Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 378 visitatori e nessun utente online

Detti Popolari


A case stace à tàvele k'i ciàmbe a l'arie

A casa ci sta il tavolo con le ciambe “piedi” per aria

Viene detto quando ad ora di pranzo non si trova nulla da mangiare. Ma spesso e rivolto a quelle persone che cercano di auto invitarsi, dimodo che desistano capendo cosa gli aspetta

 

Assemmègghje 'a vècchja pedùcchje pedùcchje

(Assomigli alla vecchia pidocchi pidocchi)

Sono quelli che borbottano sempre per motivi inesistentii

 

Armàmece e partìte

(Armiamoci e partite)

Detto scherzoso per evidenziare la mancanza di volontà ad intraprendere un'azione


Amme pèrze a Felippe ke tutte u panare

(Abbiamo perso a Filippo con tutto il paniere)

Utilizzato quando si manda qualcuno a consegnare un'oggetto ad una terza persona, e dopo un po' di giorni non si hanno notizie ne della persona ne dell'oggetto


Ajire casa case, ogge mizz'a case

(Ieri casa casa, oggi in mezzo alla casa)

Utilizzato per una persona appena morta e che nei giorni precedenti magari stava bene; facendo riferimento all'uso di mettere il defunto nel mezzo della casa, prima di portarlo in chiesa per il funerale


Attàkke u ciùccie a 'ndo vòle u padrùne

(Attacca il ciuccio “l'asino” dove vuole il padrone)

Si dice quando a tuo modo di vedere quella situazione andava fatta in altro modo. Ma dato che la stessa situazione ho ti viene imposta o non ti appartine, si chiudono gli occhi e la fai


Arravùgghje e camìne

(Arravoglia “raccogli” e cammina)

Fai finta di niente e prosegui per la tua strada


Addummànne a l’acquarule si l’acque è fresche

(Addumane “domanda” all’acquarolo se l’acqua è fresca)

Non sempre ci si deve fidare, e ovvio che ognuno di noi cerca di far passare per buono tutto ciò che compie.


Abbùna abbune

(A buono a buono)

Quando ci si pente di aver fatto un servizipo inutile o non riconosciuto


Ah, dice mò tu!

Ah, dici mo “ora” tu!

(Utilizzato per dire:"Tu dici in questo modo?")


Articule quìnde, chi tène mmane ha vìnde

(Articolo quinto, chi è di mano ha vinto)

Si riferisce a chi dispone del comando e dell'autorità per i propri comodi


‘A vole ngànne

(La fatica la vuole in gola)

Non ha voglia di lavorare

Agghia fatt crocia nère

(Ho fatto croce nera)

Si dice per cessare definitivamente un rapporto


A ndò arrìve chjànde u zìppare

(Dove arrivo chianto “pianto” la zeppa)

Inizio a fare un lavoro e quando non ce la faccio più mi fermo


A fatìghe se chìàme kecòzze e a me nen me ‘ngòzze!

(La fatica si chiama cocozza “zucca” e a me non mi ingozza la “ingoio”!)

Lo  si dice  a colui  il quale non ha voglia di lavorare


'A fàme cacce 'u lùpe d'o vosche

(La fame caccia il lupo dal bosco)

La fame spinge il lupo ad uscire dal bosco, intendendo che la fame, ma più in generale la necessità spinge le persone a fare cose che non  avrebbero fatto.

'A gatte, pà frètte facije i figghje cìche

(La gatta per la fretta fece i figli ciechi)

Una cosa fatta di fretta sicuramente non è fatta bene


A quill’ u lard l’è ‘rruàte nganne

(A quello il lardo gli è arrivato in gola)

Rivolto a chi ormai ha accumulato ricchezze in modo esagerata


Assemméggje 'u ciucce chjine de vuzze

(Assomiglia un ciuccio pieno di botte)

Si dice di una persona che si lamenta sempre dei dolori, o che ha dei lividi


A cicere a cicere s'énghje 'a pegnate

(A ceci a ceci si riempe la pignata)

Le cose si fanno un po' per volta


'A cunfedénze èje 'a mamme d'a mala crejanze

(La confidenza è la mamma della  male crianza “maleducazione”)

Troppe volte l’eccesso di confidenza sfocia in atteggiamenti poco educati


'A figghja môpe 'a mamme 'a 'ntende

(La figlia muta la mamma la capisce)

Basta poco ad una mamma per comprendere un problema di un figlio


'A gallina face l'uve e o galle 'i 'duscke 'u cule.

(La gallina fa l’uovo e al gallo,  gli dusche “duole” il culo, canta)

Chi fa le cose e chi si prende il merito

'A gatta d'a despenze  cum'èje accussì pénze.

(La gatta della dispensa com’è così pensa)

Chi fa parte di un certo settore(es. ceto sociale alto) non favorirà mai quelli diversi da lui (es. ceto sociale basso)

'A carna triste nn'a vôle Criste.

( La carne triste “cattiva” non la vuole nemmeno Cristo “il Signore”)

A volte le persone cattive godono di buona salute, mentre i buoni hanno degli acciacchi

'A precessiône camine e 'a cera se struje.

(La processione cammina e la cera si struie “si consuma”)

Bisogna risolvere subito le cose prima che possa succedere qualcosa.

'A vite è n'affacciate de fenestre.

(La vita è un’affacciata di finestra)

La vita va vissuta intensamente perché è breve.

'A chiagne 'u murte sonde lacreme pérze.

(A piangere sto morto sono lacrime perse)

In alcuni casi parlare con qualcuno che non vuol capire è solo tempo perso.

Abbrile cacce 'u fiore e magge have l'onore.

(Aprile caccia i fiori e maggio ha l’onore)

Molti si prendono dei meriti per fatiche fatti d’altri

Acqua passate nen macine muline.

(Acqua passata non macina mulini)

Detto utilizzato per indicare che le cose vanno fatte per tempo

Acqua truvule 'ngrasse 'u cavalle.

(Acqua truvula “sporca” ingrassa il cavallo)

Probabilmente si riferisce al fatto che i cavalli, non bevono se nell'acqua c'è anche una ben che minima sciocchezza. Molto usata anche come risposta per alcuni cibi non graditi.

Aguste  màneche e buste.

(Agosto maniche e busto)

Si utilizza per indicare che nel passato le donne in questo periodo, toglievano i busti che le rendevano la vita stretta, per stare più fresche.

A vecchiaije 'i cavezétte rosce.

(La vecchiaia con le calze rosse)

In certi casi molte persone fanno delle cose che avrebbero dovuto fare in gioventù

Appìrze a me vìne tu

(Appriss “dopo” di me vieni tu)

Frase usata da una persona che viene derisa, quindi è quasi un invito a subire la stessa ingiuria.

A ‘ppiccià  fuke

(Appiccia “ha acceso” un fuoco)

Detto riferito a chi, volontariamente o meno, affronta un argomento che contribuisce ad accendere una vibrante discussione tra i presenti

'A càpe chè ne parle se chiàme checozze.

(La capa “testa” che non parla si chiama cocozza “zucca”)

Riferito alle persone che magari non parlano prima di alcuni “problemi” risolvibili

Ambàrate cùle quanne staje sùle, che quanne staje accùmbagnàte si ù càpe scùstumate

(Imparati culo quando stai solo, che quando stai in compagnia sei il capo scostumato)

Il bon ton insegna

A precessiòne se vède quanne s'arretìre

(La processione si vede quando si ritira)

E' un detto utilizzato quando s'inizia un qualcosa, tipo un'attività o un torneo. Infatti all'inizio c'è molto entusiasmo, ma in realtà e solo alla fine che si tirano le somme ed è quello che conta. Come di fatto alle processioni, quando iniziano ci sono tantissimi fedele, quando si rientra, ci sono i fedeli credenti.

Avezete cùle sìrve 'o padrùne

(Alzati culo e servi il padrone)

E' utilizzato per indicare che non si può sempre comondare, quindi ti alzi e fai le cose da te

Amare a chi cade e cèrke ajute

(Amaro a chi cade e cerca aiuto)

Sta a significare che purtroppo quando si ha bisogno di aiuto, di qualsiasi tipo, in molti ti girano le spalle

Agghie pegghjàte àneme

(Ho preso anima)

Utilizzato moltissimo, dopo uno spavento o un brutto episodio, per dire “mi sto riprendendo”

A l'àngeca tuje

(A langeca tua)

E' un'espressione che sta ad indicare a l'anima tua, mannaggia a te.

A squagljiàte da nève èscene i strùnze

(Alla squagliata “sciolta” della neve escono gli stronzi)

Quando nevica si vede solo in superficie, mentre sotto non si riesce a vedere nulla fino a che non si scioglie. Così si usa dire, quando rivedi dopo un po' di giorni una persona che conosci bene, ma che magari non si faceva vedere, per diversi motivi

'A lènghe nen tène usse ma rombe l'ussere

(La lingua non tiene ossa  ma rompe le ossa)

Utilizzato per dire che con la lingua si può far davvero male a qualcuno, ovvero parlando in maniera negativa e quindi mettendolo in cattiva luce

Balènghe.../Balè

(Balengo)

Cosi come in tutt'Italia

Brutte de facce bone de core

(Brutta di faccia  buona di cuore)

Magari in alcune persone non proprio belle d'aspetto nascondono una bontà d'animo

Bèlle e bùne se n'è jùte

(Bello e buono “all'improvviso” se ne è andato)

"Bèlle e bùne" utilizzato per indicare un azione improvvisa

Chi vòle vàce chi nen vòle mànne

(Chi vuole va, chi non vuole manda)

Espressione utilizzata dopo che si è chiesto un favore, non andato a buon fine. Infatti per esserne sicuri e meglio farlo di persona e non delegare.

