Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 370 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

baraccopoli
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Oggi siamo di nuovo annichiliti di fronte ai resti fumanti della bara di legno e plastica che si è accartocciata sui resti carbonizzati di un migrante. Un’altra morte causata dalla povertà, lo sfruttamento, i ritardi.
Questi ultimi sono, oggi più che mai, inammissibili. Il Governo, per mano del ministro Andrea Orlando, ha stanziato 200 milioni di euro dei fondi del PNRR per cancellare la vergogna dei ghetti disseminati nelle nostre campagne e nelle periferie di tante altre città d’Italia.
Alla provincia di Foggia è stato assegnato il finanziamento più cospicuo, 103,5 milioni, che quantificano tanto il necessario a cancellare per sempre baraccopoli e insediamenti rurali abusivi che la vergognosa prassi dello sfruttamento dei migranti nei campi e non solo.
Soldi che devono essere spesi presto e bene. Consultazioni, condivisioni, partecipazioni sono tutte procedure e prassi corrette e necessarie, perché i ghetti saranno cancellati quando l’integrazione sarà realizzata per davvero nelle città e nei paesi, non ai loro margini o in mezzo alle campagne.
Nella provincia di Foggia, ciò vale per Carapelle, Carpino, Cerignola, Lesina, Poggio Imperiale, San Marco in Lamis e Manfredonia. Soprattutto Manfredonia, il cui Comune è beneficiario di 53,6 milioni di euro. Bisogna elaborare progetti e un programma utile a cancellare il ghetto della “pista”, riqualificare l’area di Borgo Mezzanone e avviare l’integrazione tra poche centinaia di residenti e migliaia di migranti.
Il cronoprogramma imposto dal PNRR è stringente, bisogna agire, rapidamente e con efficacia; è necessario mettersi subito al lavoro.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

celleConcluso il censimento degli amici a 4 zampe da parte del Servizio Veterinario di Sanità Animale
In maggioranza femmine, prevalenza di meticci, epagneul breton, setter irlandese e cani da ferma tedeschi
La curiosità: ci sono Lupin, Califano, Vasco e Bob Marley, ma anche Peppinella, Ciuffo e Senzanaso

Personaggi famosi come Lupin e Rocky, oppure cantanti come Califano, Vasco, Bob Marley ma anche nomignoli curiosi come Baffutella, Peppinella, Ciuffo e Senzanaso. Sono i nomi dei cani che vivono nelle famiglie di Celle di San Vito. Gli amici a quattro zampe sono stati censiti dal Servizio Veterinario di Sanità Animale (Area “A” dell’ASL di Troia). Complessivamente, i 140 abitanti di Celle di San Vito si occupano di circa 100 cani, in maggioranza di sesso femminile, con una prevalenza di meticci, epagneul breton, setter inglese e cani da ferma tedeschi.
Nei mesi scorsi, il Comune di Celle di San Vito aveva ricevuto segnalazioni relative all’aumento del numero di cani presenti nel borgo. Diversi cittadini avevano chiesto che ci fossero delle verifiche, anche per accertarsi che gli amici a quattro zampe fossero ben tenuti e accuditi dai loro ‘famigliari’ umani.
Per questo motivo, la sindaca del Comune, Palma Maria Giannini aveva chiesto al Servizio Veterinario di Sanità Animale di Troia l’elenco dei cani iscritti all’anagrafe canina e, soprattutto, di provvedere all’identificazione dei cani non ancora registrati.
Il Servizio dell’Asl di Troia, grazie alla dottoressa Maria Roncetti, ha provveduto all’applicazione dei microchip agli esemplari non ancora registrati. Interventi effettuati nella sede della guardia medica del piccolo centro. "È importante sensibilizzare i cittadini riguardo a una corretta gestione degli animali domestici, che implica anche delle responsabilità – ha dichiarato Maria Roncetti - ringraziamo la sindaca di Celle Di San Vito per la sensibilità dimostrata e ci auguriamo che queste iniziative siano intraprese anche da altri comuni".
“Il microchip e la registrazione in anagrafe canina sono un obbligo previsto dalla legge la cui mancata osservanza prevede una sanzione amministrativa – ha dichiarato la sindaca Giannini - ma si tratta anche di una misura essenziale in caso di smarrimento o rapimento dell’animale, per identificare in modo più semplice il proprietario del cane, portando a un ritrovamento più rapido dell’animale”.
Il microchip, infatti, è un circuito integrato applicato nel tessuto sottocutaneo dei cani, ha una dimensione pari a un chicco di riso e si basa sulla tecnologica passiva (non contiene alcuna fonte di energia interna). Il microchip (che contiene un numero di identificazione) funziona come se fosse una radio-antenna pronta a ricevere il segnale del lettore.
Per un piccolo paese come Celle di San Vito, il borgo più piccolo della Puglia, quella dei cani all’interno delle famiglie è una presenza ancor più preziosa, soprattutto per gli anziani. Rappresentano un ‘antidoto’ contro la solitudine, una compagnia capace di dispensare calore, affetto e amore. “Se considerata in rapporto alla nostra popolazione umana, la presenza dei cani a Celle di San Vito è davvero assai numerosa. Lo riteniamo un bene. L’importante è che a tutti i nostri cari animali siano assicurate le cure e le attenzioni a cui hanno diritto”, ha concluso Palma Maria Giannini.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

