana simbiosi con la natura e l'ambiente. Ecco perché abbiamo aderito al progetto di Ferrovie del Gargano e Rotaie di Puglia".
Ricordiamo: partenze da Foggia (ore 8.45), San Severo (ore 9.02). Ancora una volta il treno si conferma mezzo ideale per il turismo esperienziale. "Un percorso che abbiamo avviato negli anni scorsi – conclude il dott. Vincenzo Scarcia Germano, presidente di Ferrovie del Gargano -, fermatosi per gli effetti della pandemia. Ripartiamo, nel massimo rispetto delle norme anti Covid e con l'obiettivo di fornire un’occasione per tornare alla normalità ma anche per meglio conoscere il Territorio in cui la nostra Azienda opera ormai da novant'anni. Primo step di una serie di appuntamenti che continueranno con altri viaggi alla scoperta degli Agrumi del Gargano. Per poi partire con le iniziative legate all'estate 2021 a supporto degli operatori turistici del Gargano".
Tutti in carrozza per una giornata a tutto podolico.
Info e prenotazioni 0884561020 e 3426293818.
Per acquisto ticket cliccare su https://www.railbook.it/il-treno-della-transumanza-viaggio-in-treno-speciale-da-foggia-e-san-severo-verso-la-masseria-facenna-di-carpino-alla-scoperta-delle-particolarita-della-vacca-podolica-e-del-rito-della-transumanza

 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)