Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 340 visitatori e nessun utente online

Economia e finanza

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

All’interno di un’azienda è comune che nel corso degli anni si accumuli una grande quantità di documenti cartacei, talvolta difficili da conservare in modo efficiente ma al tempo stesso impossibili da eliminare perché ritenuti importanti. Infatti, il Codice Civile prevede che documenti cartacei debbano essere conservati e dunque archiviati per un periodo minimo di 10 anni.

Tuttavia per molte aziende e liberi professionisti gestire i flussi cartacei potrebbe essere particolarmente problematico, soprattutto per questioni relative allo spazio necessario per l’archiviazione del materiale all’interno di un ufficio. Per questo motivo sempre più imprese decidono affidarsi ad aziende specializzate che offrono servizi per la gestione e conservazione dei documenti cartacei tramite archiviazione fisica.

Come funzionano i servizi di gestione e conservazione dei documenti cartacei

ula kuzma 9i4DHlC80AQ unsplashI servizi di archiviazione, conservazione e gestione dei documenti cartacei diffusi dalle aziende leader di settore, permettono a imprese, uffici e liberi professionisti di conservare tutti quei documenti ancora importanti per il proprio business liberando così spazio all’interno delle proprie sedi.

L’archiviazione fisica dei documenti cartacei è un servizio per la conservazione sicura di tutti quei documenti che non possono essere smaltiti, anche se è stato effettuato un processo di dematerializzazione degli stessi.

Le aziende specializzate nel settore mettono a disposizione storage caratterizzati da specifici sistemi di sicurezza, in grado di conservare nel modo più efficiente e sicuro i documenti delle aziende clienti, ottimizzando lo spazio all’interno degli uffici.

Gli storage usufruiscono di sistemi tecnologici innovativi anti-polvere, anti-incendio e anti-intrusione, sono assicurati e rappresentano una delle soluzioni più efficienti per l’archiviazione fisica dei documenti cartacei. Infatti, la gestione e la conservazione fisica dei documenti avvengono in totale conformità alla normativa di legge e nel rispetto dei criteri di efficienza.

Questi servizi di archiviazione e gestione dei documenti si basano su uno specifico metodo di archiviazione che comprende la progettazione e la formazione di archivi efficienti in modo tale da consentire anche una rapida ricerca dei documenti.

Le tipologie di archivi più comuni

Le aziende specializzate nella gestione dei documenti cartacei offrono diverse tipologie di archivi caratterizzati da differenti capienze, sistemi di conservazione e gestione, nonché da diversi sistemi di protezione.

Gli archivi di documenti cartacei più comuni e richiesti sono:

  • Archivio storico, uno storage in cui è possibile inserire tutti quei documenti che non hanno più una rilevanza giuridica e amministrativa, ma possono ancora servire come supporto per lavori futuri. È una tipologia di archivio contraddistinto da una capienza voluminosa e da servizi di catalogazione e valorizzazione dei documenti;
  • Archivio deposito, un tradizionale storage dove è possibile inserire vecchi documenti inutilizzati ma ancora validi ai fini giuridici e operativi;
  • Archivio ibrido, in questo caso si tratta di uno storage dove è possibile conservare documenti di varia natura ed è sempre contraddistinto da servizi di archiviazione e gestione dei documenti cartacei, a cui è possibile aggiungere anche servizi di digitalizzazione e dematerializzazione dei documenti. Le tecnologie utilizzate per la gestione di questi archivi richiedono un personale con competenze specifiche.
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

Mettere in affitto un immobile di proprietà sembra un gioco da ragazzi, perché può garantire un’entrata fissa ogni mese senza apparente impegno, ma non lo è.

img 2835996823373268Non tutti conoscono bene tutto quello che c’è dietro all’affitto di un immobile, ma di lavoro da fare ce n’è abbastanza.

Perché l’affare vada a buon fine e garantisca un effettivo vantaggio per il proprietario è opportuno che questo sia preparato, aggiornato e segua direttamente tutto l’iter che conduce alla firma di un contratto d’affitto.

Questo parte innanzitutto dalla cura dell’immobile, dal suo efficientamento energetico, dai piccoli lavori utili a renderlo vivibile, confortevole, appetibile, fino alla sua pubblicizzazione.

La scelta dei canali giusti dove promuovere la proposta di affitto non è un passaggio da sottovalutare.

