Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

Il mondo degli animali

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

Quando si pensa al benessere dei nostri animali, un aspetto che viene in mente, oltre naturalmente l’alimentazione, è legato alla toelettatura, fondamentale per la cura e l’igiene degli amici a 4 zampe.

cane 004L'operazione di toelettatura non consiste soltanto nel fare il bagno e curare il pelo di Fido, ma toelettare in maniera professionale vuol dire lavare e spazzolare il mantello, tagliarlo periodicamente, seguendo specifiche regole che tendono a variare di razza in razza.

Nello specifico, una toelettatura professionale prevede alcune operazioni fondamentali quali: lavaggio del mantello, spazzolatura, taglio del pelo, strippatura, igiene di denti, orecchie, zampe e parti intime, taglio delle unghie e ozonoterapia.

Queste operazioni non vengono compiute solo ed esclusivamente per finalità estetiche, ma anche per garantire il benessere del cane. Naturalmente, per eseguire una toelettatura di tipo professionale è necessario rivolgersi periodicamente a professionisti che abbiano seguito corsi ad hoc e che sappiano come vada gestito il mantello di quella specifica razza.

Ma è anche possibile prendersi cura del proprio animale domestico comodamente in casa propria, mettendo in pratica tutti i presupposti di una toelettatura fai da te. In quest'ottica, si rivela fondamentale utilizzare i prodotti giusti, che non siano tossici per i nostri amici animali.

Oltre all'utilizzo di spazzole, pettini e cardatori, serviranno prodotti per la pulizia delle orecchie specifici per gli animali, dentifricio e spazzolino per cani, ma anche shampoo e balsamo che rispettino la loro cute. A proposito di prodotti per la toelettatura fai da te, il primo brand Made in Italy che viene subito in mente è Amusi che, oltre ad essere un punto di riferimento in campo pet food, mette a disposizione i migliori balsami per cani.

Il balsamo concentrato per cani Amusi è a base di glicerina vegetale, un ingrediente che aiuta a rimuovere i nodi dal pelo di Fido grazie al suo effetto anticrespo, nutriente ed umettante. Il prodotto è ideale per cani di qualsiasi tipologia di pelo, in particolar modo per quelli a pelo lungo e riccio, maggiormente soggetti alla formazione di nodi.

La formula del balsamo è vegana, senza nichel, parabeni e coloranti, garantisce una corretta igiene del cane in totale sicurezza, infatti tutti gli ingredienti sono testati per rispettare il pH della cute di Fido. Il prodotto presenta una delicata fragranza al muschio bianco, certificata IFRA, che non crea alcun disturbo al cane. Utilizzato dopo lo shampoo, sul pelo ancora bagnato, il balsamo Amusi completa la beauty routine di Fido e ne facilita la spazzolatura del manto.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

Trovare la cuccia giusta per il tuo cane è molto importante! Infatti, la cuccia è un luogo confortevole dove il miglior amico dell’uomo può andare a rifugiarsi per riposare, dormire, giocare e stare un po’ in tranquillità. Per questo non basta comprare una cuccia qualunque per il tuo cagnolino, bensì è meglio informarsi e capire quale può essere la soluzione migliore per il cane, a seconda dei suoi bisogni e anche delle sue dimensioni. Infatti, per comprare la cuccia più giusta, ci sono alcuni importanti fattori da prendere in considerazione senza i quali diventa difficile fare una scelta d’acquisto consapevole ed efficace.

Se siete alla ricerca di cucce per cagnolini ma non avete ancora le idee chiare su come fare per sceglierle e, soprattutto, su cosa comprare, questo è l’articolo che fa per voi! Di seguito troverete qualche dritta sugli aspetti su cui è necessario soffermarsi prima di comprare la cuccia e scegliere la soluzione più indicata per i propri bisogni e quelli del proprio cane.

Cucce per cagnolini: le caratteristiche più importanti da considerare

cagnolini 004Le cucce non sono tutte uguali! Ognuna ha caratteristiche e proprietà differenti, che la rendono più idonea per alcuni cagnolini e meno per altri. Il primo aspetto da considerare sono le dimensioni. Che il tuo cane sia di taglia piccola, media o grande, le dimensioni della cuccia devono essere adatte alle sue. Infatti, la cuccia non deve essere troppo piccola o troppo grande, il tuo cagnolino deve poter stare comodo.