Cecernèlle vulève vulève, nen zapève ché vvulève

(Cicirinella “nome di inventato” voleva voleva, non sapeva che cosa voleva)

E' il verso di una cantilena, usato per indicare delle persone  indecise, che quando sembrano  decise, ci ripensano nuovamente

Chi troppe s'acàle u cule mostre

(Chi troppo si cala il culo mostra)

Ognuno di noi ha una dignità, quindi pur se dobbiamo chiedere dei favori, bisogna saperlo fare altrimenti si diventa molli, ovvero senza spina dorsale

Ca te vonna mbènne

(Che ti vigliono appendere)

Sta ad indicare un augurio un tantino sgradevole, ovvero l'impicaggione.Ma nella maggior parte dei casi e solo un'intercalare, utilizzato nei momenti di nervosismo verso qualcuno che ha fatto un danno

Che tìne a cialànghe?

(Che tieni la cialanga “molta fame”?)

Non sta ad indicare l'apettito in se per se, ma l 'ingordigia e la avidità nei confronti del cibo

Che tìne u sdellùvie

(Che tieni lo sdilluvio “verme solitario”

Rivolto a quelle persone che mangiano tantissimo e che non sono mai sazie

Chi nen tène à che penzà, pìgghje i cane a pettenà

(Chi non tiene a che pensare, prende i cani a pettinare)

Riferito a coloro i quali non hanno nulla da fare e perdono tempo criticando altre persone ,i cani in questo caso non c'entrano nulla

Chi si corke ch'i crijatùre se trove cacàte

(Chi si corca “va a dormire” con i bambini, si trova sporco di cacca)

Utilizzato per indicare la inaffidabilità dei bambini magari a svolgere compiti che dovrebbero fare gli adulti

Ce sìme assettàte sazzie e avezàte dejùne

(Ci siamo assettati “seduti” sazi e avezati “alzati” digiuni)

Lo si dice in un locale quando il conto è salato, o in casa di qualcuno, a tavola, quando ci si aspetta qualcosa in più da mangiare

Chi tanda tande e chi nìnde nìnde

(Chi tanto tanto e chi niente niente)

Detto quando nello stesso contesto si confrontano realtà opposte, es. ad una persona gli gira tutto nel verso buono ad un'altra gli è tutto contro.

Che tine u sellùzze, qualcune te numenèje

(Che hai il silluzzo”singhiozzo” qualcuno ti sta nominando)

Quando qualcuno ha il singhiozzo si dice che molto probabilmente qualcuno lo stia pensando

Cum’eje u suldàte accussì è u fucile

(Come è il soldato, così è il fucile)

Il carattere di una persona condizionale sue decisioni

Chi me battêzze m'ê cumbàre

(Chi mi battezza mi è compare)

Chi mi porta benefici, preferisco esserci amico

Che t'ha sìnde

(Che te la senti)

Frase rivolta a chi dimostra un certo risentimento

Chi s' magn’ i mèle e chi s' gelàn i dìnde

(Chi si mangia le mele e chi si gelano i denti)

Chi ha fatigato e chi ha goduto dei frutti del lavoro

Chi paghe prìme è male servìte

(Chi paga per primo è mal servito)

Fidarsi del prossimo può riservare brutte sorprese

Chi nasce tùnne nen more quadre

(Chi nasce tondo non muore quadro)

Lo si dice ad una persona che non cambierà mai il suo carattere

Chissà che ha viste e n'ha 'ssapràte

(Chissà che ha visto e non ha assaprato “assaggiato”)

Spesso è riferito a chi, senza un motivo, plausibile cambia atteggiamento comportandosi in maniera diversa

C’hamme rufuste l'uglje e 'a lambe

(Ci abbiamo rifosto “rimesso”  l'olio e la lampada)

Si dice quando in una attività ci si rimette.

Capetà ce pùje!

(Capitare ci puoi!)

Utilizzato spesso per indicare che determinate cose possono accadere

Chi téne magne e chi nen téne magne e véve

(Chi tiene mangia, chi non tiene mangia e beve)

Molte volte capita che chi dichiara di essere nulla tenente sta meglio di chi è  benestante

Crìsce sànde, chè dijàvele ce sinde

(Cresci santo, che diavolo già lo sei)

E' un augurio che si fa ai bambini quando  fanno gli starnuti

Crisce figghje, crisce purche

(Cresci figli, cresci porci)

Il sacrificio spesso  fatto per i figli non viene riconosciuto dagli stessi, mentre, crescendo i maiali alla fine qualcosa in tasca ti va

Ce vole chi 'u votte pe ngùle

(Ci vuole chi lo votta “spinge” dal culo)

E' riferito a chi non vuole impegnarsi

Cùrte e male cavàte

(Corto e mal cavato)

È basso e fatto male, praticamente brutto

Cume staje cùmbenate

(Come stai combinato)

Sta a significare che una persona sta messa male

Cume staje àrrebellate

(Come stai arribellato “ribellato”)

Codesta persona ha un po' la testa vuota

Che faje jòke a   ffrega cumbàgne

(Che fai  gioca a freca compagni “imbrogliare gli amici”)

Ci si riferisce a chi trae beneficio da una situazione disinteressandosi degli altri

Chi magne sùle s’ indorze!

(Chi mangia solo s'intorza!)

Lo si dice a chi mangia da solo senza condividere il cibo con i presenti

Chjàgne sèmbe mesèrie

(Chiagne “piange” sempre miseria)

Si dice a chi, pur  in ottime condizioni, ha l'abitudine di lagnarsi

Chi manègge festègge

(Chi maneggia, festeggia)

Chi gestisce soldi e proprietà comuni, riesce sempre a crearsi un proprio tornaconto

Cume spìnne, accussì magne

(Come spendi accussì “così” mangi)

A volte  risparmiando eccessivamente su un acquisto, non si ha la garanzia della qualità.

Cum' eje u pagabile accussì è u pittabile

(Com'è il pagabile, così è il pittabile)

Il classico come spendi così mangi, il pittore ti farà un buon lavoro, se lo pagherai

a modo, altrimenti..........

Cande cande 'a 'nnammurate e sorde.

(Canta canta ma l’innamorata è sorda)

Si utilizza quando si fanno delle richieste a qualcuno, ma quest’ultimo non ti fila proprio

Cande gallucce meje fin'à quanne tine i ceciutte.

(Canta galluccio mio fino a quando hai il ciucciotto)

Goditi la vita nei momenti belli, quindi in gioventù, perché poi ci saranno molti problemi

Che ce vole ù statte attindè

(Che ci vuole il badante)

Si dice a quelle persone che combinano guai, nemmeno se fossero dei bambini.

Chi rìre senza kè o è scème o l'ave ke me

(Chi ride senza che o e sceme o ce l'ha con me)

E' vero, sicuramente se stai ridendo, probabilmente, ti sarai ricordato qualcosa di divertente nei confronti di una persona che hai d'avanti

Cane e figghiè di puttàne nen chjùdene mai i porte k'ì mane

(Cani e figli di puttane non chiudono mai le porte con le mani)

E' giusto sapere che esiste anche questo detto.

C'ù nu si te mbìcce e c'ù nu no te spìcce

(Con un si t'impicci e con un no ti spicci)

Utilizzato per dire che, in qualche occasione è meglio non fare favori.

Cannelore 'a 'nvernate è sciute fore, ma s'u sta' chiù secure, quanne calene i meteture.

(Alla candelora dall'inverno siamo fuori, ma se vuoi essere più sicuro quando si miete il grano)

E' chiarissimo il concetto

Casa sciocca, génde 'ndulénde

(Casa sciocca “sporca” gente insolente)

La casa rispecchia il carattere di chi ci abita

Casa strétte  fémmena 'ngegnose

(Casa stretta donna ingenniosa)

E' chiaro il concetto

Chiave 'ncinte e mariule inde

(Chiavi appese alla fessura e mariuoli “ladri” dentro)

Per stare tranquilli in casa è meglio chiudersi in casa con le chiavi aappese alla serratura

Chi have cumbassiône d'a carne de l'ate, 'a suje s'a magnene i cane

(Chi ha compassione della carne degli altri, la sua se la mangiano i cani)

A volte e meglio non dispiacersi per episodi accaduti ad altri, poiché se mai dovessero capitare a noi, nessuno ci aiuterebbe, anzi!

Chi cummérce cambe e chi fatiche more

(Chi commercia campa “vive” e chi fatica “lavora” muore)

Si utilizza, per indicare che i commercianti stanno bene, mentre chi lavora sudando vedi artigiani riescono a malapena a sopravvivere

Chi magne gallucce e chi gnotte veléne

(Chi mangia i galli e chi gnotte “ingoia” veleno)

Non tutti possono avere situazione economiche agiate

Chi parle 'mbacce nen èje chiamate tradetore

(Chi parla in faccia non è chiamato traditore)

Meglio dire le cose come stanno in faccia

Chi tarde arrive male allogge

(Chi tardi arriva male alloggia)

Chiaro chi arriva tardi si deve accontentare di quello che resta.

Chi téne tanda sold' conde e chi bellà mjglièra cande

(Chi tiene tanti soldi conta, chi ha una bella moglie canta)

Detto utilizzato per diversificare i due atteggiamenti, chi ha tanti soldi li sta sempre a contare per paura che finiscano, mentre chi ha una moglie bella è felice

Chi téne nase téne crianze

(Chi tiene naso ha crianza “inventiva”)

Probabilmente si usa dire così per non finire di affligere chi ha un naso grande, così si cerca di porvi rimedio

Chi téne lénghe vace 'n Sardegne

(Chi tiene lingua va in Sardegna)

Visto che il Sardo è una lingua difficilissima, si usa per dire che  se si ha voglia di fare qualcosa, sicuramente vi riesce.

Chi zappe véve l'acqua e chi pôte véve 'u vine.

