Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 202 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

forza italiaSERVIZI SOCIALI ASSENTI E LA POVERTÀ AUMENTA
Non è solamente con un pacco natalizio che si risolvono i problemi delle famiglie!
È sotto gli occhi di tutti lo scarso, se non nullo, impegno dell’Assessore Agnese Rinaldi per mitigare la povertà, il disagio e le necessità delle famiglie montanare.
Durante i lavori dello scorso Consiglio Comunale, per l’approvazione del Piano Sociale di Zona, l’Assessore alle Politiche Sociali, Agnese Rinaldi, ha detto una bugia grande quanto un palazzo, smentita dalle considerazioni di tantissimi cittadini che rimpiangono i tempi passati. Infatti, Rinaldi si è spinta a dire che, per i Servizi Sociali, Monte è all’anno zero (a dire il vero, se lei continua così, rischiamo di arrivare al Medioevo!) poiché la precedente gestione è stata vuota. Chiaramente, l’Assessore Rinaldi ha attaccato i Commissari prefettizi, avendo questi ultimi amministrato Monte per ben due anni.
FORZA ITALIA ricorda, invece, all’Assessore Rinaldi – il cui unico scopo sembra solo quello di ricevere lo stipendio dal Comune – che, con la gestione precedente ai Commissari (quella dell’Amministrazione di Iasio), il Comune di Monte, oltre ad aver saputo portare a compimento quasi tutte le azioni previste dal Piano Sociale di Zona, dal punto di vista politico era molto considerato nell’Ambito Sociale di Zona, cosa che oggi non succede e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
A 542 giorni (!) dalle elezioni, l’Assessore Rinaldi non ha ancora costruito nulla per le madri e i padri di famiglia, per i giovani, disoccupati e non, diplomati e non, laureati o specializzati, con progetti che avrebbero potuto dare un segno di speranza per il futuro.
In 542 giorni (!) l’Assessore ai Servizi Sociali, Rinaldi, non è riuscita a mettere in atto nessuno, ma proprio nessuno, dei tanti progetti di inserimento lavorativo che, nella gestione 2012-2015, erano stati il fiore all’occhiello dei Servizi Sociali nella nostra città, come Progetto “Nonni Vigili”, il cui fine, oltre che far sentire attivi gli anziani, era anche quello di destinarli a supporto del servizio di sorveglianza alunni presso le scuole cittadine; Servizio Educatori nelle Scuole; Cantieri di cittadinanza; Progetti di inserimento lavorativo Servizio Civico “Mi sento utile”, “Ci siamo anche noi”, “Welcome to Monte Sant’Angelo”; Progetto di inserimento lavorativo per persone con problemi psichiatrici, in collaborazione con “Genoveffa de Troia” (quest’ultimo è stato copiato dall’Assessore Rinaldi, ma in malo modo!).
L’Assessore Rinaldi, per mancanza di autorevolezza nell’Ambito Sociale, ha avuto tagliati diversi servizi (in un recente passato, Rinaldi ha sostenuto che ciò non è vero, ma Forza Italia la invita a leggersi bene i nuovi orari di servizio dei diversi operatori per capire che quanto da noi affermato corrisponde a realtà!), tra cui Assistenza Domiciliare Educativa (Ade); SAD/ADI-Assistenza Domiciliare Integrata; Integrazione scolastica per disabili ecc.
Inoltre, a distanza di un anno e mezzo, non è stata capace di far partire altri progetti già avviati nel passato, come il Forum dei ragazzi (Consulta dei piccoli), il Progetto “Piedibus”, il Centro estivo per bambini, la Consulta delle Politiche Sociali, il Centro di Aggregazione Giovanile ecc.
Sono pochi i servizi attivati (Servizio trasporto disabili, in collaborazione con Anffas; Servizio “Taxi Sociale”, in collaborazione con UGR27), che, sicuramente, non sono farina del sacco dell’Assessore Rinaldi, ma tutte idee che rinvengono dal passato.
FORZA ITALIA auspica che l’Assessore Rinaldi inizi a lavorare per gli interessi della città e nella consapevolezza che la povertà e i bisogni non hanno colore politico e, soprattutto, non possono attendere: non è con un pacco natalizio che si risolvono i problemi delle famiglie!
FORZA ITALIA non si stancherà mai di invitare quanti, nella Maggioranza, avendo a cuore le sorti della città, siamo certi sono stanchi di tanta inoperosità e mancanza di idee, di progettualità e di concretezza.