mangano 1Racconta la Puglia a bordo del nuovo programma “Camper”

Gegè Mangano torna protagonista del piccolo schermo, inanellando un’altra presenza di prestigio. Da oggi al 17 giugno, infatti, sarà su Rai 1, a bordo del nuovo programma estivo “Camper” con in studio Tinto e Roberta Morise. I due conduttori, nel corso di questa nuova avventura, mostreranno attraverso collegamenti e reportage, alcune località del nostro Paese. Immancabile la Puglia e l’incontro magico con il noto ristoratore di Monte Sant’Angelo.

Lo chef Gegè Mangano, già volto noto delle reti nazionali per le sue apparizioni in diverse trasmissioni e sitcom dedicate alla cucina, accenderà ancora una volta i riflettori sulla Puglia, portando un po’ dei suoi profumi, sapori e colori nelle case degli italiani. “Ancora una volta il nostro Gegè – commenta Alfonso Ferrara, presiedente di Confesercenti Foggia – diventa ambasciatore dei nostri sapori e delle nostre tradizioni. Un percorso che ora si arricchisce di un altro, importante tassello e che il Maestro continua a percorrere anche in casa della nostra associazione di categoria”.

Cosa presenterà questa volta lo Chef Gegè Mangano, sarà una sorpresa. Non resta altro che collegarsi su Rai 1 per scoprirlo. Allora appuntamento, sulla rete ammiraglia di mamma Rai, da oggi al 17 giugno, alle ore 12, chef Gegè Mangano a Camper. Le repliche in onda su Rai Play.

Confesercenti Foggia

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

monteRINVENIMENTO ARCHI VILLA COMUNALE, INTERROGATO IL SINDACO
Nei giorni scorsi, durante i lavori di rifacimento della Villa Comunale, con la rimozione del vecchio intonaco di un muro di base che oggi ospita la Casa di Riposo ma anticamente erano locali di un ospedale, sono state rivenute le forme di antichi archi.
In data odierna, con una pec inviata all’indirizzo istituzionale, i Consiglieri eletti del Gruppo “A Monte” hanno chiesto al Sindaco delucidazioni in merito, anche per cercare di capire se la ditta esecutrice dei lavori abbia informato il Comune di quanto rinvenuto.
Purtroppo, nelle ore successive al rinvenimento di quegli archi, la ditta ha intonacato di nuovo il muro. Chi ha autorizzato a nascondere quegli archi? Il Comune ha provveduto a fare una ricerca in merito? La Soprintendenza è stata informata anche per capire se quegli archi abbiano una valenza storico-architettonica? Restiamo in attesa di risposte delle quali informeremo prontamente la cittadinanza.