(Chi zappa beve l'acqua e chi vendemmia beve il vino)

Si utilizza per indicare che il lavoratore deve accontenttersi di poco mentre chi fa il vino se lo gode

Chi ésce 'a matine subbete guadagne de chiù

(Chi esce la mattina presto guadagna di più)

Il noto chi dorme non piglia pesci

Chi spute 'ngile 'mbacce li véne

(Chi sputa in cielo in faccia gli viene)

Utilizzato per dire non ridere delle disgrazie altrui, perchè potrebbe capitarti lo stesso

Ck'u timbe e c'a pagghje s'ammaturene 'i néspele

(Con il tempo e la paglia si maturano le nespole)

Non affrettiamo i tempi, poiché tutto ha il suo corso

Core timide cuscienza lése

(Cuore timido coscienza lesa)

Le cose vanno prese di petto

Cunziglie de volpe dammagge de galline

(Consiglio di volpe dammaggi “danni” di galline)

A volte gli uomini furbi talvolta danno consigli solo per un loro tornaconto

Cacciàle fore a ccàvece ngùle

(Caccialo fuori a calci in culo)

Credo che si conosca il significato

Cendrò

(Cendrò)

Nome inventato che lo si affibia a coloro i quali si intromettono in tutti gli episodi che non gli appartengono

Che te prùde u cùle

(Che ti prode il culo)

Utilizzato nei confronti di qualcuno che utilizza modi offensivi

Chiùdimme stù libre

(Chiudiamo questo libro)

Poniamo fine a questa storia

Che tène a farmacìje apèrte

(Che hai la farmacia aperta)

Si dice quando qualcuno ha la cerniera dei pantaloni aperta

Chi na bèlla famigghja vole fa d'à figghja fèmmena ha da cumenzà

(Chi una bella famiglia vuole fare dalla figlia femmina deve incominciare)

Giusto non giusto, vi lasciamo giudicare

Da u male fategànde esce u mègghje cumandànde

(Dal mal lavoratore esce il miglior comandante)

Spesso persone che come lavoratori non sono un granchè, appena ricoprono un incarico che dà loro autorità,  lo svolgono con zelo e precisione

D'o male pagatore acciaffe quille chè puje

(Dal mal pagatore acciaffa “prendi” tutto quello che puoi)

Quando sai che una persona non è propensa a pagare i debiti, non essere rigido e accontentati anche di una cifra inferiore che è sempre meglio di non recuperare niente

Dike "Agghje" e quìlle responne: "cepòlle"

(Io dico "aglio" e quello risponde "cipolla")

Riferito a persone che non si capiscono

D'ogne témpéste véne la fine.

(Di ogni tempesta viene la fine)

Si sta ad indicare un po' come succede dopo le tempesti, che non può andare sempre tutto male

E' d'u kelòre d'u cane quanne fuje

(E' del colore del cane quando fuie “corre”)

Viene detto in risposta scherzosa quando si chiede di che colore è un qualcosa

E' dà nu lùkkele e te n'è fujie

(Devi dare un lucculo “grido” e te ne devi fuire “scappare”)

Sta ad indicare che in quel momento non ci si capisce nulla, ovvero c'è molto dissordine, ed è meglio andar via per tornare in un'altro momento

E’ fatte à n’zogne

(Hai fatto la sugna)

In tempi andati la sugna era un ottimo ingrediente per fare il sugo, o per mettere sul pane, quindi un ingrediente ricco e nobile, e lo si dice a chi magari in alcuni casi trae situazioni a proprio vantaggio guadagnandosi del danaro che non gli spettava

E chè ce accòcchje

(E cosa c'entra)

Stai dicendo una cosa che non va inserita in questo discorso

E’ jute a cagnà l’acque all’aulìve

(E’ andato a cambiare l’acqua alle olive)

Dicesi di una persona che è andata ad urinare, ricordando le operazioni che si fanno alle olive per la conservazione in salamoia

E’ jute abbàsce fertùne

(E’andato abbascio “in bassa” fortuna)

Persone che, una volta ricca e fortunata, si trova a dover affrontare una realtà nuova e meno favorevole.

E' scurzè

(E' scorzo “avaro”)

Persona dura a concedere ad altri qualcosa, non è di manica larga

E’ nu magnapane a trademìnde

(E’ un mangia pane a tradimento)

E’ uno che pensa a fare i fatti propri di nascosto, senza favorire chi gli sta intorno

È jute p'avé e è rumaste da dà

(È andato per avere ed  è rimasto a dare)

È andato per riscuotere e si è ritrovato debitore. La spiegazione è chiara

E’ arruàte à chitàrre mmane è cafune

(E’ arrivata la chitarra in mano ai cafoni)

Si utilizza per dire quando qualcuno incompetente compie qualcosa

E' arruàte Pavelùcce

(E' arrivato Paoluccio)

Con Paoluccio è inteso il sonno. Quando si vede qualcuno morire dal sonno si usa questo detto

E’ jì scàveze a Madonne ‘I ngurnàte!

(Devi andare scalzo fino alla Madonna dell’Incoronata)

Dicesi di persona che ha ricevuto una fortuna o un qualunque evento favorevole

È bèlle ma n'abbàlle

(È bello ma non balla)

È di bello aspetto ma non sa fare niente

È nu cacasotte

(È un cacasotto)

Non è una persona molta coraggiosa

E' fèsse quande te n'ha dìtte

(Sapessi quante te ne ha dette)

Nel dialetto foggiano “E' fèsse” è molto utilizzato, sta ad indicare una esagerazione

E' nu sckattamìnde de core

(E' uno schiattamento di cuore “crepacuore”)

Si utilizza per gli spaventi

E' fàtte a corse d'u ciùccie

(Hai fatto la corsa del ciuccio)

Hai fatto tanto per arrivare primo e non era necessario

E quiste è n'ate

(E questo è un altro)

Si utilizza quando più di una persona insinua qualcosa d’inopportuno

È troppe ceremeniùse

(È troppo cerimonioso)

Si fa troppi problemi, troppo riverente e poco spontaneo

E’ megghje a farte nu vestite che na magnàte

(E’ meglio farti un vestito che darti da mangiare)

Lo si dice ad una persona di buon appetito

E’che parle giargianèse?

(Che  parlo giargianese?)

Il giargianese è una lingua che risulta incomprensibile. Quindi la frase vuol dire: “cerca di capire perché io non parlo una lingua incomprensibile”

E’ mègghje èsse kernùte chè male sendùte

(E’ meglio essere cornuto che mal sentito)

Quando si parla e nessuno ti dà retta, è antipatico, quindi utilizzi questo estremismo

E' fatti i cunde senz'u tavernere.

(Hai fatto i conti senza il taverniere/l'oste)

Quando magari si fanno dei progetti senza metterci dentro gli eventuali inconvegnienti

E' megghje na' brutta matine e no' nu male vicine.

(E' meglio una brutta giornata e no un cattivo vicino)

Con questo detto si vuol indicare l'importanza di un buon vicino di casa, perchè se il vicino è fastidioso, cattivo ecc. si passano dei guai visto che queste situazioni potrebbero ripetersi. Quindi è meglio una giornata storta, almeno ne è sola una

E' na masserije sénza curatele.

(E' una masseria senza custode)

In genere è utilizzato per le situazioni che stanno per andare in malora, vedi un'attività che non ha un gestore che controlli, tutti fanno il comodo loro

E' tutte fume e nînde arruste.

(E' tutto fumo e niente arrosto)

Di sostanzioso non ha nulla, e solo “chiacchiere”

E' menate a préte e t'é 'mmucciate 'a mane.

(Hai menato “buttato” la pietra e ti sei  ammucciato “nascosto” la mano)

Quando una persona accussa un'altro e poi dice di non averlo fatto

Eje fuke de pagghie.

(E' fuoco di paglia)

Così come il fuoco di paglia non duro tanto, lo si utilizza per dire si sta facendo qualcosa che crollerà a breve

Eje nu magna magne, se magnarrije pure 'i préte.

(E' un mangia mangia, si mangierebbe pure le pietre)

Lo si usa per dire a qualcuno che ha molta fame che si mangia tutto, non escluderebbe nemmeno le pietre

Eje proprie 'nzeppurtabele

(E' proprio insopportabile)

Chiaro il concetto

Eje terate, pénze sole a métte o pizze.

(E' tirato pensa solo a mettere al pizzo “parte”)

Lo si usa per indicare una persona avara. In foggiano o “pizze” può significare “risparmiare” come in questi casi, ma anche “alla fine della strada” va a 'u pizze

E' sime arruàte

(E' siamo arrivati)

Detto per indicare l'arrivo ad una destinazione, ma anche per indicare  che stai dando un giudizio sbagliato

E' menate u' varrone

(Hai messo il varrone “chiusura dei portoni”)

Così si usava dire quando la sera ci si chiudeva la porta di casa

Eje fazzànute

(E' fazzanuto “robusto”)

Si dice ad una persona un po' robusta

Eje ciàcciùtte

(E' ciacciotto “ciotto”)

Si dice ad una persona un po' grassa

E' nzìste

(Devi insistere)

Chiaro il concetto

E' cume à mèna

(E' come la mena “tira”)

Sta ad indicare che piove tantissimo

E' scambàte

(E' scambato “spiovuto”)

Si indica quando la pioggia cessa di venir giù

E' cadute de facce pe ndèrre

(E' caduto di faccia per terra)

Si dice, quando una persona cade

E' spitetjate

(Hai spititiato “scoreggiato”)

Utilizzato quando qualcuno scoreggia

Fuggi da Foggia, non per foggia ma per i foggiani

(Fuggi da Foggia, non per Foggia ma per i foggiani)

Detto attribuito a Federico II, poichè fu tradito dai foggiani. Federico voleva rendere Foggia capitale del Regno ma sotto la religione protestante del regno di Germania, poichè fu contestato dal clero foggiano e non ebbe neanche l'appoggio dei cittadini foggiani, rinunciò al suo progetto dando origine a questo detto

Fàcce de stùbbete

(Faccia di stupido)

Offesa uguale a quelle Italiana

Féte a cane murte

(Feta “puzza” a cane morto)

Lo si dice di una persona oltremodo maleodorante

Fémmene a fenèstre, poca menèstre

(Femmina alla finestra, poca minestra)

Quando la donna sta alla finestra, o comunque è indaffarata per futili motivi, la casa va a rotoli e soprattutto a tavola non c’è soddisfazione

Fa quille che ù prèvet dìce e no quille che fàce

(Fai quello che il prete dice e non quello che fa)

Invito fatto da una persona che è cosciente che il suo comportamento non è irreprensibile e quindi non di esempio per gli altri

Faccia mìje

(Faccia mia)

Che vergogna! Vorrei nascondere la faccia

Frìscke a l’anème d’u Purgatòrie

(Per rinfrescare le anime del Purgatorio)