Forza Italia Monte Sant’Angelo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroSabato 8 dicembre la cerimonia di presentazione del restauro della Fontana di Piazza Incoronazione.


L’Amministrazione Comunale ricorda che sabato 8 dicembre alle ore 18,30 si terrà la cerimonia di presentazione del Restauro della Fontana di Piazza Incoronazione. Si tratta della conclusione dei lavori di restauro sostenuti dalla BCC di San Giovanni Rotondo, primo sponsor dell’iniziativa, oltre che dall’Amministrazione Comunale di San Severo.
Saranno presenti il Sindaco avv. Francesco Miglio, tutti gli amministratori comunali ed in particolare l’Assessore Michele Del Sordo - che ha seguito le varie fasi dei lavori -, il presidente della BCC San Giovanni Rotondo dott. Giuseppe Palladino, il curatore dei lavori di restauro dott.ssa Maria Elena Lozupone e quanti hanno a vario titolo collaborato, a cominciare dalla struttura comunale coordinata dal Dirigente ing. Benedetto Di Lullo.
Durante l’incontro con la cittadinanza saranno illustrate le varie fasi che hanno consentito il restauro completo della fontana riportata agli originari splendori: in questo ore sono state peraltro completate anche tutte le altre fasi che sono state curate grazie all’impegno del funzionario comunale Oreste Iadevaio.
In caso di avverse condizioni metereologiche l’evento si terrà presso il Foyer del Teatro Comunale Giuseppe Verdi.

Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ginolisa1E' l'inizio della fine. Il posto fisso della polizia di Stato all’interno dell'aereoporto di Foggia Gino Lisa, è stato chiuso. 
Le ipotesi sono due, la prima potrebbe esser quella di utilizzare gli uomini per perlustrare il territorio contro la criminalità organizzata, seconda, più inquietante per il nostro territorio è che: non esiste nessun rilancio dello scalo aeroportuale.
Il vicepresidente del consiglio regionale, Giandiego Gatta, ha anche chiesto spiegazioni di tale situazione a
lla giunta regionale. 
Strano è che ad ottobre scorso è stato approvato una delibera dove, s'intendeva che il Gino Lisa, avrebbe funzioni di protezione civile e per voli civili.
Quindi quali sono le vere ragioni di questa chiusura?

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

soldiSicuro siamo in presenza di un ERRORE SMART!

Al 02 febbraio 2018 viene emesso dal Servizio Tributi del Comune di Stornara l'avviso di pagamento sui rifiuti (TARI) per l'anno 2018 con annessi F24 per il pagamento in 4 comode rate (28/02 - 30/04 - 30/06 - 30/09) o in un'unica soluzione (16/06). Totale: 395 euro.
Nell'avviso di pagamento è stato anche scritto che "la determinazione dell'importo da versare è stata eseguita sulla scorta dei dati in possesso dell'ufficio e quindi non pregiudica l'eventuale e successiva azione di accertamento da parte del Comune ove detti dati non corrispondono alla situazione attuale di fatto accertata".

Al 26 novembre 2018 viene emesso sempre dal Servizio Tributi del Comune di Stornara un ulteriore avviso di pagamento sui rifiuti (Tari) con l'aggiunta della dicitura "Emissione bolletta a SALDO Anno 2018" oltre che "La invito a voler versare la somma a conguaglio TARI 2018 ancora dovuta". Totale: 315 euro.