Perché ci sia un ritorno immediato e consistente è bene scegliere quelli più appropriati, garantirsi la maggiore visibilità, sostenendo anche costi considerevoli.

Questo, almeno, secondo le più diffuse convinzioni.

A ben guardare, quello che conta quando si lancia un’offerta sul mercato consiste non tanto nella quantità di persone raggiunte, quanto nella qualità che si esprime nel potenziale e reale interesse che questi possono nutrire nei confronti di un’abitazione, piuttosto che un’altra.

Spendere centinaia, se non migliaia di euro in pubblicazioni che coprono altrettante quantità di pubblico del tutto disinteressato rispetto, magari, alla pubblicazione dello stesso annuncio su una piattaforma che potrebbe non garantire la stessa copertura, ma raccoglie utenti mirati, non proficuo.

Proprio su questo aspetto la startup Zappyrent ha costruito la sua piattaforma online di incontro tra domanda e offerta di case in locazione, permettendo di pubblicare annunci immobiliari gratis che raggiungono utenti realmente interessati.

Il suo algoritmo di ricerca da parte degli inquilini, infatti, si basa sulle preferenze di budget, zona, formula abitativa impostate dallo stesso utente.

Questo, per il proprietario, si traduce nel dato di fatto che il suo annuncio, se mostrato al pubblico, lo sarà perché selezionato tra migliaia di offerte in base a quanto espresso dall’utente.

In altre parole, la pubblicazione dell’annuncio segue la logica della qualità.

Assodata la maggiore facilità di trovare subito inquilini interessati, restano comunque le beghe burocratiche da sbrigare.

Seppure la piattaforma online garantisca lo svolgimento di tutta la procedura a distanza, nella massima trasparenza e sicurezza, dovrà comunque essere il proprietario a guidare le redini dell’accordo.

È importante, quindi, dopo gli aspetti sostanziali curare anche quelli formali, scegliendo la giusta formula contrattuale, stilando un contratto redatto a norma di legge, a cui allegare tutti i documenti richiesti, incluso l’inventario dei mobili se presenti.

È fondamentale, in questa fase, stabilire che il pagamento avvenga solo per vie tracciabili, magari sempre attraverso la piattaforma Zappyrent, e che venga scelto un tipo di contratto in grado di alleggerire anche la pressione fiscale, come la cedolare secca a canone concordato.

Firmato l’accordo, l’impegno del proprietario termina?

Non proprio, specie se l’inquilino si rivela ritardatario o moroso nei pagamenti.

Proprio in queste circostanze entra in ballo la speciale protezione Zappyrent che, da una parte permette al proprietario di scegliere gli inquilini nel modo più giusto, assegnando loro un punteggio di merito creditizio, dall’altra assicurando sempre il pagamento ai proprietari, a prescindere dal versamento da parte dell’inquilino.

In alternativa si potrebbe stipulare una polizza fideiussoria presso un Istituto di Credito su cui rivalersi nei casi di mancato pagamento.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

tradingIl 2020 non verrà ricordato solo per il Covid-19 ma anche come l'anno del boom del trading online. Complici la necessità di stare a casa ma anche lo smartworking o la chiusura di molte attività, gli italiani hanno iniziato a interessarsi a tutto ciò che concerne gli investimenti online. Un dato in controtendenza rispetto al passato, se si considera che in Italia si sono sempre preferiti liquidità e conti correnti.

Se da un lato, quindi, arriva la buona notizia di una nuova propensione all'investimento e al far fruttare i propri risparmi, dall'altro si deve notare che sono aumentati anche i casi di frode online. Ce lo raccontano i dati e le richieste pervenute alla Polizia, in aumento rispetto agli anni precedenti. 

Cosa accade? Prima di andare a demonizzare il trading online a tutto tondo sarà necessario fare delle precisazioni. Tra tantissime piattaforme serie e affidabili c'è anche chi ha deciso di lucrare, promettendo dei facili guadagni grazie all'investimento di migliaia di euro.

Il mondo del trading online, però, non è questo e, oltre le figure di finti intermediari finanziari, ci sono delle risorse editoriali come la guida di Affari Miei e dei professionisti pronti a dispensare consigli utili. 

Approcciarsi al trading online riuscendo a stare lontani da problemi e frodi è possibile. Basta farlo con attenzione, coscienza e conoscenza. In molti casi il trading è sicuro e perfettamente legale. Le piattaforme di trading online serie e affidabili sono regolamentate e autorizzate dalla Consob. In questo modo la tutela degli investitori è garantita poiché le piattaforme non possono intervenire sui prezzi e sono libera da possibili conflitti di interessi. 

