Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 393 visitatori e nessun utente online

forza italiaLA VERITÀ SULLA PALESTRA DEL GALLUCCIO E LE MENZOGNE DI MICHELE FUSILLI E DEL PARTITO DEMOCRATICO
Con un nostro comunicato abbiamo chiesto legittimamente (o è lesa maestà se una Opposizione chiede chiarimenti?) all’Assessore ai Lavori Pubblici Michele Fusilli di spiegare le ragioni per cui il cantiere della Palestra del Galluccio è rimasto fermo per 16 mesi (da febbraio 2020 a pochi giorni fa) dopo il crollo del muro perimetrale e della copertura.
Come hanno reagito l’Assessore Fusilli e il Partito Democratico?
Come in tante altre circostanze, non hanno risposto alle nostre domande e hanno attaccato l’Amministrazione di Iasio, che secondo loro sarebbe responsabile di questo “monumento all'incapacità”.
Non solo non hanno voluto dare conto ai cittadini della loro inerzia durata 16 mesi, ma hanno anche nascosto e mistificato la realtà.
Ma la verità, come sempre, è implacabile, non fa sconti a nessuno, neanche a chi con molta arroganza gestisce il Comune come se fosse la propria casa privata.
Allora è proprio il caso di ricostruire con i documenti rintracciabili sul Sito ufficiale del Comune l’intera vicenda amministrativa.
Nel 2011, l’Amministrazione Ciliberti presentava al Ministero dell’Interno una richiesta di finanziamento del progetto di un Campo Polivalente Coperto in zona Galluccio.
Il 19 gennaio 2012, il Ministero dell’Interno comunicava al Sindaco Ciliberti la concessione del contributo di 509 mila euro.
Il 17 giugno 2014, la Giunta Comunale, presieduta da Antonio di Iasio, approvava la stesura definitiva del progetto preliminare ereditato dal Sindaco Ciliberti.
Il 21 gennaio 2016, sotto la gestione della Commissione Prefettizia, i lavori del Campo Polivalente venivano aggiudicati alla ditta Festa Costruzioni e Impianti di Orta Nova.
Il 23 maggio 2016 veniva stipulato il contratto tra il Comune e l’impresa aggiudicatrice.
Il 22 luglio 2016, l’impresa Festa chiedeva al Comune l’anticipazione del 20% dell'importo dei lavori appaltati.
Il 26 aprile 2017, la Commissione Prefettizia deliberava di anticipare alla Ditta appaltatrice il 20% richiesto.
Il 29 gennaio 2018, la Giunta Comunale diretta dal Sindaco d’Arienzo – e di cui Fusilli è il Vice Sindaco-Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica – approvava il progetto di costruzione della strada di accesso al Campo Polivalente con un finanziamento di 411 mila euro a carico del Comune.
Verso la fine di gennaio 2020, crollavano parti del muro perimetrale e la copertura del Campo Polivalente ancora in costruzione.
Il 31 gennaio 2020, in Consiglio Comunale Fusilli comunicava che i lavori sarebbero ripresi dopo qualche settimana.
La ricostruzione di questo lungo percorso amministrativo dimostra chiaramente che:
a) l’Amministrazione Comunale di Iasio si è limitata a trasformare il progetto preliminare del Sindaco Ciliberti in progetto definitivo e non ha potuto progettare la strada di accesso in quanto all’epoca i fondi comunali erano bloccati dal Patto di Stabilità Nazionale, eliminato nel 2018 dal Governo gialloverde;
b) i lavori del Campo Polivalente Coperto si sono svolti durante la gestione della Commissione Prefettizia (per l’importo di circa 56 mila euro) e durante la Giunta del Sindaco d’Arienzo;
c) l’Ufficio Tecnico comunale prima e poi l’Assessore Fusilli, insieme con il Responsabile del Settore Tecnico, non hanno effettuato alcun controllo sull’esecuzione dei lavori, visto che c'è stato il crollo.

QUESTI SONO I FATTI INCONTROVERTIBILI CHE AVREBBE DOVUTO METTERE IN EVIDENZA ANCHE IL CAPOGRUPPO DI UNA DELLE MINORANZE CHE, TRADENDO IL MANDATO ELETTORALE, SI È ATTRIBUITO IL RUOLO DI "CONSIGLIERE AGGIUNTO" DELLA MAGGIORANZA, VISTO CHE DI FATTO STA IN MAGGIORANZA.

Forza Italia, Verso il Futuro, Lega Monte Sant’Angelo