Molti cittadini si chiedono da stamattina:
-su quale base e' stato emesso il conguaglio se non c'è stata alcuna variazione sia nel nucleo familiare che dal punto di vista catastale? Tanto si evince confrontando i 2 avvisi di pagamento, quello di febbraio e quello di novembre.
-è mai possibile che il conguaglio ammonti all'80% di quanto già pagato a febbraio per l'intero anno? O s'è voluto far credere a febbraio che fosse per l'intero anno rimandando la "sorpresa" a dicembre?
-come mai l'avviso di conguaglio prevede un'unica rata con scadenza a 10 giorni dalla ricezione da parte dell'utente? Certo è "comodissimo" per un cittadino essere obbligato a pagare 315 euro in meno di 10 giorni...nemmeno il tempo di capire se è un atto dovuto o meno da parte di chi amministra! Tra l'altro l'ufficio tributi è aperto al pubblico in settimana solo lunedì e mercoledi mattina, e lunedi pomeriggio.
-nell'avviso di conguaglio è stato riportato di nuovo "la determinazione dell'importo da versare è stata eseguita sulla scorta dei dati in possesso dell'ufficio e quindi non pregiudica l'eventuale e successiva azione di accertamento da parte del Comune ove detti dati non corrispondono alla situazione attuale di fatto accertata". Dobbiamo aspettarci il conguaglio del conguaglio sul 2018 a febbraio 2019?
-si può pagare 700 euro di tassa di rifiuti all'anno per aver a 300 mt da casa un bidone mezzo demolito con immondizia sparsa nel terreno alle sue spalle?

Sindaco Rocco Calamita e Rag. Vito Dinichilo, la diamo una spiegazione ai cittadini oppure li trattiamo come comodi Bancomat un po come caxxo ci pare?
Quali altre sorprese Smart ci aspettano negli ultimi giorni del 2018?

Oltre che tanto ignoranti, ricordiamoci che a Natale dovremmo essere anche piu' buoni!

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

alberoAvevamo un polmone verde in pieno centro abitato ed ora non c’è più.
Lo scempio compiuto dall’amministrazione Potenza su viale Papa Giovanni XXIII con il taglio indiscriminato di 100 e passa grossi alberi di platano, dell’apparente età di 50 anni circa, in perfetto stato vegetativo, per un verso lascia di stucco l’ignaro cittadino, per altro verso getta nello sconforto chi, avendo a cuore la salvaguardia del patrimonio naturale della propria città, assiste impotente alla mattanza messa in atto da una arruffona macchina amministrativa.
Sul perché di tale scelta, due sono le ipotesi: o siamo di fronte ad un insensato gesto di arroganza politica, oppure - ed è questa la tesi da prediligere - si tratta di una scelta meditata che ha l’obiettivo di distruggere un pezzo di storia apricenese, realizzata da precedenti amministratori di cui non si condivide il pensiero politico.
Al di là di ogni considerazione ci chiediamo quanti decenni dovremo attendere prima di poter beneficiare nuovamente dell’ossigeno e dell’ombra forniti gratuitamente dai platani, in cambio di periodiche operazioni di potatura e della raccolta, una volta all’anno, delle loro foglie?
Perché decidere di sostituire più di 100 alberi con un fusto alto oltre 15 mt., con altrettanti piccoli alberelli che non riusciranno a sopperire ai benefici forniti dai vecchi alberi in termini di ossigeno, indispensabile per la salute di tutti?
I platani, infatti, oltre ad essere ombrosi e belli erano, soprattutto, funzionali ad assorbire l’inquinamento provocato dei veicoli in una strada ad alta intensità di traffico, quale è Viale Papa Giovanni XXIII.
E al vano tentativo di giustificare l’intera operazione, peraltro costata oltre 40.000,00 euro, con la scusa del pericolo causato dalle radici che hanno sollevato il manto stradale, e delle foglie che ostruiscono gli scoli delle acque reflue replichiamo con quella che era la nostra proposta, già avanzata alla cittadinanza in occasione della trascorsa campagna elettorale, che prevedeva il rifacimento e l’allargamento dei marciapiedi esistenti lungo il viale, preservando la vita degli alberi.
Avevamo un polmone verde in pieno centro abitato ed ora non c’è più.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)