Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 428 visitatori e nessun utente online

Primo piano

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

piemonteseDichiarazione di Lia Azzarone, segretario provinciale del Partito Democratico foggiano

La Puglia ha un nuovo governo, pronto e deciso ad assumere tutte le responsabilità connesse all'emergenza presente e alle ambizioni future della regione.
Spicca la scelta del presidente Michele Emiliano, al quale siamo grati per il riconoscimento al nostro territorio, di affidare a Raffaele Piemontese la vice presidenza della Giunta e una quantità e qualità di deleghe obiettivamente superiore a quelle esercitate con competenza e innovazione nella prima legislatura.
In particolare, è da annotare la più diretta e immediata connessione tra le funzioni relative alla programmazione, fondi europei inclusi, e alle infrastrutture che promette di accelerare l'iter di finanziamento e realizzazione di quanto necessario a supportare e accelerare i processi di sviluppo economico e occupazione. Così come l'assunzione diretta del governo delle scelte in materia di difesa del suolo e rischio sismico, strategiche per la tutela e la valorizzazione delle aree interne dei Monti Dauni e del Gargano.
La seconda ondata della pandemia da Covid-19 ha reso particolarmente gravoso e complesso l'avvio della legislatura, pur tuttavia sono certa che l'emergenza sarà superata e tutti potremo tornare a concentrarci sui temi strategici del governo della Puglia.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

UniversitàAteneo
L'Università di Foggia continua a progettare il futuro per i suoi studenti. E questa volta lo fa con la nuova Virtual Fair “Talent for Career”, uno spazio di orientamento al lavoro e di conoscenza del mondo delle imprese, che si svolgerà nei giorni 17, 18 e 19 novembre. Una fiera del lavoro innovativa, declinata interamente on line, che intende agevolare l'incontro tra domanda e offerta e che, allo stesso tempo, si configura come un'opportunità di crescita e arricchimento per gli studenti e i neo laureati, ma anche per le stesse aziende del territorio che vi prenderanno parte.
L'iniziativa, nata su proposta del nuovo Career Development Center di Ateneo e dall'Area orientamento e Placement di Unifg, ha ottenuto l'adesione delle imprese e di importantissimi opinion leaders del panorama nazionale che daranno vita a una serie di “Inspirational speech”a cui si aggiungeranno professionisti provenienti dal mondo delle startup e della formazione che offriranno supporto ai partecipanti nel loro ruolo di coach. Il tutto nell'ottica della promozione e dell'animazione di una rete territoriale.
La tre giorni di incontri, organizzata con il contributo di EleHub, prevede un programma articolato che, accanto al recruitment tradizionale con specifici momenti di incontro tra domanda e offerta di lavoro e stage, vedrà anche delle vere e proprie business challenges. Nei giorni scorsi, infatti, le cinque aziende selezionate (Blab, Eurosa, Manta Group, Generali e IFun) hanno lanciato una serie di sfide rivolte a studenti, laureati e dottori di ricerca che, organizzati in team, si cimenteranno per la prima volta con il mondo del lavoro, andando alla ricerca di soluzioni innovative rispetto a reali problematiche aziendali, imprenditoriali, manageriali e tecniche, relative a specifici settori. Un vero e proprio banco di prova con un premio finale in denaro da 500 euro assegnato da una giuria mista, composta da docenti, studenti e personalità aziendali.
“Può, il batter d'ali di una farfalla in Brasile, provocare un tornado in Texas?”, si chiedeva Lorenz: l'Università di Foggia è convinta che la risposta sia sì. “Il talento dei nostri studenti e laureati può diventare germoglio di cambiamento ed innovazione, forza motrice per cambiare la rotta – commenta la prof.ssa Mariangela Caroprese, delegata del Rettore per il Placement - Coltiviamo talenti, orientiamo percorsi, costruiamo futuro. È per questo che abbiamo inteso fornire un aiuto concreto ai nostri laureandi, affiancandoli nel loro percorso di crescita con una Virtual Fair che offra loro la possibilità di mettersi concretamente alla prova, stimolando l’autodeterminazione e la conoscenza di se stessi, esercizi fondamentali per affrontare, per la prima volta, una realtà lavorativa”.
In questa ottica Talent for Career non sarà solo uno spazio per fare recruiting ma anche un'occasione per ripensarsi attraverso gli inspirational speech di illustri relatori, professionisti di successo provenienti da un mondo del lavoro in continua evoluzione: Oscar di Montigny, Chief Innovation, Sustainability and Value Strategy Officer di Banca Mediolanum e Presidente di Flowe; Sandro Formica, Ph.D. e Professore di Scienza del Sé presso la FIU - Florida International University di Miami; Isabella Fumagalli, Amministratore Delegato Gruppo BNP Paribas Cardif; Tiziana Olivieri, Western Europe Executive Industry Director di Microsoft. Ciascun protagonista, unico nel suo genere ed eccellenza nel proprio campo, in ogni webinar, metterà a disposizione la propria combinazione vincente di soft e hard skills, volano per un ingresso di successo nel mercato del lavoro.
L’intero evento si svolgerà sul sito https://uniplacement.unifg.it

