Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 163 visitatori e nessun utente online

Motori

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

motori 0055Quello dei motori è un mercato che vive di cambiamenti profondi, spesso radicali. Fino a qualche anno fa, ad esempio, era impensabile riuscire ad immaginare un presente così caratterizzato dalle nuove tecnologie, come ad esempio le auto a guida autonoma oppure alle auto ibride ed elettriche. Allo stesso tempo negli anni scorsi esisteva solo un modo per possedere un’auto, ossia acquistarla.

Negli ultimi anni, però, si è fatto largo il concetto di noleggio a lungo termine che ha portato ad un netto calo dell’acquisto delle auto con il susseguente aumento di nuovi contratti di noleggio che permettono di minimizzare le uscite per tenere a disposizione una liquidità maggiore. C’è un aumento di interesse per il noleggio a lungo termine da parte di privati senza partita IVA, dunque non più soltanto aziende e liberi professionisti.

L’acquisto di una macchina nuova, spesso agognato e a lungo pianificato, comporta infatti l’investimento immediato di una grossa cifra. Con il noleggio, invece, la situazione è diversa in quanto viene generalmente richiesto un anticipo che comunque rappresenta un investimento di dimensioni inferiori. Tradotto: il resto delle finanze potrà essere impiegato diversamente e in altre attività più o meno urgenti.

Il noleggio a lungo termine non è altro che un contratto attraverso il quale, con il pagamento del canone mensile, la persona dovrà occuparsi solo del carburante dal momento che il resto – assicurazione, tagliandi, bollo auto e così via – resterà di competenza dell’operatore.

Un’iniezione di tranquillità, per affrontare senza stress e preoccupazioni le attività di tutti i giorni: il tempo a disposizione aumenta e la qualità della vita migliora. Infine tra gli elementi che stanno decretando il successo del noleggio auto a lungo termine c’è la possibilità di scegliere l’ultimo modello, la novità vista in tv o nel salone: questione di status symbol.

I vantaggi del noleggio a lungo termine

I vantaggi legati al noleggio a lungo termine sono tanti, tanto che sono aumentate le offerte di noleggio a lungo termine su brumbrum.

Come sappiamo, infatti, il noleggio non è un’opzione riservata soltanto alle società e alle varie flotte aziendali, visto che si è diffusa a macchia d’olio, incontrando l’apprezzamento di molte famiglie della Penisola.

Oltre al risparmio economico il contratto di noleggio a lungo termine prevede una serie di opzioni molto convenienti, dato che può includere ad esempio il bollo e l’assicurazione, insieme al cambio gomme e alla manutenzione della vettura. Molti sono i vantaggi dal punto di vista fiscale, come ad esempio la deducibilità. La deducibilità si applica su tutto il canone, ovvero sia sulla quota locazione sia sulla quota servizi. In base al tipo di utilizzo del veicolo, sono previste diverse percentuali di deducibilità.

Se il veicolo è in uso ad un agente di commercio, la deducibilità della quota locazione è fissata ad un importo massimo di €5.164,57; la deducibilità, invece, per quanto riguarda la quota servizi è di €4.131,66. I possessori di Partita IVA hanno anche la possibilità di detrarre l’IVA sui canoni di noleggio. Anche in questo caso, le detrazioni sono commisurate in funzione all’utilizzo del veicolo.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (2 Voti)

Google si dimostra ancora una volta un'azienda all'avanguardia e attenta all'innovazione tecnologica tanto che - secondo indiscrezioni trapelate dalla rivista di settore Quartz - avrebbe presentato la sua ultima ideazione: un camion senza guidatore che, a breve, verrà utilizzato per le consegne degli acquisti effettuati on line. google carNon si tratta, in effetti, completamente di una novità in quanto da tempo Google utilizza abitualmente la Google Car, un'auto senza conducente che gira per le città in cerca di immagini da catturare per Google View. Il brevetto presentato, però, ne è un'evoluzione in quanto è sicuramente un mezzo più grande che non solo non prevede la presenza di un conducente ma permetterà anche ai propri clienti di ritirare da soli i propri pacchi. Il retro del camion, infatti, sarà composto di tante piccole cassette la cui apertura sarà sbloccata solo dopo l'inserimento di un codice di pagamento o di una carta di credito. In questo modo, ognuno potrà pagare e ritirare il proprio pacco, permettendo così al camion deputato alle consegne di indirizzarsi verso il successivo cliente. Un sistema innovativo, dunque, che permetterà di razionalizzare il sistema delle consegne, fino ad ora un punto dolente per tutto il sistema di e-commerce in quanto o troppo caro oppure troppo impreciso in termini di puntualità.

