Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 177 visitatori e un utente online

larinascitapossibileSERVIZIO RISCOSSIONE TRIBUTI COMUNALI, IL SINDACO D’ARIENZO NON DIFENDE I DIPENDENTI
In questi giorni i dipendenti del Servizio di Gestione dei Tributi Comunali, ancora una volta, sono stati posti in cassa integrazione da parte dell’impresa appaltatrice.
Il provvedimento dell’azienda utilizza la cassa integrazione fino al 31 dicembre 2021 in misura differenziata, per cui al danno subìto dai dipendenti si accompagna pure la discriminazione.
Anche in questa circostanza – come in quella precedente – il Sindaco d’Arienzo non proferisce parola e non difende i diritti dei dipendenti addetti al servizio. Anzi, nonostante gli impegni contrattuali, consente alla ditta di “fare il proprio comodo”: il Sindaco d’Arienzo di fatto si schiera dalla parte dell’impresa e mostra totale indifferenza verso i diritti dei cittadini e dei lavoratori.
Lo Schieramento Civico “La Rinascita Possibile” condanna, ancora una volta, questa “scelta di campo” del Sindaco d’Arienzo.
Non solo. “La Rinascita Possibile” ritiene illegittimo il ricorso alla cassa integrazione da parte dell’impresa che gestisce il servizio dei tributi comunali. Infatti, un’impresa ricorre legittimamente alla cassa integrazione, quando si verificano le condizioni di riduzione delle sue attività e della sua produzione. Certamente non è questo il caso!
Un Comune può mettere in cassa integrazione i suoi dipendenti? Di sicuro NO!
Un’azienda privata, che gestisce un servizio pubblico, può ricorre alla cassa integrazione? Ciò può succedere soltanto nel caso in cui il Committente (nel nostro caso il Comune) proceda alla rideterminazione del contratto mediante la riduzione delle attività in esso analiticamente descritte, e non è il caso di Monte: non risulta che il Sindaco d’Arienzo abbia assunto provvedimenti in tale direzione.
Lo Schieramento Civico “La Rinascita Possibile”, nel manifestare la propria solidarietà nei confronti dei dipendenti posti illegittimamente in cassa integrazione, invita il Sindaco d’Arienzo a scendere in campo in difesa dei dipendenti e per il rispetto del contratto di servizio da parte dell'impresa appaltatrice.

Schieramento civico La Rinascita Possibile