Area Rapporti istituzionali, Relazioni esterne e Ufficio stampa
Università degli Studi di Foggia

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

cia
Cia Capitanata: “Richieste di risarcimento per complessivi 300mila euro nell’ultimo anno”
“Confronto positivo con Pazienza: serve task force per frenare avanzata di lupi e cinghiali”

FOGGIA Le richieste di danni da fauna selvatica, nel territorio del Parco Nazionale del Gargano, sono cresciute del 200%. Nell’ultimo anno, imprese agricole e agro-zootecniche hanno presentato domande di risarcimento per un ammontare complessivo di circa 300mila euro. “Su questa e altre problematiche, abbiamo avuto un confronto aperto e proficuo con il presidente del Parco Pasquale Pazienza, al quale abbiamo anche consegnato un documento con le nostre proposte per affrontare le questioni più importanti per gli agricoltori”, ha spiegato Nicola Cantatore, direttore provinciale di CIA Capitanata.
CINGHIALI, LUPI e RANDAGI. “Con l’incremento del numero di cinghiali e di lupi, sono aumentati i casi di danneggiamenti ad agricoltori e allevatori. Nell’area Parco, occorre una task force che operi per porre un freno al moltiplicarsi dei cinghiali e della fauna selvatica”, ha dichiarato Cantatore. “Ai proprietari e ai conduttori dei terreni agricoli va riconosciuto il diritto al risarcimento integrale della perdita effettivamente subita”, ha aggiunto Michele Ferrandino, presidente provinciale di CIA Capitanata. “Il risarcimento per i danni da fauna selvatica non può rientrare nell'ambito dei Regolamenti dell'Unione Europea sugli aiuti di Stato e va sottratto al regime dei de minimis”. Il presidente del Parco del Gargano ha spiegato che anche i cani inselvatichiti rappresentano un problema che l’Ente sta affrontando con l’Asl, chiedendo che si provveda alla sterilizzazione e al controllo degli stessi. Oltre ai danni da fauna selvatica, al centro dell’incontro tenuto con Pasquale Pazienza e del documento consegnato al presidente del Parco ci sono anche il divieto di bruciatura dei residui delle coltivazioni, il ruolo degli imprenditori agricoli per tutelare il territorio rurale dagli incendi, l’emergenza siccità, la comunicazione tra l’ente e i cittadini per una migliore circolazione delle informazioni.
LA BRUCIATURA DELLE STOPPIE. La tecnica della bruciatura delle stoppie non solo non toglie fertilità al terreno, come dimostrato da numerose pubblicazioni scientifiche, ma risulta pressoché indispensabile alla preparazione dei terreni: è molto valida sul piano della eliminazione di patogeni ed infestanti in genere. Urge una deroga della Regione Puglia alla norma in vigore, tale da permettere la bruciatura in quantità giornaliere limitate, nel periodo di non divieto anche nelle aree SIC e ZPS, previo diretto controllo e responsabilità dell’imprenditore agricolo quale responsabile delle relative operazioni. “Pasquale Pazienza ci ha informato di aver già chiesto alla Regione Puglia che sia accordata la deroga”.
INCENDI BOSCHIVI. Per quanto attiene alle azioni di contrasto agli incendi boschivi, importante è il ruolo svolto da secoli dalle imprese agricole e agro-zootecniche quali custodi e manutentori del territorio rurale. Ruolo importante e purtroppo non riconosciuto appieno. CIA Agricoltori Italiani della Puglia propone la possibilità di stipulare apposite convenzioni con gli imprenditori agricoli in possesso di adeguate attrezzature e disponibili a garantire, per un periodo non inferiore a 4 mesi, il controllo di determinate aree al fine di prevenire gli incendi.
SICCITA’. I cambiamenti climatici ormai in atto devono fare riconsiderare l’importante ruolo svolto dalle imprese agro-zootecniche nel territorio aspro e selvaggio del Gargano. Occorrerà stipulare con il Consorzio di Bonifica Montana del Gargano e con le organizzazioni agricole professionali apposite convenzioni di fornitura di servizi, per garantire alle imprese e ai relativi insediamenti zootecnici di quell’area, la sopravvivenza durante tali periodi e il presidio del territorio.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ospedalesan giovanni rotondoDiabete familiare dell’adulto, dal Ministero 130.000 euro al progetto di ricerca dell’IRCC Casa Sollievo della Sofferenza