Era un detto che spesso i mendicanti rivolgevano ai passanti per convincerli a elargire loro qualche soldo: comportandovi bene con me allevierete le sofferenze delle anime del Purgatorio

Famme prìme e famme fèsse

(Fammi primo e fammi fesso)

Inizia pure da me, corro il rischio di prendere un bidone, ho fiducia in te

Facìte chi figghije e chi figghjàstre

(Non fate chi figli e chi figliastri)

Non trattate in modo diverso persone uguali tra loro creando ingiuste discriminazioni

Face sèmbe n'arte

(Fa sempre un'arte)

Detto usato per sottolineare un'azione ripetitiva e arrecante fastidio

Face ù fèsse  pè ne ji à guèrre

(Fa il fesso per non andare in guerra)

Si dice ad una persona che fa finta di non capire certe situazioni

Fatìghe poke e quelle che he fa, faccèle fa a l’ate

(Lavora poco e quello che devi fare, lascialo fare agli altri)

Frase pronunciata sicuramente da chi non ha fama di grande lavoratore

Fàce sèmbe u làsse e pigghije

(Fa sempre il lascia e piglia)

E’ un indeciso, non sa prendere velocemente una decisione

Fa male e pinze, fa bene e scùrde

(Fai del male e pensa, fai del bene e dimentica)

Come non si può essere d'accordo

Figghje, parînde e nepute quille chè faje èje tutte perdute

(Figli, parenti e nipoti quello che fai è tutto perso)

In molti casi non si ha riconoscenza per i genitori

Fine che 'u midiche studie 'u malate môre

(Fino a che il medico studia, il malato  muore)

Detto che sta a significare, che le cose devo essere fatte per tempo

Face à vite de Giangalàsse, magna vève e stace à spasse

(Fa la vita di Giangalasso mangia beve e sta a spasso)

Viene detto a tutti quelli che amano la bella vita, però senza lavorare, visto che per loro ci sono i genitori a provvedere

Facimme accussì e accullì

(Facciamo accussi e acculli)

Tradotto vuol dire facciamo in questo e in quel modo, praticamente: facciamo presto ed andiamo via. Utilizzato sopratutto quando si fanno dei lavori.

Fàce sèmbe carte

(Fa sempre carte)

Viene detto a colui il quale e sempre l'artefice di un'iniziativa

Gennaje frìdde e fame

(Gennaio freddo e fame)

Si dice perchè magari si è spesso tanto a Natale, sia per mangiare sia per i regali, che poi a Gennaio ci troviamo senza soldi e fa anche più freddo.

Gese Criste ‘i face e ‘a Madonne l’accocchje

(Gesù Cristo li fa e la Madonna li accocchia “accoppia”)

Spesso ci si trovano insieme due persone strane che si uniscono per esempio in matrimonio e magari la loro unione suscita ilarità

Gese Criste dace u pàne a chi nen téne i dìnde

(Gesù Cristo dà il pane a chi non ha i denti)

Spesso capitano fortune a chi non ha capacità per sfruttarle

Gnòtte a vacànde

(Gnotte “ingoia” a vuoto)

Si dice quando qualcuno resta deluso, a bocca asciutta, riesce solo ad ingoiare saliva

Grusse e fèsse

(Grande e fesso)

Viene detto a quelle persone grandi, più che altro di stazza, che si fanno prendere in giro da quelli più piccoli

Hamme fatte cumè quìlle de quìlle

(Abbiamo fatto come quello di quello)

E' utilizzato all'inizio di un racconto per descrivere un'episodio spiacevole, ma simpatico

Ha rezzeriàmo i fìrre

(Arrizziriamo “raccogliamo” i ferri)

Si utilizza quando i lavoratori finiscono la giornata di lavoro, si usa per dire mettiamo a posto gli arnesi

Ha pigghiàte u cape abbàsce

(Sta andando a testa in giù)

Riferito ad una persona che era in buone condizioni sia fisiche che economiche, e che sta andando in malora

Hann miss’ u còre 'ndo u zukkère

(Hanno messo il cuore nello zucchero)

Non sta nella pelle per la gioia. Viene spesso detto a dei freschi fidanzatini, o ai neo papà, specie se la cicogna gli ha portato una femminuccia

Ha pigghiàte asse pe fegùre

(Ha preso asso per figura)

Spesso utilizzato per evidenziare una cantonata, uno sbaglio madornale riconducendo il tutto al gioco delle carte

Hamme fatte citte citte 'mînze o mercate

(Abbiamo fatto zitti zitti in mezzo al mercato)

Si dice quando una cosa ritenuta segreta, viene a conoscenza di molti perchè ascoltata da orecchie indiscrete

Ha fatt u dijàvele a quatte

(Ha fatto il diavolo a quattro)

Fa di tutto per ottenere il suo scopo

Hamme fatte cule rutte e péna pagate

(Abbiamo fatto culo rotto e pena pagata)

In così detto oltre al danno la beffa

Hamme fatte cum'é quilee ché jochene e pérdene

(Abbiamo fatto come quelli che iocano “giocano” e perdono)

E' utilizzato sopratutto per indicare la mancata realizzazione di un progetto, ovvero tanto sudore per nulla

Hamme mesckate cénere e panne lurde

(Abbiamo immischiato cenere con panni sporchi)

Viene mensionato per indicare sopratutto la differenza di ceti sociali

Ha dìtte mbàcce a me

(Ha detto in faccia a me)

In questo caso s'intende me lo ha detto in faccia

I fesse perfette frìsckano a tàvule e càntane a letto

(I fessi perfetti fischiano a tavola e cantano a letto)

Fateci caso se mai vi capita. Il bon ton insegna

I solde ì pungekèine

(I soldi lo pungicano)

Riferito a quelle persone che sprecano senza senso i soldi

I cund dà sera nen z’è trovano ke quille da matine

(I conti della sera non si trovano con quelli della mattina)

A volte di sera si stabiliscono delle cose da fare per la mattina seguente, ma in molte occasioni o per pigrizia e per impegni non si riescono più a compiere

I mègghje affare so' quìlle che nen ze fanne

(I migliori affari sono quelli che non si fanno)

Detto da persone eccessivamente prudenti e comunque diffidenti nell'intraprendere nuove avventure

Ije ce mettarrìje ‘a firme

(Io ci metterei la firma)

Magari andasse così, anche se non è la soluzione migliore

I funge a rocchie e i fesse a cocchie

(I funghi a rocchia “raggruppati” e i fessi  a coppia “pure”)

Un fesso sta sempre in mezzo ad altri come lui

I chjàcchjere s'i porte u vinde

(Le chiacchiere se le porta il vento)

Le cose dette non lasciano traccia. Praticamente  "verba volant, scripta manent"

I péttele chè nen se fanne a Natale nen se fanne némméne a Capedanne

(Le pettole che non si fanno a Natale non si fanno nemmeno a Capodanno)

C'è un tempo per tutte le cose per cui se una cosa non viene fatta al momento giusto, non deve essere fatta per forza  in un altro momento

Ije pe me e tu pe te

(Io per me  e tu per te)

E’ la fine di un legame, di un fidanzamento, di un contratto, io vado per la mia strada e tu vai per la tua

I solde vanne fujènne

(I soldi vanno fuienno “scappando”)

Lo si dice quando, in certi periodi, si accavallano le spese e sembra che i soldi non bastino mai

I ciucce fanne a lite e 'i varrile se sfascene

(Gli asini fanno lite e i barili si  sfasciano “rompono”)

Si utilizza dopo un litigio, dove chi ci rimette sono persone terze. Come va di moda nei tempi nostri i genitori si dividono e chi ci rimette sono i figli

I fatte d'a pegnete 'i sape 'a cucchiere

(I fatti della pignata li sa la cucchiarella)

La pignata è  una pentola di creta, mentre la cucchiarella è il cucchiaio di legno. Quindi entrambi vanno sempre insieme

I ferlìzze annànze e i sègge arréte

(I ferlizze “pagliuzze” davanti e le sedie dietro)

Si usa per dire che non esiste meritocrazia “VERA” specie in questo momento storico.Ormai è in disuso poiché esistono sempre meno le sedie in paglia. I ferlìzze, non sono altro che la punta della paglia secca, che non servono a nulla poiché verranno tagliate alla fine.

I solde fanne aprì l'ucchie e' cecate

(I soldi fanno aprire gli occhi ai cecati “ciechi”)

Nulla da dire

I gemènde t''i trùve nanze pe nanze

(I  cimenti “guai” li trovi avanti per avanti)

I guai o le cattive situazioni sono dietro l'angolo

I cane a càrne lora s'àllèccano, quelle de l'àte s'à stràzzane

(I cani la carne loro se la leccano, quelli degli altri se la strappano)

Fai molta attenzione a chi ti rivolgi perchè nessuno ti da niente per niente

I cose che nen ze fànne nen ze sànne

(Le cose che non si fanno non si sanno)

Le bugie hanno le gambe corte. Quindi non si può nascondere quello che hai fatto

Jìnere e nepùte: tutte quelle che faje è perdùte

(Generi e nipoti: tutto quello che fai è perduto)

Considerazioni che spesso fanno nonni o suoceri quando non hanno un buon rapporto con i parenti

Jàme mure mure p' n'àbbagnarce e c'àbbusckiame i càvedare d'acque ngùlle

(Andiamo muro muro per non abbagnarci “bagnarci” e ci abbuschiamo “prendiamo” i cavedare “secchi” d'acqua ngulle  “addosso”

Di male in peggio

Kernùte e mazzijate

(Cornuto e mazziato “bastonato”)

Non solo il danno, ma anche la beffa

Kernùte cundènde

(Cornuto contento)

Lo si dice a chi pur sapendo di essere tradito, non vive male la sua situazione e sembra far finta di niente

Le tùtte ammallùpate

(Lo hai tutto accartocciato/stropicciato)

Chiaro il concetto

L'ha mbambulejàte

(L'ha imbabolato)

L'ha rimbambito

Lève stà mane chiéne de dite

(Leva “togli” questa mano piena di dita)

Viene utilizzato quando si dice a qualcuno di togliere la mano da un qualcosa, poiché  impedisce l'azione

La è tuzzùljà k' i pìde

(La si tuzzulieia “bussa” con i piedi)

Per chiedere favori a quella persona devi andare a casa sua e portare molti doni, quindi dovrai bussare con i piedi, perchè le tue mani saranno talmente impegnate che non potrai farlo

Lìve u cane e lìve 'a ragge

(Togli il cane ed elimini la rabbia)

Per risolvere un problema, basta eliminare la causa

L'ha fatte jì k'a capa storte

(Lo ha fatto andar via con la testa storta)

Gli ha fatto una lavata di testa tanto da contrariarlo

L'utème a cumbarì fuje "Ciambacòrte"

(L'ultimo a comparire fu "Ciampacorta")

Dicesi a chi arriva sempre in ritardo ad un appuntamento, ricordando questa figura che aveva il vizio di arrivare sempre per ultimo

L’hanne fatte àcce e òve

(Lo hanno fatto  accio e uova “combinato male”)

Dicesi di qualcuno che è stato massacrato di botte

L'è venùte 'a botte

(Gli è venuta una botta)

Ha avuto uno scatto d'ira

L'hanne pegghjàte a carecatùre

(Lo hanno preso a caricatura)

Lo hanno deriso

L'he fatte u buke ngàpe

(Gli ha fatto il buco in testa)

Gli ha fatto una fregatura

L'uteme pizze adda' èsse 'a récchie.

