Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 184 visitatori e nessun utente online


unifgateneofoggia copyDomani e venerdì convention “Up to date in Epatologia” presso il Dipartimento di Studi umanisticiriflettori puntati sui farmaci antivirali di ultima generazione.
L'esperienza del Centro universitario per la ricerca e la cura delle malattie epatiche al servizio di chi soffre e di chi invoca chiarimenti. Il prof. Gaetano Serviddio: «Sarà una grande occasione per fare il punto su un tema di stringente attualità per l'intero Sistema sanitario nazionale».
Malattie epatiche e trapianti di fegato, i maggiori esperti italiani del settore chiamati a raccolta domani (22 gennaio, a partire dalle ore 13,30) e venerdì (23 gennaio, a partire dalle ore 9,00) presso l'aula magna del Dipartimento di Studi umanistici. Lettere, Beni culturali e Scienze della formazione dell'Università di Foggia (via Arpi 176, Foggia). L'occasione è offerta dal congresso nazionale di epatologia denominato “Up to Date in Epatologia – Non solo Epatite C”, organizzato dalla Clinica medica dell'Università di Foggia diretta dal prof. Gianluigi Vendemiale presso cui opera, da ormai un decennio, il Centro universitario per la ricerca e la cura delle malattie epatiche coordinato dal prof. Gaetano Serviddio. «Un evento destinato a chiarire molti aspetti del tema – dichiara il prof. Gianluigi Vendemiale, tra l'altro Delegato ai Rapporti con il Sistema sanitario nazionale dell'Università di Foggia – vista la grande confusione che è stata sollevata nelle settimane scorse e vista la necessità di spiegare bene, soprattutto alla comunità, che cosa potrebbe realmente succedere in seguito all'avvento dei cosiddetti farmaci antivirali di ultima generazione». Il riferimento è all'approvazione e quindi all'ormai possibile utilizzo di alcuni farmaci che potrebbe concorrere quanto meno a ridurre i casi di Epatite B, in seguito al superamento di una normativa che poneva ostacoli di natura etica e burocratica e che invece adesso offre – soprattutto a chi soffrendo per patologie molto complesse – l'opportunità di seguire protocolli terapeutici che prima erano inibiti. «L'evento sarà l'occasione giusta per discutere della recente immissione in commercio dei cosiddetti farmaci antivirali di ultimissima generazione – spiega il prof. Gaetano Serviddio – su cui il Centro universitario per la ricerca e la cura delle malattie epatiche ha già acquisito una importante esperienza e su cui c'è una importante aspettativa da parte dei pazienti epatopatici. Sarà insomma una grande occasione per fare il punto su un tema di stringente attualità per l'intero Sistema sanitario nazionale, ed il fatto che questa discussione avvenga sotto l'egida e il coordinamento dell'Università di Foggia rappresenta un grande elemento di orgoglio».

Per ulteriori informazioni: Prof. Gaetano Serviddio
centrocure@gmail.com


Davide Grittani