Gruppo Consiliare “A Monte” Monte Sant’Angelo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

libriIn programma il 15 giugno la presentazione ufficiale e il taglio del nastro della Community library del comune dei Monti Dauni, a cui seguirà una rassegna di appuntamenti culturali.

Si terrà Mercoledì 15 giugno, alle ore 10.00, presso la sala convegni del Comune di Accadia (FG) in Viale Roma n.1, la conferenza stampa di presentazione della BAC - “Biblioteca Dei Fossi: La Community Library di Accadia”, progetto finanziato nell’ambito del “Por puglia 2014‐2020”, che ha permesso l’apertura di questo nuovo presidio culturale nel settecentesco “Palazzo Vassalli”, adiacente all’incantevole borgo medioevale di Rione Fossi.
L’incontro in programma, moderato dalla giornalista di Repubblica e corrispondente di Rai 2 Tatiana Bellizzi, vedrà la partecipazione di numerose personalità istituzionali tra cui il sindaco Agostino De Paolis e il Vice Presidente della Regione Puglia Raffaele Piemontese. Interverranno, inoltre, i referenti del team che hanno lavorato all’allestimento d’innovazione della Biblioteca civica: Francesco Mercurio, direttore di esecuzione lavori, Marco D’Introno, del RUP di Accadia, Nicolangelo De Bellis, CEO dell’HGV Italia, l’agenzia aggiudicataria della gara per il Servizio di branding e Loredana Gianfrate, della Imago cooperativa sociale incaricata della catalogazione libraria e gestione start up della Biblioteca.

Rione Fossi uno spazio culturale d’innovazione per la comunità
Alla conclusione della conferenza ospiti e cittadini si recheranno presso la vicina sede della nuova Biblioteca, in Via Borgo, 16, per la tradizionale cerimonia del taglio del nastro e la visita agli spazi della struttura organizzati per assicurare il massimo confort agli utenti e vari servizi integrati, con particolare attenzione all’innovazione digitale. Oltre alle collezioni librarie tematiche, alla sezione periodici, agli ampi spazi dedicati alla narrativa per ragazzi, infatti, la BAC ospita una sala informatica, una sala convegni multimediale e il Centro di Documentazione Digitale, progettato con l’obiettivo di preservare la memoria della comunità e di consolidare l’identità collettiva e territoriale di Accadia, attraverso la raccolta, recupero, catalogazione e divulgazione di materiali biblio-documentali, iconici, grafici, fotografici, audio e video sul Comune.

Una rassegna di incontri, laboratori ed esperienze per lanciare il progetto BAC
Questo nuovo presidio culturale intende proporsi non solo come biblioteca di comunità, ma anche come centro di raccordo per iniziative di promozione e valorizzazione del Rione Fossi e del territorio. Infatti, per il lancio è stata organizzata una rassegna di eventi. Si parte il 23 giugno con un doppio appuntamento: alle 17.30 la presentazione del libro “La strada delle fiabe”, firmato dalla nota antropologa e docente universitaria Laura Marchetti, in serata ci sarà, invece, l’incontro con il regista Luciano Toriello e la proiezione del suo ultimo documentario, Matria, girato sui Monti Dauni. La mattina di Domenica 26 giugno, invece, è in programma l’esperienza della “Camminata filosofica” con il professore e guida ambientale Michele de Pasquale. Giovedì 30 giugno alle ore 18,00 appuntamento con la Storia per l’incontro sulla memoria dei giovani caduti in guerra tenuto dal Dott. Francesco Mercurio ex direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli ed ex funzionario della Provincia di Foggia. Molti gli appuntamenti per i bambini con le Letture animate, i laboratori narrativi e teatrali a cura del Teatro dei Limoni dal 27 giugno al 4 luglio.
Per informazioni sui servizi, orari ed eventi contattare il numero 0881.376899 o visitare il sito: biblioteca-accadia.it

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)