Anche i materiali fanno la differenza. Il legno, per esempio, garantisce una migliore protezione dalle intemperie, mentre il metallo è molto resistente ma non particolarmente comodo. La plastica non è indicata se si vive in luoghi con temperature troppo elevate, invece la cuccia in cesta è molto comoda ma meno duratura.

Cucce per interno o cucce per esterno?

La scelta della cuccia dipende anche da dove hai intenzione di posizionarla. Infatti, se il tuo cagnolino vive con te in appartamento, è più appropriato comprare una cuccia da interni.

Le cucce da interno sono solitamente fatte di materiali molto comodi, come per esempio quelle in tessuto, in cesta o in eco-pelle. Disponibili in tanti colori e dimensioni, possono anche rivelarsi un ottimo elemento di arredo per la casa, oltre che la cuccia perfetta per il tuo cagnolino.

Se, invece, preferisci posizionare all’esterno la cuccia del tuo cane, dovrai scegliere come prima cosa un luogo del giardino abbastanza riparato dal vento e dalle intemperie. Inoltre, dovrai comprare una cuccia più resistente di quelle in stoffa, come per esempio una in legno o in metallo, provvista di tetto spiovente, che tenga il tuo cane al caldo d’inverno e al fresco d’estate.

Come visto fino ad ora, ci sono tantissime tipologie di cucce per cani, per scegliere basta solo capire di cosa il tuo amico a quattro zampe ha bisogno.

Morbide, rigide, grandi o piccole, con il tetto spiovente, ben coibentate, imbottite e rivestite, le cucce disponibili sono tante e tutte diverse, in modo da soddisfare le necessità tanto dei cagnolini quanto dei padroni.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

salutedelgatto

La salute del vostro gatto

I gatti possono soffrire di molte malattie, che possono essere semplici disturbi o vere e proprie malattie che possono fargli rischiare la vita. Il vaccino è l'unica soluzione. I gatti possono contrarre malattie o infezioni che possono infettare anche gli uomini.
rabbia: malattia pericolosa e facilmente trasmettibile, si diffonde attraverso la saliva. Non esistono soluzioni, se contratta si muore.
panleucopenia: meglio conosciuta come cimurro, attacca le pareti dell'intestino e il midollo osseo. Anche questa è molto pericolosa e mortale.
rinite e corizza: infezione respiratoria, i gatti s'indeboliscono e s'ammalano.
leucemia: porta diversi tipi di cancro
immunodeficienza: può svilupparsi repentinamente, provoca la morte.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

abissinoAbissino

Classificazione FiFe: Categoria 3 - gatti a pelo corto
Di origine anticchissima, la sua forma snella è tipica delle razze dell'oriente, occhi a mandorla e muso lungo. Riconosciuto ufficialmente in Gran Bretagna nel 1882, molto diffuso negli USA e molto poco in Italia.

Aspetto Generale

Molto eleganti. Hanno il gene del pelo lungo ed in alcune cucciolate si potrebbero trovare alcuni a pelo semilungo. Possono raggiungere anche i 20 anni d'età.

Carattere

Molto attivi, vivaci e curiosi. Affettuoso con i bambini ed amano giocare. Hanno bisogno di molte coccole se lasciti soli o trascurati possono manifestare disappunto.

Difetti

Mantello ruvido, troppo irto e lungo. Troppo grande e tozzo, presenza di macchie bianche sul corpo.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

La cura del vostro gatto

curagattoI problemi ai denti ed alle gengive colpiscono circa l'80% dei gatti. Tutto questo perchè i gatti tendono ad accumulare la placca sulla parte esterna dei denti.
Per capire quali sono i sintomi e quindi i segnali d'allarme, basta guardare il vostro gatto. Se si è in una fase avanzata di gengivite, il vostro amico potrebbero perdere il cibo dalla bocca e di consequenza perdere peso. Bisognerebbe insegnare quindi al vostro gatto la pulizia quotidiana, facendolo tollerale una spazzolatura costante, con uno spazzolino mordibo o con un ditale di gomma ovviamente con un dentifricio specifico. Ecco come fare:
Scoprite le gengive del gatto, appoggiate le setole dello spazzolino ai denti toccando sia gengive che denti. Ruotate lentamente ma con insistenza. Se il gatto oppone resistenza, potreste usare anche dei gel o degli snack da mangiare che contengono fibre e puliscono i denti.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)