Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 283 visitatori e un utente online

univers
Successo per lo stage tenuto dal prof. Michele Cassano su invito dell'ospedale universitario di Ulan Bator (Mongolia), sessioni di chirurgia naso-sinusale per 100 otorini e 70 infermieri.
L'evento si è trasformato in una occasione utile per presentare le ricerche che, da diversi anni, la Cattedra di otorinolaringoiatria effettua nel campo della diagnosi e della chirurgia delle patologie naso-sinusali.
Era cominciato come un normale scambio di esperienze accademiche e professionali, ma ben presto si è trasformato in uno stage scientifico in cui l'Università di Foggia è stata chiamata – anche in estremo Oriente – a dare testimonianza del proprio know how e del grado di avanguardia ed efficienza della propria ricerca. L'EMJJ Center (ospedale universitario di Ulan Bator, in Mongolia: http://www.emjj.mn/en/) ha interpellato la Cattedra di Otorinolaringoiatria del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell'Università di Foggia, segnatamente il prof. Michele Cassano, per chiedere disponibilità a una collaborazione che doveva essere sporadica, o comunque occasionale, ma che è diventata un intenso scambio di esperienze scientifiche. Almeno per adesso, poiché ci sono tutte le basi per collaborazioni di natura accademica – scambio docenti e invio degli studenti per tirocini ed esperienze formative – ben più strutturate.
«Tutto è cominciato nel giugno dello scorso anno – racconta il prof. Michele Cassano – quando mi sono recato in Mongolia per un corso teorico pratico. In quella occasione, insieme a colleghi provenienti per le stesse ragioni dall'Università Cattolica di Roma e dall' Università di Siena, ho tenuto delle lezioni teoriche sulla chirurgia nasale e delle sessioni dal vivo di chirurgia endoscopica naso-sinusale, lezioni che erano destinate a un gruppo di circa cento otorini tutti provenienti dalla Mongolia». Una esperienza che deve aver lasciato il segno, visto che il prof. Michele Cassano è stato reinvitato direttamente dai vertici dell'EMJJ Center, ma stavolta a tenere uno stage di approfondimento e, come naturale conseguenza, a parlare dello stato di aggiornamento e della ricerca condotta nell'ambito della Cattedra di Otorinolaringoiatria dell'Università di Foggia. «Quest'anno sono stato nuovamente invitato, ma stavolta dal direttore dell'EMJJ Center, il prof. Erdenenchuulum, insieme ad un collega dell'Università di Tor Vergata (Roma, NdR) per effettuare dei veri e propri interventi di chirurgia endoscopica naso-sinusale su casi complessi – aggiunge il prof. Michele Cassano – quindi per fornire il mio apporto in consulenze ambulatoriali esercitate nell'ambito della formazione di chirurghi otorinolaringoiatri mongoli il cui obiettivo era quello di perfezionare gli approcci chirurgici naso-sinusali e al basicranio anteriore».
Lo stage è durato dal 24 al 30 agosto, appena trascorsi, e si è concluso con la consegna di una targa al merito per il lavoro svolto presso l'istituzione mongola. «Abbiamo svolto anche un incontro scientifico-teorico – conclude – sulle moderne tecniche diagnostiche e terapeutiche nella rinite allergica con la partecipazione di 100 otorini e di 70 infermieri mongoli ai quali è stata trasferita con esattezza l'esecuzione dei prick test e dei test di provocazione nasale». L'evento si è inevitabilmente trasformato in una occasione utile, e strategicamente perfetta, per presentare anche in Asia i risultati delle ricerche che, da diversi anni, la Cattedra di Otorinolaringoiatria dell'Università di Foggia effettua nel campo della diagnostica e chirurgia delle patologie nasosinusali. Ma più in generale, si è trattato di una occasione adatta a diffondere, anche in un continente come l'Asia così pronto a cogliere gli aspetti migliori da questo genere di collaborazioni, l'immagine dinamica e ambiziosa dell'Università di Foggia. Proprio per queste ragioni, l'Università di Foggia lo scorso 25 novembre ha sottoscritto il Memorandum of Understanding (MOU) con la Taizhou University (città del Sud Est della Cina popolata da 4,5 milioni di abitanti, si rimanda alla notizia sul sito UniFg http://www.unifg.it/notizie/cina-chiama-italia-protocollo-dintesa-foggia-taizhou): un accordo bilaterale che ha ufficializzato una concreta convergenza di interessi tra le parti indicando una comune linea d'azione mirata alla collaborazione attraverso lo scambio di conoscenze.

Per ulteriori informazioni:
Prof. Michele Cassano, ricercatore di Otorinolaringoiatria
Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell'Università di Foggia
Mail: michele.cassano@unifg.it

Davide Grittani Portavoce del Rettore dell'Università di Foggia