(L'ultimo pezzo dev'essere l'orecchio)

Frase minacciosa

Lassàme ù mùnne cume se trove

(Lasciamo il mondo come si trova)

Viene detto da chi cerca di compiere qualcosa d'importante, ma poi non vi riesce e lascia tutto com'era

Mo se càndane i corne une ke l'ate

(Ora si cantano le corna l'uno all'altro)

Ora se ne dicono di tutti i colori

M’ bbatte a fianghètt

(Mi batte la fianchetta)

Quando si ha fame, si fa un gesto a battere con la mano il fianco per evidenziare la pancia vuota

Mamma e quanne è ndracchjelle

(Mamma e quanto sei ndracchiello “impiccione”)

Persona alquanto impicciona, sopratutto per sparlare su quella stessa notizia

Mènghe a prète 'o calcàgne e 'i ésce u sànghe d'o nase

(Mengo “butto” la pietra al calcagno e gli esce il sangue dal naso)

Alle volte alcune persone si lamentano per situazioni totalmente diverse da quelle reali

Mannaggè a sande Nìnde

(Mannaggia a santo Niente)

Bestemmia "pulita" si parte con l'offendere un santo e ci si salva sulla non definizione dello stesso

M'u so' cresciùte

(Me lo sono cresciuto)

Si usa per parlare di una persona avuta in cura e che si è provveduto a far crescere

M'hè fatte quella sorte d'asciùte

(Mi hai fatto quella sorte di uscita)

Si dice a qualcuno quando si pensa che un rimprovero è stato fatto fuori luogo

Mo se mèttene tutte 'a cammìsa longhe

(Ora si mettono tutti la camicia lunga)

Riferito a chi magari ne ha combinate tante in passato e poi,cambiando gli atteggiamenti, dà di se stesso una immagine totalmente diversa

Mo t'abbòtte i dìnde

(Ora ti abbotto “gonfio” i denti)

Frase minacciosa

Mangh'é cane

(Nemmeno ai cani)

Non lo auguro nemmeno ai cani

Mamm è che feleppìne che men

(Mamma che filippina che tira)

Spesso, quando si lasciano le finestre aperte, si creano correnti d’aria definite filippine

Manghe è nate e se chjàme Dunàte

(Mango “non è ancora” nato e già si chiama Donato)

Lo si dice a quelle persone frettolose, che anticipano sempre i tempi, facendo cose molto prima di quando andrebbero fatte

Mo f’nesce a fìte

(Ora finisce a fito)

La situazione sta degenerando

Mò me lève i prète dà indà à i scarpe

(Ora mi tolgo le pietre nelle scarpe)

E' indicato per dire che qualcuno si toglierà delle soddisfazioni

Me porte nganzòne nganzòne

(Mi porta in canzone)

Detto a chi trova sempre scuse per rimandare un appuntamento

Magne a quatte ganasce

(Mangia a quattro ganasce)

Mangia voracemente

Male nen facénne, paura nen havénne

(Male non fare paura non avere)

Chiaro il significato

Mazze e panélle fanne i figghje bélle

(Mazze e panelle fanno i figli belli)

L'educazione ai figli talvolta passa anche dalle botte. Il bastone e la carota

Mò more palitte, si n'u spare ritte ritte

(Mo muore Paletto se non lo sparano dritto dritto)

Paletto è un nome inventato, si usa per dire che le cose per avere l'esito sperato devono essere  fatte con razionalità.

Mundagne e mundagne nen se 'ncondrene maje

(Montagne e montagne non s'incontrano mai)

Si dice perchè ci sarà sempre un'altra occasione per rivedersi

Mast’ Andrèje ù fìgghje arròbbe e u padre  carrèje

(Mastro Andrea il figlio rubba e il padre carrea ”trasporta”)

Il detto viene utilizzato quando si vede due persone trasportare oggetti vari. Ma viene  anche detto ogni qualvolta si chiede il nome a qualcuno, e quest'ultimo si chiava Andrea. Probabilmente nel passato vi erano questi due, padre e figlio, complici

Mast’ ucchiù Mast’ cappucchiù

(Mastro occhio mastro capocchio)

Il detto è utilizzato per tutti quelli che nei lavori di precisione non prendono le misure, fanno tutto ad occhio, poi però al termine avranno unm lavoro sbagliato

Maste Frangìscke ìsse sa cànde ìsse sa frìscke

(Mastro Francesco lui se la canta lui se la fischia)

Riferito a quelle persone che dopo aver fatto un lavoro lo stimano tantissimo, senza chiedere pareri altrui

Mìtte à chiave a càscia quanne stace à gràscie

(Metti la chiave alla cassa quande c'è la grascia)

La grascia è il grasso del maiale, quindi con questo detto si vuol dire di fare attenzione sopratutto quando si sta bene economicamente, perchè è proprio quello il momento dove si spende di più, pensando di avere tanto, e poi si cade in rovina

Mè fatte pigghjà à gocce

(Mi hai fatto prendere la goccia)

Mi hai fatto prendere un bello spavento

Me fatte sckàndà

(Mi hai fatto schiandare “spaventare”)

Come sopra

M'assemmègghje a sande Meserìne

(Assomigli a santo Miserino)

E' un modo di dire ad una persona che magari in inverno, veste con abiti striminziti. Ovviamente il santo non esiste

Mà fatte i recchje fràcide

(Mi ha fatto le orecchie fracide)

Me l'ha ripetuto tante volte

Mò ce l'agghja fa scundà

(Mo gliela faccio scontare)

Gliela faro pagare

Mùnne èje e mùnne sarrà

(Mondo è e mondo sarà)

Viene detto per indicare che il mondo è sempre lo stesso anche con dei cambiamenti, sia tecnologici sia climatici

Mamma è quanne eje nghjummùse

(Mamma quanto e inghiommoso “sordo” “piombato”)

Nel primo caso sordo, viene utilizzato per chi non vuol sentire. Nel secondo caso è utilizzato per le alimenti che restano sullo stomaco specie il pane cotto pochissimo

Mamma è quanne è nzevùse/nzivùse

(Mamma quante è inzivoso “sporco”)

Riferito sopratutto a persone che non si lavano

Mamma e che pìtete che à fatte

(Mamma e che pitito “peto” ha fatto)

Utilizzato quando qualcuno scoreggia

Maria ceràse parle ndò èsce e ndò tràse

(Maria cerase parla dove entra e dove esce)

E' indicato per dire a qualocuno che sta facendo un discorso sconclusionato

Mo te ne vai à magnà 'a vùtate d'ù fùrne

(Mo te ne vai a mangiare alla votata “all'angolo” del forno)

Modo di dire sopratutto dalle donne ai mariti o ai figli, quando a quest'ultimi non è di gradimento il mangiare

Magne e se ne scorde

(Mangia e se ne scorda)

Persone che dimenticano di fare le cose

Me face spandecà

(Mi fa spandicare “agitare”)

Rivolto a quelle persone che rimandano delle decisioni, e che sono irrequiete

Me tedjate u stòmeke

(Mi hai tediato lo stomaco)

Mi stai dando fastidio

Mo è u fatte

(Mo' è il fatto)

In Italiano è la traduzione di: infatti, è proprio così

Né spute maje

(Non sputa mai)

Riferito a quelle persone che parlano sempre

Nen è cresciùte p'à stòppe

(Non è cresciuto per la stoppa)

Con questo detto si riferisce ad una persona che è abbastanza scaltra e non molto alta

Nen genne state né sande e ne Madònne

(Non ci sono stati ne santi e ne Madonne)

E' utilizzato per dire che c'è stata un ferrea decisione da parte di qualcuno e non c'è stato verso di fargli cambiare idea

Nen mettènne a carne mokke 'o lupe

(Non mettere la carne in bocca al lupo)

Non operare in maniera tale da peggiorare una situazione andando a coinvolgere persone direttamente coinvolte.