Lo studio, finanziato alla giovane biologa Serena Pezzilli, permetterà di aggiungere un tassello in più alla conoscenza della fisiopatologia e dei meccanismi molecolari che regolano l’iperglicemia in una forma rara di diabete, spesso erroneamente diagnosticato come di tipo 2

Il 14 novembre si celebra in tutto il modo la “Giornata mondiale del diabete”, istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sulla prevenzione, la cura e la gestione del diabete, una malattia che, a causa della sua grande diffusione, viene considerata come una vera e propria emergenza del 21° secolo. Solo in Italia, infatti, le ultime stime parlano di circa 3 milioni e 500 mila diabetici.

Nell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, per prevenire la malattia ed offrire terapie avanzate ai pazienti, si è creata da tempo una rete di assistenza che, partendo dall’età pediatrica, passando poi per quella adulta, e fino all’età anziana, copre tutte le necessità assistenziali con terapie avanzate e ampio uso di tecnologie innovative.

In questa rete – per tentare di identificare con precisione il tipo di diabete, per incrementare la conoscenza e migliorare le terapie – è fondamentale anche l’apporto della ricerca, all’interno della quale si adoperano giovani ricercatori come la biologa Serena Pezzilli, risultata vincitrice, nel luglio 2020, di uno “Starting grant” da 130.000 euro del Ministero della Salute, una borsa di studio per ricercatori agli esordi di carriera.

Il progetto finanziato si inserisce in una linea di ricerca molto più ampia grazie alla quale, negli ultimi anni, si è arrivati ad identificare una nuova forma di diabete familiare dell’adulto (Familial Diabetes of the Adulthood, FDA, in inglese) e nuovi geni responsabili di questa forma di malattia.

L’FDA coinvolge circa il 3% dei pazienti adulti che, sebbene presentino una diagnosi di diabete di tipo 2, sono, invece, affetti da una forma di diabete multigenerazionale, presente all’interno di famiglie in almeno 3 generazioni, che molto ricorda la trasmissione autosomica dominante del diabete monogenico. Tuttavia, a differenza di quest’ultimo, le cause genetiche alla base dell’iperglicemia, non sono state ancora chiarite.

«Nel corso degli ultimi anni – sottolinea la ricercatrice Serena Pezzilli, – l’obiettivo del gruppo in cui lavoro, l’Unità di Ricerca sulle Malattie Metaboliche e Cardiovascolari dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, è stato quello di identificare nuovi geni responsabili dell’FDA. Obiettivo che per alcune di queste famiglie è stato raggiunto, in primo luogo con la scoperta del gene APPL1, e più recentemente con l’identificazione, in due nuove famiglie, di due diverse mutazioni nel gene della Malato Deidrogenasi 2 (MDH2), il vero protagonista di questo progetto. Visti gli incoraggianti risultati ottenuti da una prima caratterizzazione funzionale delle due mutazioni, questo progetto mirerà ad approfondire il meccanismo molecolare con cui le due alterazioni geniche determinano l’iperglicemia. Per raggiungere questo obiettivo, le mutazioni verranno introdotte stabilmente nel DNA di due diversi modelli cellulari umani, il primo di cellule epatiche ed il secondo di beta-cellule pancreatiche. In questi modelli cellulari sarà valutato l’effetto delle due mutazioni sull’attività enzimatica della proteina e, a valle, sull’espressione genica, sul metabolismo cellulare, sulla respirazione mitocondriale ed infine sulla via di segnalazione e di secrezione dell’insulina, con lo scopo di identificare nuove vie molecolari e metaboliche che regolano il metabolismo del glucosio».

«Il progetto – spiega la biologa che a gennaio si è aggiudicata anche una delle 25 borse di studio dell’Ordine Nazionale dei Biologi – ci permetterà di aggiungere un tassello in più alla conoscenza della fisiopatologia e dei meccanismi molecolari che regolano l’iperglicemia, un tassello che ci auguriamo possa contribuire allo sviluppo di nuove strategie per il trattamento di questi pazienti. Lavorare al proprio progetto di ricerca è una delle possibilità più importanti che un giovane ricercatore possa avere. Il lavoro di ricerca non è semplice, richiede impegno, costanza e determinazione ma anche un rapporto continuo e sinergico con tutors, collaboratori e istituzioni nazionali ed estere. Devo ringraziare – conclude – il continuo supporto scientifico e personale fornitomi dalla Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza che crede nella ricerca scientifica e si impegna concretamente a sostenerla a favore dei giovani».

