Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 222 visitatori e nessun utente online

 

MaurizioRicci“Quindici anni sono passati, ma la tragedia di Viale Giotto resterà per sempre un dolore inconsolabile. Dal 1999, l’11 novembre per Foggia è un giorno tristissimo, una lunga notte che ha portato via con sé un palazzo e la storia di 67 concittadini. Un boato assordante che ha stroncato i sorrisi, i sogni e le vite di uomini, donne e bambini e le famiglie dei superstiti che con dolore e affanno hanno proseguito il cammino nel ricordo di chi ingiustamente quel giorno se ne andò.
Il cordoglio dell’intera comunità universitaria che rappresento va a tutti i parenti e il ricordo più affettuoso è per quei superstiti che grazie anche all’Università di Foggia hanno potuto continuare la propria vita, conseguendo in un caso la Laurea in Medicina e Chirurgia. La meditazione più rincuorante è, invece, per tutte le persone: rappresentanti delle forze dell’ordine e volontari che in quei giorni, con il prezioso contributo, hanno dato aiuto e sollievo ai sopravvissuti e ai congiunti, mostrando il volto più bello di una Foggia sofferente, ma non sconfitta.
Viale Giotto è una tragedia che non deve ripetersi e ci deve insegnare ad evitare errori e superficialità, perché mai più nessuna catastrofe simile possa lasciare un vuoto doloroso, lacerando il cuore degli uomini e di una città”.