Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

uni“Ambiente e pandemie”: il focus che ormai da mesi anima il dibattito pubblico, ha chiuso la tre giorni di “Aspettando la notte”, la rassegna che ha visto impegnati docenti e ricercatori dell'Università di Foggia in una serie di seminari online sui temi della Notte dei Ricercatori.
Ospiti del seguitissimo talk conclusivo, l’epidemiologo e assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco e il divulgatore scientifico, David Quammen, autore del saggio “Spillover”, che hanno dialogato con Rosa Prato, docente di Igiene generale e applicata Università di Foggia e direttore della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell'Università di Foggia e Teresa Santantonio, docente e primario di Malattie infettive dell'Università di Foggia.
L'incontro, coordinato da Fabio Arena, docente di Microbiologia e microbiologia clinica e moderato da Rossella Palmieri, Delegata del Rettore alla Comunicazione e Rapporti con il Territorio, è entrato subito nel vivo dopo i saluti istituzionali del Magnifico Rettore, Pierpaolo Limone, di Maurizio Margaglione, Direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale e Nazzareno Capitanio, Delegato alla Ricerca Università di Foggia.
Vaccini, comunicazione scientifica e virologi in tv; il fenomeno dei negazionisti, parallelo alla necessità di una capillare educazione scientifica in Italia, accanto ad argomenti di stringente attualità, quali lo screening dei test rapidi come strategia di contenimento della pandemia e l'acceso dibattito sulla didattica a distanza, alcuni tra i punti toccati da Pierluigi Lopalco, che non ha fatto mistero della sua opinione circa la necessità di optare per la chiusura delle scuole. “Una opinione molto forte, mi rendo conto, che spero venga supportata dai dati scientifici – ha osservato Lopalco – Finora abbiamo dei dati di fatto che ci dicono che il contagio è ripartito da quando si sono riaperte le scuole, ed è ripartito in maniera sproporzionata nella fascia di età scolare: ossia chi andava a scuola si è contagiato di più rispetto ad altre fasce di età. Accanto a questa osservazione abbiamo anche assistito all’evidenza che la seconda ondata di coronavirus è stata sostenuta principalmente da focolai familiari. Sono ancora una volta convinto – ha aggiunto lo scienziato - che la scuola sia un aggregatore sociale troppo importante in tempi di pandemia. Con questo non vogliamo dire che i contagi avvengono in aula ma possono avvenire fuori dai cancelli, sull'autobus, al bar, quando i ragazzi si riuniscono a fare i compiti. Ecco perché terrei ancora la didattica a distanza come standard e la didattica in presenza solo come estrema ratio per le famiglie che non possono permettersi di tenere i bambini in casa. Ma è chiaro che dietro questa scelta ci sono anche valutazioni politiche da fare”.
E il rapporto tra scienza e politica è stato inevitabilmente toccato anche nel corso dell'intervento di David Quammen, scrittore e divulgatore scientifico statunitense, l'autore di Spillover”, best seller che nel 2014 anticipava i rischi di una probabile pandemia provocata da un salto di specie, il passaggio di virus dal mondo animale all'uomo: inevitabile risposta della natura all'assalto sconsiderato dell'uomo sugli ecosistemi.
“Gli avvertimenti della comunità scientifica sono stati ignorati a causa di puri calcoli politici – ha spiegato lo scrittore – Ma adesso sappiamo che l'essere arrivati preparati ci sarebbe costato molto meno di quello che di fatto ci è costata la pandemia”.
Alle ore 17, di oggi, venerdì 27 novembre, sui canali social dell’Università è in programma l'incontro conclusivo della Notte dei Ricercatori, dal titolo “Art & Science: quando la Scienza diventa Arte”.

 


Area Rapporti istituzionali, Relazioni esterne e Ufficio stampa
Università degli Studi di Foggia

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroIN CORSO ALTRE DUE GARE D’APPALTO DELLA RIGENERAZIONE URBANA PER CIRCA COMPLESSIVI 800MILA EURO: RIONE SAN BERNARDINO E VILLA COMUNALE.