In poche parole questi broker non vanno a effettuare delle riquotazioni del prezzo ma operano in maniera sicura e trasparente, così da riuscire a generare dei guadagni effettivi per chi investe. Per fare trading online senza rischi occorre, quindi, individuare la piattaforma perfetta per le proprie esigenze. Bisogna conoscere ciò che si sta facendo e affidarsi a broker affidabili che siano in grado di generare profitto. 

Si deve sempre ricordare che, ad ogni modo, quando si ha un capitale da investire è necessario diversificare. In questo modo si correranno meno rischi, poiché diversificando gli investimenti si avranno maggiori possibilità di ottenere dei profitti. Altro consiglio valido è quello di non improvvisarsi ma di avere sempre piena consapevolezza di quello che si sta facendo e dei risultati che si vogliono ottenere con i diversi strumenti a propria disposizione. 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

Quali sono i guadagni di un architetto? Che differenza c’è, a livello economico, tra chi pratica la professione alle prime armi e chi invece vanta un’esperienza consolidata? Innanzitutto, è bene chiarire che, rispetto agli anni scorsi, oggi l’architetto si trova a fronteggiare da un lato un ambiente fortemente competitivo, per il surplus di laureati e dunque di offerta lavorativa rispetto alle richieste di mercato; dall’altro un netto calo dei guadagni in media.

arcTuttavia, l’avvento della digitalizzazione e la tendenza dei consumatori ad una sempre più spiccata personalizzazione anche dei propri ambienti, ha fatto sì che questo libero professionista abbia potuto applicare le sue competenze anche in altri settori, comunque affini all’architettura: un esempio sono le nuove sfide del design o della grafica informatica. Dunque, volendo analizzare nello specifico i guadagni attuali in Italia per gli architetti, sia che siano figure junior che senior, di seguito un piccolo excursus sui dati più rilevanti.


Architetto junior: una panoramica dei guadagni in media

Che cosa si intende per architetto junior? Bisogna distinguere i neolaureati, che dunque iniziano a muovere i primi passi nella propria carriera professionale, dagli junior, ovvero laureati che hanno meno di due o tre anni di esperienza (a volte anche cinque) nel settore. Ecco una breve lista dei guadagni:

  • Per i giovani neolaureati in architettura, che intraprendono il tirocinio obbligatorio presso uno studio, lo stipendio medio in genere oscilla tra i 500 e i 600 euro al mese;
  • Per le posizioni junior o potremmo dire "entry level", lo stipendio medio annuale si aggira intorno ai 14.550 euro o poco più. Si tratta di circa 1.200-1.300 euro al mese.


Architetto senior: i guadagni di chi ha più esperienza

Anche per quanto riguarda i senior bisogna fare delle distinzioni, in modo da comprendere efficacemente la panoramica dei guadagni:

  • Architetti che hanno maturato un’esperienza dai 4 ai 9 anni, arrivano in genere ad avere uno stipendio medio mensile di 1.950 euro;
  • Senior, con alle spalle 10-20 anni di carriera, possono raggiungere cifre mensili di 2.950 euro;
  • Professionisti a fine carriera, che hanno un mestiere consolidato e più di 20 anni di esperienza nel settore, possono aspirare complessivamente ad una retribuzione media di 3.160 euro.


Architetti liberi professionisti

Differente è il discorso per i liberi professionisti: i guadagni per queste figure non sono facilmente prevedibili poiché variano in base alla mole di lavoro, ma si può affermare che essi partono dalle poche centinaia di euro fino ad oltre 5.000 euro mensili. Tuttavia, bisogna considerare un aspetto fondamentale che riguarda in genere tutti coloro che esercitano la libera professione: le uscite. Chi lavora in proprio deve necessariamente fronteggiare maggiori spese rispetto ai lavoratori dipendenti, derivanti dall’iscrizione e dal rinnovo all’Ordine professionale, ad esempio, ma anche dalla formazione costante, requisito obbligatorio previsto dalla normativa in materia.