Nen facènne u capuzzìlle

(Non fare il  capozello “prepotente”)

Chiaro il concetto

Nen z'è fatte né càvede né frìdde

(Non si è fatto nè caldo nè freddo)

Non si è scomodato affatto, come se non fosse successo niente

Nen zape a ndò ha da sbatte 'a cape

(Non sa dove sbattere la testa)

Si dice di qualcuno che ha un problema difficile da risolvere

N'agghje fatte a 'timp a dice: "Crìste, ajuteme"

(Non ho fatto in tempo a dire: "Cristo aiutami")

Si dice quando un fatto è avvenuto in maniera improvvisa e imprevedibile

Nen m’a fìde chjiù

(Non me la fido più)

Non ce la faccio più, il fisico non mi regge

Nu fèsse a vote

(Parliamo un fesso alla volta)

Lo si dice quando, tra più persone le voci si sovrappongono e non ci si capisce

Ne' scungiànne i cane che dòrmene

(Non sconciare “dar fastidio” i cani che dormono)

Lascia stare chi sta tranquillo

Nen è dòlece de sale

(Quello non è tanto dolce di sale)

Lo si dice di una persona autoritaria e che apparentemente sembra più buona di quello che in effetti è

Nenn 'a posse addeggerì

(Non la posso digerire)

Non la sopporto

Nen dù magnàne scorze scorze

(Non te lo mangiare scorza scorza)

Non ti far impietosire dal suo atteggiamento troppo buonista, anche lui sa il fatto suo

Natàle k'u sole e Pasque k'u ceppòne

(Natale con il sole, Pasqua con il ceppone “ceppo”)

Come spesso capita a Natale che dovrebbe far freddo c’è il sole, mentre viceversa a Pasqua fa sempre freddo e piove

Na mane lave n’ate e tutt’ e ddòije làvene ‘a facce

(Una mano lava l’altra e tutte due lavano la faccia)

Uniti si è più forti

Ndo’ tanda galle càndene nen face maje jùrne

(Dove tanti galli cantano non fa mai giorno)

Dove tante persone cercano insieme la soluzione al problema non si arriva mai ad una conclusione

Nd'a case d'i puverille nen manchene stozzere.

(Nella casa dei poveretti non mancano stozze “pane duro”

Nelle case dei contadini dei terrazzani dove c'era molta miseria, si viveva alla giornata, molto spesso saltando i pasti. Però l'ospitalità non mancava mai, poiché si conservavano gelosamente qualcosa per gli ospiti. Con ciò si evidenzia la generosità della persone più povere


Na fèmmene e na pàpere arrebbellàrene Nàpule

(Una femmina e una papera arribellarono “ribellarono” Napoli)

E' utilizzato dalli uomini in particolar modo quando nelle vie o nelle discussioni si sentono le voci alte delle donne

Nu padre cambe a' cinde figghje e cinde figghje nen ponne camba' nu padre.

(Un padre campa a cento figli cento figli non campano un padre)

Riferito al sacrificio che un padre può fare pur avendo molti figli, viceversa non riuscirebbero a farlo

Nen se capisce chiù ninde

(Non si capisce più niente)

Chiara l'espressione

Nda na rècchje 'ì trase e nda n'ate 'ì èsce

(Da un'orecchio gli entra e dall'altro gli esca)

Utilizzato quando una persona non ascolta un tuo consiglio

Ndàne ndàne u rùtte porte 'o sane

(Ndane ndane il rotto porta il sano)

A volte le persone che stanno in condizioni peggiori, aiutano quelle che stanno meglio

Nen ge stace ànema vive

(Non ci sta anima viva)

Non c'è nessuno

Ndò sckòppa ndròne

(Dove scoppia tuona)

Vada come vada, ormai è deciso

'Ndonie nen ge ditte, i servìzie senza ditte

(Antonio non detto, i servizi senza detto)

Riferito a tutti colori i quali fanno delle missive che non avrebbero dovuto fare

Nen ge vole à zingàre p'à 'nduvinà a fùrtune

(Non ci vuole la zingara per indovinare la fortuna)

A volte certe cose si capiscono pur non avendo la palla di vetro

Na vòte passe l'àngele e dìce amen

(Una volta passa l'angelo e dice amen)

Cogli l'attimo

Ome vasce e fèmmena chjàtte hè fa tre vote u patte

(Uomini bassi e femmine chiatte “ciotte” devi fare tre volte il patto)

Credo si comprenda il significato, ma la validità non la so

Oh! Oh! S'e 'ddermùte u pède

(Oh! Oh! Si è addormentato il piede)

Utilizzato quando si sentono i formicolii per la momentanea mancanza di circolazione di sangue

Ogne lassàte è pèrze

(Ogni lasciata è perduta)

Non farti scappare l’occasione, potrebbe essere l’ultima

Ognè pìkke aggiòve.

(Ogni poco aggiova)

Il classico detto chi si accontenta gode, meglio poco che niente

Ogge so de tàvula vindòtte (28)

(Oggi sono a tavola 28)

Si utilizza quando si viene invitati a mangiare, specie ad un matrimonio

Ogge è vindisètte, ogge è sande paganine

(Oggi è il ventisette, allora oggi e san paganino)

Espressione usata per indicare la data per l’incassi degli stipendi. Soprattutto per i dipendenti comunali e statali

Pass’t  'a mane sop'a cusciènze

(Passati la mano sulla coscienza)

Ha fatto un'azione mosso dalla propria coscienza

Pàrle d'u dijavele e spòndene i corne

(Parli del diavolo e spuntano le corna)

Lo si dice quando mentre si sta parlando di una persona, all'improvviso questi appare

Pigghje scorze e tutte

(Prendi scorza e tutto)

Sta ad indicare che si prende tutto

Pigghiete 'u bune jurne cume véne chè i malaménde nen manghene

(Pigliati il giorno buono, perchè  i malamenti “quelli brutti” non mancano)

Carpe diem. Vivi alla giornata, approfitta di quello che la vita ti offre perchè i guai sono sempre dietro l'angolo

Parle proprie cume nu lìbre strazzàte

(Parla proprio come un libro strazzato “strappato”)

Parla in modo sconclusionato, non si fa capire

Pezzìnde e granezzùse

(Pezzenti e  granezzosi “albagiosi”)

Molte persone, pur vivendo in ristrettezze, si permettono una vita al di sopra delle proprie possibilità e ostentano superbia

Passàte u sande passàte à fèste

(Passato il Santo passata la festa)

Viene utilizzato per dire che le cose vanno fatte per tempo

Padrune de basteménde barche d'affitte

(Padrone di bastimmenti barca in affitto)

Utilizzato e conosciutissimo, per indicare chi viene toccato dalla malasorte

P'ave' ragione ogne pezzecallande se face sémbe sémbe 'u litte annande

(Per avere ragione ogni pizzicallante “persona polemica” si fa sempre sempre il letto avanti)

Il polemico, o meglio colui il quale non ci sta ad avere torto, pur di avere ragione cerca di raggirare le cose in modo tale che gli consentano di aver ragione

Prime de vede' a vipere chiame a San Paule.

(Prima di vedere la vipera chiama a San Paolo)

Ci allarmiamo di alcune situazione a volte prima ancora che succedano

Prumétte cérte e véne méne secure

(Promette certo e viene meno sicuro)

E' utilizzato per quelle persone poco affidabili

Pure é pulece véne 'a tosse

(Pure le pulci hanno la tosse)

Così come detto in tutta Italia

Porta chiùse viseta fàtte

(Porta chiusa visita fatta)

Se si va a trovare qualcuno a casa sua e non trovi nessuno, e cose se ci fossero stati, poiché il tuo l'hai fatto

Palma mbosse grègna grosse

(Palma bagnata gregna “spiga del grano” grossa “piena”

Se alle Palme o in quel periodo piove, allora probabilmente la resa del grano sarà buona

Quanne s'jètte 'a carne se jètte pure u bròde

(Quando si  iette “butta”  la carne si ietta “butta” anche il brodo

Quando si è deciso dii chiudere i rapporti con qualcuno e meglio evitare anche i suoi amici

Qua se fatìghe angore t'avvissà penzà ke qua staje a cagnaminde d'arie

(Qua si lavora ancora ti dovresti credere che qua stai a cambiamento d'aria)

Utilizzato per dire che in quel posto di lavoro, si lavora per davvero

Quillè te mètte ke duje pìde nda na scarpe

(Quello ti mette con due piedi in una scarpa)

E' una persona che t costringerà in tutti i modi a fare qualcosa

Quante sì pezzecallande

(Quanto sei pizzacallante “polemico”)

Detto a quelle persone che sono polemiche o attacca brighe

Quande u cundemìnde è poke, se ne vace p'a tijelle

(Quando il condimento è poco, se na va per la tiella  “basta solo per sporcare la pentola”)

Quando le risorse sono poche, non bastano nemmeno per le cose di prima necessità

Quande m'avìta chjàgne

(Quanto mi dovrete piangere)

Sta ad indicare l'indispensabilità di una persona es. quando non ci sarò più, come farete?

Quann’è carestùse

(È caro)

Lo si dice di un venditore che ha i prezzi più alti

Quanne u cùle men a vvinde, u mìdeke nen guadàgne nìnde

(Quando il culo spara al vento, il medico non guadagna niente)

Quando uno scorreggia, vuol dire che sta bene e quindi è inutile chiamare il dottore

Quanne è gratisse fà sembe ù bisse

(Quando è gratis, fai sempre il bis)

Se sei invitato, o meglio quando non paghi tu, fai sempre il bis

Quatte e ccìnghe: nove, fazze i cunde e nen me trove

(Quattro più cinque nove, faccio i conti ma non mi trovo)

Detto quando ci si perde nel fare i conti

Quanne te cuce e nen te scalfe, hadda fa' 'a néve

(Quando ti scotti e non ti riscaldi, deve fare la neve)

Indica che il tempo meteorologico sta per mutare, ovvero se vicino al fuoco non ti riscaldi, ma ti scotti probabilmente all'indomani nevicherà. “Al col. Bernacca la sentenza”

Quìlle che vace truànne

(Quello cosa va trovando “cercando”)

E' spesso detto come per dire cosa vuole

Quanne sì cannarùte

(Quanto  sei cannaruto “sei goloso”)

"Cannarùte" è riferito proprio ai mangioni di dolci

Quìlle è nu vecchje nzallanùte

(Quello è un vecchio insalanito “insensato”)

Viene detto a quelle persone che magari non sono neanche vecchie, ma che fanno dei discorsi insensati

Quande manghe t'u crìde

(Quando neanche te lo credi)

All'improvviso

Quìlle è nu magna magna

(Quello è un mangia mangia)

Si utilizza per le persone arraffone, che approfittano di situazioni per il loro tornaconto

Quìlle nen magne pe nen cacà

(Quello non mangia per non cacare)

Utilizzato per chi è avaro

Quelle nen m’accònde juste

(Quello non me la racconta giusta)

