Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 684 visitatori e nessun utente online

Stato:

Italia

Regione:

Puglia

Provincia:

Foggia

Coordinate:

41°12′56″N - 15°33′28″E

41.21556°N 15.55778°E

Altitudine:

425 m s.l.m.

Superficie:

334,56 km²

Abitanti:

6.383

 

Densità:

19 ab./km²

Frazioni:

San Carlo

Comuni contigui:

Candela, Castelluccio dei Sauri, Cerignola, Deliceto, Foggia, Lavello(PZ), Melfi(PZ), Ordona, Orta Nova, Stornarella

CAP:

71022

Pref. telefonico:

0885

Nome abitanti:

Ascolani

Santo patrono:

San Potito

Giorno festivo:

14 gennaio

Ascoli Satriano è un comune italiano di 6.383 abitanti della provincia di Foggia, in Puglia, situato nella Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali. Anticamente chiamata Ausculum, da aus(s), ossia fonte. La specifica potrebbe riferirsi all'antica Satricum che sorgeva nei pressi.


IL TERRITORIO

L'abitato sorge a sud-ovest della città di Foggia su un'altura formata da tre colline che dominano la valle del Carapelle, nel Tavoliere delle Puglie. Il terreno, di natura argillosa,è tendente allo smottamento, per questo i pendii sono stati rimboschiti con alberi sempreverdi. Confina con Candela, Castelluccio dei Sauri, Cerignola, Deliceto, Foggia, Lavello (PZ), Melfi (PZ), Ordona, Orta Nova, Stornarella. Così come gli altri comuni del posto il suo clima è abbastanza rigido d’inverno, nevica diverse volte, e estati molto miti.


IL GONFALONE


Il leone contende all'aquila il primato come figura nobiliare del blasone ed è senz'altro la sua immagine la più frequente nelle armi. Nello scudo sagomato è rappresentato nella classica posizione rampante (quello che poggia sulla zampa posteriore sinistra), mentre i cilindri coperti da calotte semisferiche rappresentano dei colli.
Lo stemma è sormontato da una corona ducale con decorazioni di rami di quercia e alloro. La denominazione Satriano, probabilmente da Satricum, fu aggiunta nel 1860 o 1870. Antiche fonti rilevano che ai tempi di Roma figurava solo il nome di Asculum. Durante le guerre puniche Ascoli era alleata con le truppe di Annibale ma venne sconfitta e sotto Augusto venne censita come colonia romana.
Il paese dopo travagliate vicissitudini fu preda di vari conquistatori: dopo i romani vennero i bizantini e i normanni. Questi ultimi guidati da Guglielmo I conquistarono la Daunia. Ascoli divenne ducato nel 1485.
A testimonianza delle sue remote origini vi sono nei dintorni del paese delle Necropoli romane e i resti dei templi di Calcante e di Vulcano e Minerva.