Essenziale è la considerazione riguardante le spese per la partita IVA. Fiscozen, servizio "all inclusive" per professionisti e imprese individuali, è un assistente fiscale online che agevola la gestione della partita IVA, alleggerendone il carico burocratico generalmente necessario. Grazie alla competenza e al supporto di consulenti fiscali specializzati, già dalla prima consulenza – che è gratuita – è possibile farsi un’idea chiara sulla soluzione più adatta alle proprie esigenze.

La formula migliore per la gestione della partita IVA da architetto, ideale soprattutto per chi è all’inizio, è l’abbonamento a 299 euro + IVA all’anno, dedicato ai contribuenti assoggettati al regime fiscale noto come “forfettario”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

Luce e gas sono due servizi essenziali di cui ogni utente deve poter disporre sempre in libertà e serenità. Scegliere il fornitore a cui affidarsi diviene allora un punto estremamente strategico e di rilievo nell’economia personale o familiare. Ecco perché è importante raccogliere tutte le informazioni necessarie, confrontare le offerte e il tipo di servizio erogato al fine di individuare il più giusto. Le situazioni e i contesti in cui ci si trova  a muoversi possono infatti essere molto diversi gli uni dagli altri.

energia 002

Ogni giorno le persone utilizzano la luce e il gas per le più diverse attività o incombenze. Cucinare, lavare, utilizzare gli elettrodomestici e molte altre sono solo alcune delle possibilità quotidiane che costellano la vita degli utenti. Le routine personali o familiari possono differire enormemente da caso a caso. Quello che però rimane presente e costante in tutte le eventualità è l’aspetto collegato alle necessità da gestire e assecondare.

Proprio per questi motivi è prioritario rintracciare in tempi rapidi il fornitore di luce e gas che possa rispondere in maniera puntuale alle richieste individuali o collettive. Un partner sicuro, affidabile e professionale che possa accompagnare in ogni momento di bisogno con un supporto mirato. Ecco perché diviene strategico raccogliere le informazioni e comparare le proposte disponibili.

Nel panorama italiano alcune delle opzioni più interessanti riguardano Sorgenia, E-ON ed Edison Energia. In quest’ultimo caso, quindi può essere utile visionare le opinioni su Sorgenia presenti sul portale Chescelta.it, così da comprendere se sia la soluzione più adatta alle proprie necessità.

Offerte luce e gas: come procedere con l’analisi dei servizi.

La prima domanda che appare in questi casi è come si può procedere nella selezione dei dati da tenere presenti. Il passo iniziale essenziale è partire dal chiarire qual è il contesto in cui l’utente si muove e soprattutto quali sono le sue esigenze primarie. L’analisi infatti per rivelarsi efficace ed efficiente deve prendere in esame tutti quegli elementi che possono influire sull’esito dell’offerta commerciale. È dalla conoscenza della routine abituale e delle attività più comuni o frequenti che vengono condotte che si può derivare una serie di informazioni chiave sui consumi.

Una volta stabilita la griglia di partenza, l’operazione deve espandersi per ricomprendere al suo interno i tasselli comparativi delle aziende fornitrici. In questo senso allora torna utile approfondire anche altri punti di vista differenti dall’iniziale. Un esempio è perciò leggere le opinini su Edison Energia  al fine di capire le caratteristiche e le peculiarità di questo fornitore ed individuare l’offerta di proprio interesse. Seguire anche questa parte di valutazione si rivela un metodo prezioso per poter disporre di tutte le nozioni rilevanti nella quotidianità. Motivo per cui è un’attività che deve essere di certo curata e approfondita dedicandole il giusto tempo.

Le caratteristiche da valutare con cura.

Quando si procede con l’analisi ci sono diversi elementi che occorre considerare. La fornitura di luce e gas difatti è una parte essenziale nella gestione quotidiana delle attività di ciascuno. Questa sua particolarità chiarisce anche la necessità di informarsi attentamente oltre che sulle opinioni dei clienti in merito ai servizi anche su altri fatti.

Ad esempio, per quanto riguarda l’offerta di e-on, è bene conoscere nel dettaglio cosa viene proposto, per capire se viene garantita l’erogazione dell’energia elettrica e/o del gas, a che condizioni e verso quali utenti.

Un aspetto utile è il target della clientela perché è essenziale assicurarsi che i servizi siano erogati sia alle aziende che ai privati. In aggiunta anche il discorso convenienza e tutela risorse energetiche merita un’attenzione speciale. Per ottimizzare il budget nel rispetto della natura è di conseguenza importante che il fornitore possa installare e occuparsi degli impianti fotovoltaici.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)