Non mi fido di quella persona, e poco affidabile

Quanne 'u diavele t'accarezze vôle l'aneme

(Quando il diavolo ti accarezza vuole l'anima)

Sta ad indicare quando qualcuno è pieno di attenzioni verso una persona, ovviamente per avere poi un qualcosa in cambio

Quann'a gatte nen pôte arruva' o larde dice ck'èje de rangete

(Quando il gatto non arriva al lardo dice che è di rancido)

Proverbio utilizzato per quelle persone che sono certe di arrivare ad un obiettivo, ma poi quando si rendono conto di non farcela, diranno che non valeva la pena e desisteranno, senza dire di non avercela fatta

Quanne 'u povere dace o ricche 'u diavele s'a rire

(Quando il povero dà al ricco, il diavolo se la ride)

Modo di dire, per le situazione ingiuste, ovvero quando un povero non può diffendersi contro uno ricco, quindi ci rimette

Quanne à gatte nen ge stacè ì sorge abbàllane

(Quando il gatto non c'è i topi ballano)

Utilizzato in tutta Italia

Se n'èsce nzìkkete e nzàkkete

(Se n'esce  nzìkkete e nzàkkete)

Viene detto a quelle persone che all'improvviso s'intromettono in un discorso

Si u giòvene sapèsse e si u vècchje putèsse

(Se il giovane sapesse e se il vecchio potesse)

L'esperienza da molti consigli. Infatti se il giovanne sapesse alcune cose, forse non commetterebbe errori, mentre, l'anziano  che ha già avuto una certa esperienza, vorebbe avere la forza del giovane per rimediare

Si vai a chjàzette accàtte nu chile de sopetàvule

(Se vai in chiazzetta “mercato” compra un chilo di fave)

Chiaro

Si ì mbrìste fòssere bùne, s'ambristarrìnne pure i megghjère

(Se i prestiti fossero buoni, si presterebbero anche le mogli)

Molte volte capita che quando ci si presta qualcosa a qualcuno quell'oggetto torna in dietro rotto

So tràsute de quarte e sànne misse de chjàtte

(Sono entrati di quarto “di lato” e si sono messi di chiatto “di faccia”)

Sta ad indicare gli abusi, ovvero persone che ne approfittano

Staje jenne tùrne tùrne

(Stai andando torno torno)

Viene detto da una personna che sta per perdere la pazienza e che a momenti reaggisce nei confronti di un'altro

Scùse e male timbe vace trùanne

(Scuse e cattivo tempo va trovando)

Persone che cerca di temporeggiare in ogni modo, per evitare di fare delle cose

S'è fatte u carùse

(Si è fatto il caruso)

Si è rapato

S'è vutàte de cùzze e se n'è jute

(Si è voltato di  cuzzo “testa” e se ne è iuto “andato”)

Si è girato e se ne è andato via

Stake nu bagne d'acque

(Sto un bagno di acqua)

Quando si è molto bagnati per il troppo sudore

San Gesèppe l'ha passàte u chjanùzze

(San Giuseppe le ha passato il chianuzzo “la pialla”)

Frase rivolta ad una donna con un seno non prosperoso “piatto”

Se ne véne k'u sì bemolle

(Se ne viene con il si bemolle)

Utilizzato per quelli che arrivano agli appuntamenti con molta calma

Sìme arruàte a chi sì tu e chi so' ije

(Siamo arrivati a chi sei tu e chi sono io)

Si sottolinea la diversità

S’è mise ngùlla ngùlle

(Si è messo in gollo in gollo “addosso addosso”)

E' una persona petulante e fastidiosamente assillante

Stanne  tazze e cucchjàre

(Stanno tutt'e due, tazza e cucchiaio)

Sono due persone che stanno sempre insieme e che vanno molto d'accordo

Stèce appezzecàte k'a sputàcchje

(Sta incollato con la saliva)

Si dice di solito, sopratutto ai muratori, di un lavoro eseguito male

Sold e ucchje da fore, quanne so' sciùte nen tràsene chjù

(Soldi ed occhi fuori dalle orbite, quando sono usciti non rientrano più)

Lo si dice a chi ha tirato fuori dei soldi non pensare più a quei soldi che hai tirato fuori ormai sono andati e non torneranno più

Stije arrunzànde

(Stai arronzando “arrangiando”)

Utilizzato quando l'arrangiarsi è più un'operazione illecita

Sì nu ciaciàkke

(Sei un ciacciacco)

Il Don Giovanni

S’ chiude n'a porte e s'apre nu purtone

(Si chiude una porta e si apre un portone)

Se una cosa non va bene, non c'è da preoccuparsi, perchè può sempre accadere qualcosa di più favorevole

Só cume u dijàvele e l'acqua sande

(Sono come il diavolo e l'acqua santa)

Detto a due persone totalmente diverse tra di loro, sia come caratteri che come comportamenti

Stace k’nu pid ‘nda fosse

(Sta con un piede nella fossa)

Lo si dice ad una persona che non gode di buona salute, per la quale non ci sono più speranze

Sò frustire

(Sono  frustieri “forestieri”)

Si utilizza per indicare coloro i quali non sono di Foggia

Se vanne a corke nzìme 'e gallìne

(Si vanno a coricare insieme alle galline)

Vanno a dormire presto la sera, così come fanno le galline

Si nen 'a vole capì: 'a cavedarèlle l'aspette

(Se non la vuole capire, la cavidarella "conca” lo aspetta)

Utilizzato dai genitori nei confronti dei figli che non vogliono studiare, la minaccia è quella di mandarli a fare  ol lavoro faticoso dell'aiutante muratore che porta la conca piena di calce

S’l'è capàte da ind'o mazze

(Se lo ha capato “scelto” nel mazzo)

Riferito a qualcuno che è stato sfortunato nella scelta di una persona; come quando nel gioco delle carte peschi l'unica carta perdente in mezzo ad un mazzo intero

Se n'èjùte de cape

(Se ne è andato di testa)

Ha perso la testa per qualcosa o qualcuno

Sop'o cutte l'acqua vullùte

(Sopra il cotto, l'acqua bollita)

Si dice quando in una situazione avversa, ne subisce una ancora peggiora

Se mène annànze pe nen cadé

(Si butta avanti per non cadere)

Utilizzato quando una persona, ammette non del tutto le proprie colpe, così da evitare di arrivare fino in fondo

S’ ne vace locca lokke

(Se ne va locca locca “piano piano”)

Chiaro il concetto

Si ce ‘u dìce a quèlle mètte i giurnàle

(Se lo dici a quella, mette i giornali)

E' una persona poco affidabile, quindi non gli dire i tuoi segreti  tutti ne verrebbero a conoscenza

Sott’a nu bùne maestre èsce nu bùne discèpule

(Sotto a un buon maestro esce un buon discepolo)

Da un buon maestro, il discepolo non potrà che essere ancor più bravo

Senza sapè né lègge né scrive

(Senza sapere né leggere né scrivere)

Buttarsi a fare una considerazione, anche sensata, su di un argomento che si conosce molto poco

Se sò accucchiàte, u làure e u fegatìlle

(Si sono accocchiati “uniti”, l’alloro e il fegato)

Vanno molto d’accordo tra loro

Sand'Andunie, masckere e sune.

(Sant'Antonio Abate maschere e suoni)

Il 17 gennaio ricorre Sant'Antonio, si entra nelle festività del carnevale

Santa Chiare, dope arrubate mettirene 'i porte de firre

(Santa Chiara dopo arrubato “il furto” misero le porte di ferro)

Si dice dopo che sono successe delle cose poco positive, quindi meglio prevenire ed anticipare alcune situazioni spiacevoli.

Si 'u Segnore te vuleve ricche, povere nen te facéve

(Se il Signore ti voleva ricco povero non ti faceva)

Sotte a 'sta mane nen chiove

(Sotto a questa mano non ci piove)

Utilizzato per indicare, stai tranquillo qui ti proteggo io

Stace chiéna chiéne cume 'a rosa marina

(Sta pieno pieno come una rosa marina)

Ha tante risorse

Stanne sémbe cum'é panarizze abbuttate

(Stanno sempre col panariello abbottato “gonfio”)

E' utilizzato per indicare quelle persone scontrose, sempre pronte, ad ogni piccola evenienza, a litigare

Stipe sirpe che truve anguille

(Conserva serpenti che trovi anguille)

L'arte del conservare. Se conservi alcuni oggetti potrebbero esserti utili in futuro e quindi risparmiare soldi

Se respètte u cane p'u padrùne

(Si rispetta il cane per il padrone)

Così come in tutt'Italia

S'è nverdekìte

(Si è  inverdichito “arrabbiato”)

Chiaro il concetto

T'addecrij

(Ti  addrichei “delizi”)

Non avrai un grande giovamento

Tene sèmbe 'a pèzze a kelòre

(Tiene sempre la pezza a colori)

Hai sempre la scusa pronta

Tì staje frusciànne i solde

(Ti  stai frusciando “cosumando” i soldi)

Con frusciare si indica per l'appunto il consumo. più che altro in lusso alimentare

Tène i cìrre stùrte

(Tiene i cerri storti)

I cerri sono dei ciuffi di capelli difficili da pettinare o da abbassare. Le così dette antenne

Tu 'a strade de sande Mattèje n'à canùsce

(Tu la strada di san Matteo non la conosci)

E' detto a coloro i quali mangiano con ingordigia tutto

Te prùde 'u cùle

(Ti prode il culo)

Riferito a quelle persone che toccano tutto

T'hanne pigghjàte a ùcchje

(Ti hanno preso ad occhio “fatto il malocchio”)

Spesso utlizzato quando una persona a mal di testa. Ma è anche usato quando qualcuno non riesce a fare delle cose

Tìne l'ùcchje appapagnàte

(Hai gli occhi sonnolenti)

Riferito a delle persone che dall'aspetto mostrano di aver sonno

T’è lisciàte stù tre

(Ti sei lisciato questo tre)

Si dice a una persona che fa una battuta con sarcasmo

Tene j mustazze

(È un uomo con i baffi)

Dicesi di un uomo vero, di uno che sa comportarsi da vero uomo

Tìne l'artèteke

(Tiene l'artetica “sei irrequieto”)

Frase spesso rivolta a bambini particolarmente vivaci

Tìne angòre u chjàrfe 'o nase

(Hai ancora il chiaffo “moccio” al naso)

Sei ancora troppo piccolo

Te vède e te chjàgne

(Ti vedo e ti piango)

Viene detto per commiserazione

T'agghja mbarà e t'agghja pèrde

(Ti devo insegnare e ti devo perdere)

Sta ad indicare la mancanza di rispetto di un'allievo che sta imparando qualcosa

Tìne a capa frèsche

(Hai la testa fresca)

Si riferisce a chi non mette giudizio nelle azioni, mostrando molta superficialità

Tíne l'acqua 'n cape

(Hai l'acqua in testa)

Vedi sopra

Tu a saje longhe 'a canzòne

(La sai lunga la canzone)

Si vede che sai molto di più di quello che vuoi far credere

Troppa grazzie, sant’Andònie

(Troppa grazia, sant’Antonio)

Lo si dice quando si riceve all’improvviso più di quello che ci si aspettava

Tène na lènghe!