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

CataneoM24A-ET: la politica locale e non da noi sollecitata non risponde, è interessata solo alle sue poltrone e si fa sottrarre risorse.

Foggia, 10 novembre 2020. L’ambito provinciale di Capitanata annota dati sul versante del tasso di disoccupazione che la pongono al primo posto in Puglia e tra le prime province in Italia. Nel contempo accade incomprensibilmente, che pur essendoci molte opere pubbliche utili, necessarie e finanziate da molti anni, ad esempio per innalzare la sicurezza stradale come fatto altrove, che i cantieri non partono, risorse economiche per oltre 70 mln di euro vengono sottratte, i disoccupati, giovani e non, aumentano con il relativo disagio socio-economico. Il Movimento 24 Agosto per l’Equità territoriale (M24A-ET), nello scorso mese di febbraio, aveva già segnalato questa situazione di complessivo ritardo nell’esecuzione di opere pubbliche che, se cantierizzate, avrebbero portato sollievo all’economia locale perché non interrompibili causa Covid 19. Un esempio sono i 3 lotti della tangenziale di Foggia, previsti da anni, con oltre 186 mln di euro disponibili fino a febbraio 2020!
Registrare che tale somma, in questo particolare momento di crisi sociale ed economica, è stata ridotta risulta essere intollerabile per gli effetti che ci potrebbero essere anche sulla qualità e sicurezza infrastrutturale dell’opera (ad es. la diversa caratteristica costruttiva: con spartitraffico centrale presente nella tangenziale di Bari e lungo tutta la ex S.S. 16 bis fino a Foggia e non previsto magari sulla quella foggiana?).
Finora a nulla è servito scrivere, più volte, alla Provincia ed al Comune di Foggia segnalando questo inaccettabile “status quo”. Nessuna risposta e alcun impegno ed i risultati dell’ignavia politica sono stati le risorse sottratte….
“Abbiamo deciso di portare all’attenzione dell’opinione pubblica tale situazione iniziando da quella riguardante i tre lotti della Tangenziale di Foggia S.S. n. 673 (la ex statale 16), per un totale di 21 km di strade come si legge nella sintesi descrittiva, con una serie di interventi da eseguire per innalzare gli standard di sicurezza e percorribilità dell’arteria stradale - dichiara il referente provinciale M24A-ET di Foggia Raffaele Cariglia - il cui costo complessivo è di oltre 117 milioni di euro come emerge attualmente da quanto riportato sull’apposito sito. Tale importo è molto inferiore rispetto ai 186 milioni di euro che erano la somma complessiva precedentemente prevista per i tre lotti come da noi denunciato e pubblicato a fine febbraio u.s. in relazione al CIS Capitanata!”
Accade quindi che si distribuiscono con decreto “..ad una delle aree più sviluppate del Paese…” risorse ed investimenti pubblici per oltre un miliardo di euro, che è quasi la stessa cifra dei bonifici effettuati con il decreto Ristori in favore per oltre 211 mila imprese chiuse, per le infrastrutture e per i trasporti, in Lombardia (473mln), Veneto (325mln) ed alle Province autonome di Trento (120mln) e Bolzano (82mln) per le olimpiadi invernali del 2026, già destinatarie di una marea di risorse pubbliche per nuovi investimenti stradali e ferroviari e che avevano dichiarato di provvedere da sole, nel Mezzogiorno ed in Capitanata invece non solo si realizzano le opere programmate e finanziate ma vengono ridotti i fondi, magari, per destinarli alle aree più sviluppate!!!
“Prospettiamo reiteratamente, per l’ennesima ed ultima volta, questa situazione ai parlamentari eletti in Capitanata, dopo aver inviato più lettere aperte, proponendo loro la partecipazione ad una video conferenza, in merito al caso specifico e per una ricognizione complessiva, per il prossimo 16 novembre alle ore 18.30 -conclude Pasquale Cataneo segretario del circolo Tavoliere Monti Dauni di Foggia- ciò prima di attivare altre iniziative e di rivolgerci ad altri e più attenti deputati che, pur non eletti in Capitanata, hanno già presentato ben due interrogazioni, richiamando il modello “Genova” come prospettato anche noi di M24A-ET, per far sbloccare per esempio l’essenziale raddoppio della tratta Termoli-Lesina, al ministro per le infrastrutture e dei trasporti che finora unitamente al ministero dell’ambiente non lo hanno fatto anzi, lo stesso ministro del MIT dà i soldi, anche se non richiesti, al Nord per nuove opere associandole alle olimpiadi 2026.”
Quando il povero “dona” al ricco il diavolo se ne ride! Noi di M24a-ET non vogliamo farlo ridere ancora!
Ufficio stampa

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)