Con le ulteriori due gare d’appalto pubblicate dalla Stazione Unica Appaltante è ormai in pieno svolgimento l’attività di affidamento dei lavori della Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile “Rigeneriamo il Mosaico”, che prevede la realizzazione di otto opere pubbliche ubicate in quattro ambiti cittadini (il centro storico, la Villa comunale, il Rione San Bernardino, il Rione Luisa Fantasia). 

 

“Siamo ormai entrati nella fase più importante e delicata – dichiarano il Sindaco Francesco Miglio, il Vice Sindaco Salvatore Margiotta e l’Assessore ai LL.PP. Luigi Montorio – e gli interventi infrastrutturali che verranno appaltati, cantierizzati e infine realizzati, consentiranno una riqualificazione considerevole nelle zone e nei quartieri cittadini, tale da modificarne – in meglio - usi e abitudini e migliorarne vivibilità e stile di vita”.
Il 30 novembre alle 12:30 scadono i termini per la presentazione delle offerte relative alla gara d’appalto dell’intervento denominato “Interventi infrastrutturali finalizzati all'inclusione sociale degli abitanti del Rione San Bernardino – Via Di Vagno”, per un importo a base dell’affidamento pari ad € 301.288,07, che prevede la riqualificazione della strada di attraversamento del Rione San Bernardino mediante un insieme integrato di interventi (pavimentazioni, verde, percorsi ciclopedonali), mentre il 7 dicembre alle 12:30 scadono i termini per la presentazione delle offerte relative alla gara d’appalto dell’intervento denominato “I.3 – Villa Comunale”, per un importo a base dell’affidamento pari ad € 471.152,57, che prevede la riqualificazione di parte della Villa Comunale, a cui seguirà un intervento di completamento: l’intervento prevede tra l’altro la completa eliminazione del manto di asfalto, la realizzazione di pavimentazioni permeabili ed ecosostenibili, il miglioramento del sistema della pubblica illuminazione.
Questi interventi sono parte integrante della SISUS “Rigeneriamo il Mosaico”, che è stata definita con il coinvolgimento del Laboratorio di Progettazione permanente “Mosaico di San Severo”, a cui hanno preso parte numerosi professionisti della città, e con un’ampia e continuativa partecipazione attiva delle associazioni e delle istituzioni scolastiche cittadine, attraverso il fondamentale contributo di coordinamento e di facilitazione della Consulta delle Associazioni; si è trattato di un’azione che ha richiesto uno sforzo notevole per il coordinamento delle diverse attività, ma che nel contempo ha consentito alla Città di San Severo di risultare settima nella graduatoria regionale su oltre 130 candidature ed il finanziamento di opere per complessivi 5.300.000 di euro.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

scuolaVICO DEL GARGANO Una petizione, con il contenuto di una vera e propria lettera aperta indirizzata anche alle autorità, per chiedere che siano accertate circostanze ed eventuali responsabilità su come è stata gestita la situazione relativa ai contagi da COVID-19 all’interno dell’Istituto scolastico comprensivo Manicone-Fiorentino di Vico del Gargano. E’ questa l’iniziativa intrapresa da un gruppo di genitori di alunni della stessa scuola in cui si sono verificati i fatti.