In attesa, dunque, di veder sfrecciare sulle nostre strade camioncini delle consegne forniti solo del logo Google ma senza guidare, il colosso di Mountain View riporta un'altra vittoria. Secondo l'influente quotidiano economico Bloomberg, Google avrebbe presentato agli addetti di settore il nuovo brevetto poco dopo aver incassato il consenso della NHTSA - National highway traffic safety administration (l'ente che supervisiona la sicurezza stradale e dei veicoli in circolazione) sulla possibilità che un software o un robot possano essere identificati come guidatori e quindi lasciati alla libera circolazione stradale. Questa ammissione - in risposta ad una specifica richiesta proveniente proprio da Google - è un primo passo verso la diffusione di questi camioncini automatici che sono la ricetta dell'azienda americana per rilanciare l'e-commerce, leggermente in calo di vendite negli ultimi dati ufficiali forniti.

Se per Google, però, questa rivoluzione vuole solo dire un miglioramento della logistica, per il resto del mondo rappresenta una rivoluzione storica per quanto riguarda il concetto di guida. Fra qualche anno, insomma, la strada potrebbe non essere più come oggi siamo abituati ad immaginarla. Tuttavia, sembra che il team creativo di Google non intenda fermarsi qui! Infatti, da più fonti ultimamente trapela un'altra notizia destinata a mutare profondamente il mondo della logistica. L'azienda, infatti, sta lavorando con impegno anche ad un altro brevetto - che al momento prende il nome di Project Wing - che prevede l'utilizzo di droni (piccoli oggetti volanti di dimensioni diverse ma tutti rigorosamente senza guidatore) per la consegna di pacchi dal cielo. Allo stato attuale delle cose, i droni vengono impiegati da diversi Paesi soprattutto a scopo militare ma mai nessuno aveva fino ad ora pensato di utilizzarli anche per compiti diversi, in particolare nella logistica.

Se Project Wing è ancora in una fase di studio ben lontana dal brevetto vero e proprio, il camioncino senza guidatore è ad un passo dalla realtà. L'autorizzazione informale ottenuta dalla NHTSA, infatti, è una mossa preliminare alla diffusione in massa di quest'ultima innovazione tecnologica targata Google. Per il momento chi ha un camion dovrà ancora, per forza di cose, attendere qualche anno per vedere che la rivoluzione di Google si configuri su larga scala. Sarebbe un grande passo avanti, indubbiamente, ma per il momento chi ha intenzione di acquistare un autocarro ricordate sempre di controllare le offerte che le compagnie assicurative propongono per le polizze per uso privato. Non resta, dunque, che attendere ancora un po’ prima di vedere i nostri pacchi consegnati - senza alcun problema di traffico o condizioni meteorologiche - da un robot in attesa che i futuri ci cadano, invece, direttamente dal cielo!

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (2 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ragazza-in-motorino2Informazioni e specifiche sull'assicurazione per lo scooter 50 cc

Le assicurazioni hanno negli anni toccato livelli veramente molto alti, invogliando talvolta coloro che si spingevano ad un acquisto ad abbandonare l’idea. Soprattutto quando si parla di scooter 50, a bassa cilindrata, le polizze salgono, ma è ovvio che tutti sono protesi al risparmio, come fare dunque? I preventivi vengono stilati in base ad una serie di caratteristiche fisse, come residenza, età, sesso, numero dei mezzi posseduti e assicurati ecc. Alcuni di questi fattori fanno crescere il prezzo maggiormente di altri, portando pertanto a cifre differenti nei singoli casi. Confrontarvi dunque con un amico, non basterà. In rari casi i vostri preventivi saranno simili.

Il risparmio è online:
Le frontiere del 2.0 hanno aperto le porte alle compagnie assicurative online, ecco dunque che, attraverso un motore di ricerca è possibile scovare le migliori assicurazioni a prezzi vantaggiosi.
Rispetto alle polizze delle classiche compagnie, una comparazione online, permette di notare un prezioso risparmio, pari anche al 50% di una polizza classica. Sono in molti però a non essere propensi all'acquisto o alla stipula di contratti online, va pertanto ricordato che queste
compagnie di comparazione di polizze assicurative per lo scooter, molte delle quali fanno capo a grandi aziende, sono molto affidabili, pertanto è possibile assicurarsi nel pieno della legalità, spendendo effettivamente meno e avendo una copertura assicurativa valida.

Come adoperarsi?