(Ha una lingua!)

E’ un pettegolo

Tu frìke 'u sunne

(Te l'ho frechi “piacere” il sonno)

Con questa espressione si elogia una persona a cui piace tanto dormire. Frechi in questo caso significa piacere, ma potrebbe significare anche rubare o mangiare

T'hagghja fa' vede' 'a farine 'ndo puzze e l'acque 'ndo farnare.

(Ti devo far vedere la farina nel pozzo e l'acqua nel forno)

Si dice quando volendosi sdebitare di un'atto di fiducia, lo si vuol fare con un'atto smisurato

Tande ricche marenare, tande povere pescatore.

(Tanto ricco marinaio, tanto povero pescatore)

Ormai siamo in ballo e balliamo, anche se stiamo cadendo nella sfortuna

Tezzone e caravone, agnune agnune a case lore.

(Tizzone e carovone ognuno ognuno a casa loro)

Cosa significa non si sa! Ma è utilizzato per dire che si va tutti a casa dopo un gioco, una festa ecc

Tre so i putìnde u re, u pape e chi nen tène nìnde

(Tre sono i potenti il re il papa e chi non tiene niente)

Come dargli torto, visto che a queste tre tipologie di personaggi non puoi toglierli nulla.

Tìneme ke te tènghe

(Tienimi che ti tengo)

Lo si dice spesso a quelle persone che non si reggono in piedi, ma sopratutto a quei piccoli lavori edili quali piccoli mezzanini alzati in maniera spartana

U cane muzzekèje sèmb'o strazzàte

(Il cane  muzzicheia “morde” sempre lo strazzato “straccione”)

Chi sta peggio degli altri spesso subisce altri guai

U zuppe a ballà, u cacàgghje a candà

(Lo zoppo a ballare, il cacaglio “balbuziente” a cantare)

Spesso alcune azioni sono svolte da persone non sempre all'altezza

U sazzie nen crède 'o dijùne

(Il sazio non crede al digiuno)

Ovvero fine a che sto bene io, stanno tutti bene

‘U tènghe fàtte

(A quello lo tengo fatto)

Si dice quando ci si deve confrontare, in qualunque campo, con avversari o competitori e si ha la certezza di essere superiori

U gatte quanne se lave i recchje àdda fa male tìmbe

(Il gatto quando si lava le orecchie, deve cambiare il tempo)

Detto meteorologico, se il gatto si lava le orecchie, allora il tempo cambierà

U penzìre m'u decève

(Il pensiero me lo diceva)

L'avevo già pensato, ma non l'ho messo in pratica

U vòve dice a l'àsene kernùte

(Il bue dice all'asino cornuto)

Non guardare i  miei difetti, perchè tu stai messo peggio

U sènde rècchja rècchja

(Lo sento orecchio orecchio)

La notizia che temevo sta per arrivare

U scarpàre k'i scarpe rotte

(Lo scarparo “calzolaio” con le scarpe rotte)

Il colmo di chi una cosa la fa, ma non ne trova giovamento per sè

U delòre è da chi 'u sènde, no de chi passe e tène mènde

(Il dolore è di chi lo sente, e non di chi lo ha passato e tiene a mente)

Nonostante gli sforzi per consolare una persona, il dolore resta purtroppo a chi lo ha subito

'U cumànne a bakkette

(Lo comanda a bacchetta)

Riferito a quelle persone che si fanno comandare senza battere ciglio. Come facevano un tempo i maetri di scuola elementare con le bacchette

'U téne 'nda na cambàne

(Lo tiene in una campana)

Utilizzati per quei genitori premurosi con il propri figli. Isolandoli dal modo esterno

U fatte è troppe ngànna ngànne

(Il fatto è troppo in gola)

Si dice quando un evento avviene troppo a breve tempo

U’ maccaròne nen z’ha magnàte

(Non si è mangiato il maccherone)

Non ci ha creduto

'U ciucce porte 'a pagghje e 'u ciucce s'a magne

(L'asino porta la paglia l'asino se la mangia)

Rivolto a coloro i quali non dividono nulla con gli amici specie se sono cose da mangiare, es. durante le scampagnate

'U cane d'a chjanghe adejune e lurde de sanghe!

( Il cane della chianga “macelleria” a digiuno e lordo “sporco” di sangue)

Con questo detto si indica che, molte volte  si fanno le cose per gli altri e poi per noi stessi non dedichiamo un po di tempo, magari per la medesima cosa

'U cretecante parle sémbe a pungeca'

(Il criticcante parla sempre a pungere)

Una persona pettegola parlerà sempre in maniera offensiva

'U curte n'arrive e 'u fracete nen mandéne

(Il corto non ci arriva il fracido “marcio” non mantiene)

Dopo che si sono fatti vari tentativi per risolvere un piccolo inconvegniente, e la soluzione non arriva, si usa questo detto

'U litte cume 'u faje accussi' 'u truve

(Il letto come lo fai cosi lo trovi)

Sta ad indicare che se ti comporti bene, allora gli altri avranno lo stesso atteggiamento nei tuoi confronti, altrimenti se ti comporti male, sarai ripagato con la stessa moneta

'U pésce féte d'a cape

(Il pesce puzza dalla testa)

Noto in tutta l'Italia

'U polece ché cadeje 'nda farine se credéve mulenare

(La pulce che cadde nella farina si credeva mulinaro “fornaio”)

Viene utilizzato per indicare quelle persone che credono di saper fare dei mestieri dopo pochi mesi di apprendistato. Gli improvvisatori

'U rusce quanne véde a rosce 'ngricche 'a cosce.

(Il rosso “colore dei capelli” quando vede la rossa “idem” alza le cosce)

In gergo il rosso, ovvero colui il quale ha i capelli rossi, non sembrerebbe essere ben visto dal foggiano. In questo caso la coscia non è propriamente l'arto per camminare, ma bensì la “terza” gamba

'U Signore manne i cumbitte a chi nen téne dinde

(Il Signore dà i confetti a chi non ha i denti)

A volte le fortune arrivano a chi non può godersele

'U Signore véde e pruvvéde

(Il Signore vede e provvede)

Non preoccuparti che c'è sempre una giustizia divina

'U pùlpe se coce ke l'acqua suja stésse

(Il polipo si cuoce nell'acqua sua stessa)

Molte persone testarde per fargli capire le cose, le devi lasciar sbagliare

U fèsse te sfèsse

(Il fesso ti sfessa)

Alcune volte le persone meno scaltre ti portano via qualcosa che pensavi potesse esser tuo senza problemi

Vace fresckijanne u mazze

(Va rinfrescando il mazzo “deretano”)

Lo si dice ad una persona, spesso ad una donna, che gira con abiti scollati

Vace aggemendànne 'a mazzarèlle

(Va cimentando la mazzarella)

Espressione che sta a significare una persona che sta  provocando anche in maniera lieve, quindi abusa della pazienza altrui

Vake fujènne pe dìbbete e trove i 'scire pe 'nanze

(Vado fuienno “scappando” per debiti, e trovo pure gli uscieri, ufficiali giudiziari, davanti)

Non bastano i guai che ho, ce ne sono altri dietro l'angolo

Vaje truvanne 'votta chiéne e a megghijére 'mbriache

(Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca)

Se vuoi avere delle cose, probabilmente devi  rinunciare ad altro

Vache p'ajute e trove sderrupe

(Vado per avere un aiuto e trovo un sderrupo “burrone”)

Certe volte si cerca un aiuto a chi, senza saperlo, sta peggio di noi, e magari ti tocca aiutarlo

Vace scavutànne i candìre vìcchje

(Va scavutando “a scovare “ nei cantieri vecchi )

Viene detto a chi rimette fuori cose e situazioni vecchie e comunque fuori luogo

Vace cacànne

(Va cacando)

Dicesi di una capo che va eccessivamente largo

Vace sole cuscelijànne

(Va solo portando in giro le cosce)

Va solo in giro passeggiando

Vide de fa na cose de jùrne

(Vedi di fare una cosa di giorno)

Cerca di fare subito, non perdere tempo

Vace gerànne turne turne cume Turnesèlla

(Va girando torno torno come Tornesella)

Si dice ad una persona che non sa stare ferma e gira e cammina continuamente in cerca di qualcosa; Turnesèlla è un nome inventato

Viste ceppone chè pare barone

(Vestiti ceppone che pari barone)

Anche le persone che non sempre vestono bene, se dovessero indossare un'abito elegante, possono fare la loro bella figura

Voccàpirte

(Bocca aperta)

Detto a persone poco scaltre

Va fa 'mbàcce à ù nase

(Vai a fare in faccia al naso)

Il vaffa............. pulito

Zombe cardille chè 'u sole coce

(Zomba “salta” cardillo che il sole coce “scotta”)

Vai via adesso perchè c'è qualcosa di pericoloso

Zombe 'u cetrule e vace 'ngule a l'urtulane

(Salta il cetriolo e va in culo all'ortolano)

Sono sempre quelli meno agiati a subire torti o insidie