Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 130 visitatori e nessun utente online

Notizie dall'Italia

In estate il caldo rappresenta un pericolo per tutti, soprattutto per le fasce più anziane della popolazione. Questa estate, poi, ha segnato un nuovo record in quanto a punte di calore toccate in certe regioni, come nel caso della Sicilia e del Sud in generale. Di conseguenza, è consigliabile seguire alcuni accorgimenti per contrastarlo, adottando alcune soluzioni che per fortuna non mancano.

caldo432Come rinfrescare gli ambienti domestici

Il primo consiglio è di tenere abbassate le tapparelle durante le ore più calde della giornata. In questo modo si possono proteggere gli ambienti della casa dal calore del sole, mantenendo le temperature interne più basse ed evitando che possano salire a causa del riscaldamento proveniente dall’esterno. Secondo alcuni studi, questa tecnica consente di abbassare le temperature interne fino a 6 gradi rispetto a quelle esterne, assicurando dunque dei risultati tangibili.

Se questo non dovesse bastare, in particolare per quelle abitazioni esposte per molte ore ai raggi del sole, la soluzione ideale per raffrescare la casa è sicuramente installare un climatizzatore; considerate le spese che questo apparecchio implica, per via dei consumi energetici solitamente molto alti, può essere utile valutare alcune offerte presenti sul mercato che agevolano l’acquisto di condizionatori e scegliere sempre una classe energetica alta, che garantisce consumi bassi a fronte di prestazioni migliori.

Se si dispone di un balcone, poi, è il caso di schermare la casa sfruttando le piante, che fungeranno da vero e proprio scudo contro i raggi solari.

In secondo luogo, si suggerisce di spegnere tutti i dispositivi elettronici che potrebbero produrre calore in casa, come i computer e le console di gioco. Occhio anche alle docce, da fare preferibilmente durante le ore più fresche della giornata, per evitare sbalzi di temperatura e umidità che potrebbero essere controproducenti.

Altri consigli utili per combattere il caldo

Anche la tavola può diventare un valido alleato per combattere il caldo estivo, preferendo cibi freschi e ricchi di liquidi come la frutta, specialmente se si parla delle angurie. Anche il cetriolo e le zucchine rientrano nella lista dei cibi anti-afa più efficaci, e lo stesso discorso vale per la menta, le pesche e il melone. Per quel che riguarda le proteine animali, meglio preferire carni magre come quella del pollo o il pesce (la sogliola, ad esempio, molto leggera e facile da digerire).

In sintesi, lo scopo è mantenere idratato il corpo ed evitare di complicare la fase digestiva, dato che aumenta le temperature corporee e il caldo percepito. Chiaramente è preferibile indossare anche indumenti leggeri e realizzati con tessuti naturali e traspiranti, come il lino e il cotone o altre fibre tecniche progettate ad hoc. In questo modo si dà la possibilità alla cute di respirare, consentendo una corretta traspirazione ed evitando le irritazioni classiche causate dall’eccessiva sudorazione.

dottoriEccezionale intervento all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Due piccole, gemelle siamesi algerine di appena 17 mesi, che erano unite per l'addome e per il torace, sono state separate.
L'operazione è durata 10 ore ed ha visto l'alternanza di 5 equipe per un totale di 40 persone.
Questo tipo d'intervento è uno dei pochi casi di separazione di siamesi in Italia, il secondo nella storia dell'ospedale.
Per preparare l'intervento sono stati realizzati organi stampati in 3D, Tac e risonanze tridimensionali. Grazie anche ad una speciale procedura, si  è riusciti ha dimezzare la durata dell'operazione di circa 18-20 ore.

sposi1Una neosposa di Catanzaro, dopo aver pronunciato il fatidico sì, si è diretta nel proprio seggio elettorale, nel quartiere Santo Janni, dove, con velo e strascico, ha voluto esprimere la propria preferenza nel rinnovo del consiglio comunale. Tanta la sorpresa per il presidente e i componenti del seggio n. 22, che prontamente le hanno consegnato scheda e matita per votare. 

118Una donna di 46 anni si è data fuoco davanti la sede Inps di Torino, riportando ustioni sul 46% del corpo. La donna, licenziata a gennaio, non aveva ancora ricevuto la disocuppazione ed era in una condizione economica davvero difficile. Dopo aver estratto una bottiglietta contenente liquido infiammabile, si è data fuoco davanti alle persone in fila e sebbene sia stata soccorsa immediatamente, le ferite riportate sono comunque gravi.

ospedaleUna donna di 40 è arrivata in ospedale con una forte emorragia, ma ai medici è stato subito che la donna avesse avuto un aborto o un parto prematuro. Prontamente sono scattate le indagini di procura e polizia, che dopo aver messo la casa sotto sequestro hanno trovato il feto nel freezer. La donna e il marito sono ora indagati.