Vagliare tutte le opzioni, per comparare effettivamente costi e soluzioni possibili. In primo luogo fornirsi di tutti i documenti necessari, laddove si possa in qualche modo dimostrare un elemento che faccia da attenuante alla stipula economica classica. In secondo luogo recarsi presso tutte le agenzie di zona e richiedere un preventivo personalizzato. Poi, vagliare tutte le opzioni online, senza utilizzare siti di comparazione automatica, bensì richiedendo ad ogni compagnia un preventivo, cosi da avere costi effettivi e soprattutto avere informazioni reali sulle disposizioni contrattuali. Avrete modo cosi di possedere un quadro completo su costi e benefici. Ad esempio è importante valutare se la polizza ha possibilità di essere sospesa, se comprende la
copertura legale, l’assistenza stradale, se è kasko o mini kasko, se è furto incendio, ecc.

Va tra l’altro fatto presente che, negli ultimi anni sono nate nuove polizze speciali, per integrare il risparmio. Essendo un motorino di 50 cc destinato in prevalenza ai giovani, le compagnie online hanno cercato di adottare strategie nuove, poiché paradossalmente i neopatentati non sono certo coloro che risparmio di norma sulla polizza. Si è creata pertanto una controtendenza, sia nelle grandi concessionarie che in quelle piccole o nascenti. Ecco dunque che le soluzioni online risultano ancora una volta valide.

Francesco Valente

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

tagliandoassicurazioneEcco la novità in arrivo per i furbetti dell'assicurazione. La tecnologia in aiuto delle companie assicuratrici, ecco il rivoluzionario chip antitruffa che si metterà sul parabrezza e che andrà a sostituire il tagliando dell'assicurazione entro ottobre del 2015. Se da un lato vi dovranno essere meno truffe, si spera che le stesse companie abbassino i prezzi delle polizze, visto che da anni le tali truffe, specie al Sud Italia, sono cause di rincari inaccettati da chi si comporta bene.

Con ogni probabilità tale chip sarà simile alle placche antitaccheggio dei supermercati, con un microchip a radiofrequenza, che verrà poi letto da lettori appositi, che verranno dati in dotazione alle forze di polizia e controllo stradale.
Ma non solo. Sarà visibile anche da autovelox, videocamere per il controllo delle zone a traffico limitato, o dai tutor sulle autostrade. Il chip è collegato ad una banca dati dove le forze dell'ordine potranno controllare con i numeri di targa se tale mezzo è assicurato o meno.

I dati dell'ACI, in base ai mezzi che viaggiano senza tagliando assicurativo sono allarmanti, sarebbero circa 4 milioni i mezzi che non sono copertoi da regolare poliza assicurativa. Ovvero circa l'8% delle auto in circolazione. I dati, presentati in apertura della 67a Conferenza del Traffico e della Circolazione organizzata da ACI a Roma, sono solo stati fatti in base ad un rilevamento parziale. Controlli fatti su una base di mezzi tra ciclomotori ed autovetture fermate dalle forze dell'ordine che non erano in possesso di un tagliando assicurativo.

tagliando

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (1 Voto)

gomme

 

Le gomme termiche sono una tipologia di pneumatico utilizzata durante i mesi invernali, particolarmente utile quando la temperatura scende al di sotto dei 7 gradi centigradi. La loro efficacia è provata tanto in caso di neve o pioggia, quanto in caso di asfalto asciutto ma freddo. I motivi? Due principalmente: la maggior aderenza su terreni bagnati o peggio ancora innevati gli deriva da alcune particolari lamelle incise sulla ruota e che le consentono di avere più grip lì dove invece gli altri pneumatici scivolano pericolosamente.

Ma quali sono le migliori gomme termiche?

In generale le prestazioni più competitive sono quelle offerte dai grandi marchi, come ad esempio Pirelli, Michelin, Dunlop e Bridgestone, anche se oggigiorno il mercato online offre un'ampia scelta di prodotti economici ma di qualità, grazie a siti specializzati. Ad esempio in questo sito è possibile acquistare online le gomme termiche e qualsiasi altro prodotto per la nostra auto o moto, pronto a soddisfare qualsiasi esigenza, consultando un vasto catalogo di pneumatici economici e tutti i prodotti disponibili in pronta consegna.

La mescola morbida invece serve ad accorciare gli spazi di frenata (rispetto alle gomme estive) quando la temperatura scende sotto i 7 gradi. Non solo sicurezza ma anche praticità. Le gomme termiche sono infatti una valida alternativa alle catene, visto che non ne richiedono l’utilizzo. Se si montano pneumatici termici, anche in caso di neve abbondante, non ci si deve dunque fermare per strada a montare le catene sotto le intemperie; una comodità non da poco. Le prestazioni delle gomme termiche sono molto buone anche relativamente ad un altro aspetto, il rumore, che nei pneumatici invernali è sempre leggermente superiore a quello prodotto dalle gomme che invece si utilizzano durante il resto dell’anno.

Francesco Valente

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (1 Voto)