Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 173 visitatori e nessun utente online


unifgateneofoggia copyFormazione, anagrafe delle competenze e regolamento incarichi retribuiti, approvati gli strumenti per elevare gli standard di qualità dell'Ateneo.
Il Prorettore vicario prof.ssa Milena Sinigaglia: «Si colma una lacuna storica».
Se ne discuteva da anni, ma stavolta – a compimento di un lavoro molto duro e durato molti mesi – è stata finalmente trovata una sintesi che ha permesso di rispettare le indicazioni strategiche dettate dal Rettore e le esigenze pratiche rivendicate dal personale tecnico-amministrativo. Nei giorni scorsi gli organi collegiali dell'Università di Foggia, prima il Senato Accademico e poi il Consiglio di Amministrazione, hanno approvato l'adozione di tre importanti documenti che riguardano il personale dell'Ateneo: si tratta del regolamento in materia di Formazione del personale tecnico-amministrativo; dell'istituzione di una Anagrafe delle Competenze del personale; quindi del regolamento per la Disciplina dello svolgimento degli incarichi retribuiti da parte del personale tecnico-amministrativo. «E' riportato finanche nel nostro Statuto – commenta il Prorettore vicario prof.ssa Milena Sinigaglia, Delegato del Rettore all'Organizzazione e alla Risorse umane e coordinatore del gruppo di lavoro che ha elaborato il regolamento in materia di Formazione del personale tecnico-amministrativo –, esattamente all'articolo 6, ma nella sostanza non esisteva un vero e proprio documento a cui rifarsi per strutturare la formazione del personale. Abbiamo colmato questa lacuna storica soprattutto grazie alla disponibilità e alla collaborazione mostrate dal gruppo di lavoro che ha preso parte alla stesura del regolamento, dai rappresentanti sindacali e idealmente anche da tutti i dipendenti dell'Università». Nel regolamento in materia di Formazione del personale tecnico-amministrativo sono disciplinate le modalità di organizzazione e gestione delle attività formative, la pianificazione e programmazione delle stesse, le modalità di accesso da parte del personale, nonché sono specificati i contenuti della formazione obbligatoria e di quella facoltativa, la costituzione di una anagrafe della formazione ed il relativo sistema di acquisizione di crediti formativi, come espressamente previsto dal CCNL.
Altro importante riferimento normativo sarà, da adesso in avanti, l'istituzione di una Anagrafe delle Competenze che possa riepilogare e aggiornare, in maniera sistematica e scientifica, il patrimonio professionale e umano di cui è dotata l'Università di Foggia: la finalità della mappatura è dunque realizzare, senza alcun intento valutativo, una rilevazione oggettiva (non obbligatoria ma su base volontaria) delle competenze possedute dal personale tecnico-amministrativo a tempo determinato e indeterminato al fine di promuovere la conoscenza della “geografia” e “morfologia” delle competenze per capire come valorizzare le risorse dell’Ateneo, anche identificando e sviluppando nuove conoscenze, abilità e competenze. Infine la stesura e l'adozione di un regolamento per la Disciplina dello svolgimento degli incarichi retribuiti, un documento che rappresenti una sorta di “anno zero” all'interno della vita dell'Ateneo e che metta fine alla confusione generata dal vuoto disciplinare che lo ha preceduto. «Sugli incarichi retribuiti abbiamo lavorato molto – aggiunge il Prorettore vicario prof.ssa Milena Sinigaglia – ma non per mancanza di disponibilità a trovare un accordo da parte delle organizzazioni sindacali, semplicemente perché per molti anni più che su una precisa disciplina per l'attribuzione degli incarichi ci si basava sulla proverbiale e mai venuta meno disponibilità dei dipendenti che poi, evidentemente, non veniva riscontrava alcuna gratificazione in termini di remunerazione. L'introduzione di questo strumento rappresenta non solo una conquista normativa, ma anche un chiarimento, si spera definitivo, su chi dovrà fare cosa, attribuendo ai destinatari di questi incarichi la remunerazione opportunamente prevista dal CCNL». Soddisfazione è stata espressa anche dal Rettore dell'Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci, che ha assistito con grande interesse prima alla fase di negoziazione e poi alla ratifica degli accordi col personale tecnico-amministrativo. «Sono contento che si sia chiuso, nel migliore dei modi, quello che ritengo essere un processo di crescita dell'Ateneo. Mi ha fatto molto piacere, inoltre, l'ampia condivisione che ha caratterizzato l'adozione di questi tre importanti regolamenti – ha quindi aggiunto il Rettore prof. Maurizio Ricci, ordinario di Diritto del lavoro – segno che l'argomento, oltre che molto sentito, era anche molto atteso dalle parti in causa. Da adesso comincia una fase nuova, in cui le regole che ci siamo dati possono rappresentare un valore aggiunto per il miglioramento della standard qualitativi del lavoro svolto all'interno dell'Università».

Davide Grittani, portavoce Università di Foggia • Via Gramsci 89/91 Foggia • 340.6017860