“Siamo un gruppo di genitori, i cui figli frequentano la scuola dell’Infanzia dell’I.C. “Manicone-Fiorentino” di Vico del Gargano e, da qualche giorno, abbiamo appreso che alcune insegnanti dei nostri bambini sono risultate positive al Covid-19. Gli organi preposti non ci hanno mai fornito alcuna informazione su tale circostanza. Abbiamo, infatti, saputo di quei casi di positività soltanto il giorno 11 novembre 2020, a seguito di alcune telefonate da parte di un dipendente della Asl di San Severo, il quale chiedeva ad alcuni di noi come stesse procedendo la quarantena dei nostri figli venuti a contatto con le insegnanti contagiate. In realtà, fino a tale data, non avendo mai avuto contezza della positività delle maestre e non essendoci mai stato comunicato nulla in tal senso, abbiamo continuato regolarmente a portare a scuola i nostri figli, ignari di quello che avveniva al suo interno (ci riferiamo, in particolare, al periodo che va dalla fine di ottobre sino al giorno 11 novembre 2020). Riteniamo che quanto successo all’interno del plesso scolastico “Fiorentino” abbia messo in serio pericolo tutti i bambini, potenzialmente ‘vettori’ e origine di un possibile focolaio, e l’intera Comunità. È inutile nasconderlo, siamo profondamente scossi e sfiduciati. Ancora oggi, a distanza di giorni, non riusciamo a comprendere come possa essere accaduto un fatto del genere all’interno di una scuola, che dovrebbe essere uno dei luoghi più sicuri. Vogliamo ricordare, ancora una volta, che si è consentito che diversi bambini, anziché osservare il periodo di quarantena, continuassero a frequentarla, mettendo a rischio un’intera comunità. Noi chiediamo solo che sia fatta piena luce su quanto è successo e che vengano accertate le eventuali responsabilità di chicchessia. Siamo cittadini italiani e crediamo nella legge e nelle Istituzioni di questo Stato. Il presente comunicato/appello è rivolto al Ministro dell’Istruzione, all’On.le Prefetto della provincia di Foggia, al Presidente della Regione Puglia, all’Assessore regionale alla salute, all’Assessore regionale all’Istruzione, all’Ufficio scolastico regionale e al direttore generale della ASL di Foggia, affinché predispongano gli opportuni accertamenti e adottino gli eventuali necessari provvedimenti. Il contenuto di tale documento viene interamente condiviso anche da altri genitori di figli non direttamente coinvolti, ma ugualmente frequentanti l’I.C. “Manicone – Fiorentino”, affinché si faccia chiarezza sui gravi episodi accaduti.

https://www.petizioni.com/richiesta_accertamenti_e_responsabilita_contagi_da_covid19_nellic_manicone__fiorentino_di_vico_del_gargano

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ospedalesan giovanni rotondoChirurgia epatica e biliopancreatica: eseguiti dal 2005 al 2020 più di 1.000 interventi al fegato e circa 600 resezioni del pancreas

In 15 anni di attività l’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza è diventato punto di riferimento in Puglia e nelle regioni del Centro Sud per la chirurgia delle neoplasie del fegato, delle vie biliari e del pancreas
Compie 15 anni la Chirurgia Epatica e Biliopancreatica dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza. Si tratta di una disciplina molto specialistica, nata all’interno della Chirurgia Addominale, che tratta fondamentalmente le patologie neoplastiche del fegato, delle vie biliari e del pancreas.
Partita con tecniche e metodiche di chirurgia tradizionale, la chirurgia del fegato e del pancreas dell’Ospedale di San Pio ha via via introdotto anche le tecniche mininvasive, come la laparoscopia e la robotica.
La laparoscopia consiste in una tecnica chirurgica che sfrutta le potenzialità di una piccola sonda dotata di telecamera in alta definizione, che viene introdotta nell’addome praticando un piccolo foro. Proiettando su un monitor le parti anatomiche, la laparoscopia facilita il lavoro del chirurgo e apporta numerosi vantaggi anche per il paziente: interventi meno dolorosi, meno rischio di infezioni, cicatrici meno evidenti e una netta riduzione dei tempi di recupero post operatorio.
Nella chirurgia robotica, invece, pur rimanendo fondamentale l’esperienza e l’abilità del chirurgo, sono state ulteriormente implementate le potenzialità della laparoscopia migliorando l’accesso alle parti anatomiche e semplificando il movimento, reso più semplice, preciso e senza tremolii, grazie alla capacità degli strumenti chirurgici del robot di effettuare una rotazione di circa 360 gradi, che riproduce i movimenti del polso e della mano umana.
La propensione all’innovazione dei chirurgi ha creato anche i presupposti per costruire partnership con diverse imprese del settore biomedicale. Tra queste vi è la Masmec spa di Modugno, in Provincia di Bari, azienda leader nel settore dell’automotive, assieme alla quale è stato vinto un finanziamento comunitario che ha portato alla creazione di un sistema di navigazione virtuale in grado di aumentare il campo visivo nella chirurgia del fegato.
«Pur avendo la patologia neoplastica del pancreas dei numeri limitati, in questi anni abbiamo accumulato molta esperienza che deriva anche dal numero consistente di casi presi in esame – ha spiegato Matteo Scaramuzzi, responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Chirurgia Epatobiliare, afferente all’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Addominale, diretta da Francesca Bazzocchi –. In 15 anni, dal 2005 al 2020, abbiamo raggiunto una posizione di leadership nel nostro territorio, eseguendo più di 1.000 interventi sul fegato e circa 600 resezioni del pancreas a pazienti provenienti da tutta la Puglia e dalle regioni limitrofe del Centro Sud. Risultati che mi sento di condividere con la Direzione Strategica dell’Ospedale e con i colleghi che, prima di me, hanno introdotto e portato avanti la disciplina. Tra questi vi sono sicuramente i professori Berardino Tardio, Pierluigi Di Sebastiano e il chirurgo Antonio De Bonis».

IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza

Casa Sollievo della Sofferenza è un ospedale ad elevata specializzazione, di proprietà della Santa Sede, riconosciuto dal 1991 come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per la tematica di riconoscimento “Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa”. L’Ospedale – che nel 2019, con 884 posti letto, ha eseguito circa 54.000 ricoveri fornendo più di un milione di prestazioni ambulatoriali nell’anno – conta circa 2.700 dipendenti, di cui 164 ricercatori tra biologi, medici, biotecnologi, statistici, ingegneri, bioinformatici e tecnici; il 60% dei ricercatori è costituito da personale con età inferiore ai 35 anni. Dalla seconda metà del 2015, è operativo il nuovo Centro di Ricerca di Medicina Rigenerativa ISBReMIT, struttura all’avanguardia per concezione e dotazioni nell’ambito della medicina traslazionale per le malattie genetiche, degenerative e oncologiche. La struttura ospita, tra i laboratori ad altissimo contenuto tecnologico, una cell factory e laboratorio per la produzione di biofarmaci in regime di Good Manifacturing Practice, vale a dire per uso clinico, ad includere, cellule staminali somatiche e iPS, vettori per terapia genica e biomateriali.

Ufficio della Comunicazione e Relazioni Esterne
Nicola Fiorentino

Ufficio Stampa
Heritage House Reputation Architects
Lidia Rapisarda

 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

bonifica

Prosegue l’azione della Regione Puglia per la mitigazione del rischio idrogeologico attraverso numerosi interventi e attività di prevenzione; un tema di particolare attualità a fronte dei numerosi casi di inondazione verificatisi in molte parti d’Italia.

E’ avvenuta nelle scorse ore la consegna dei lavori per la realizzazione degli argini e della sistemazione dell’alveo del fiume Fortore a salvaguardia di importanti arterie infrastrutturali ferroviarie e viarie.

I lavori, appaltati dal Commissario straordinario delegato per l'attuazione degli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico nella Regione Puglia, dureranno 280 giorni.

Per la Puglia, l’intervento rappresenta un rilevante obiettivo strategico da raggiungere dal momento che il fiume Fortore, e l'Ofanto, costituiscono i corsi d’acqua più importanti in Puglia da mettere in sicurezza.

Oggi, infatti, l’area interessata dalla realizzazione delle opere è caratterizzata da un elevato livello di rischio idraulico come rilevato anche dall’Autorità di Bacino.

Diversi, in passato, gli eventi alluvionali che hanno provocato straripamenti fino a determinare l’allagamento delle principali infrastrutture di collegamento fra Nord e Sud d’Italia. Avvenimenti che produssero interruzioni sulla linea ferroviaria Bologna-Taranto, sulla statale 16 e sull'autostrada A14, isolando la Puglia per diversi giorni.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)