Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 209 visitatori e nessun utente online

ediliziaFormerà professionisti ed esperti sulle nuove normative in vigore.
Il prof. Enrico Follieri coordina uno stage di elevato profilo, destinato a chi per professione avrà a che fare col D.Lgs. n. 50 (18 aprile 2016), che ha cambiato il sistema degli appalti in Italia.
Quattordici moduli della durata di quattro ore, preparazione ad ampio raggio prendendo in analisi anche casi concreti e affidamenti che si sono rivelati storici.
Il prof. Follieri: «Opportunità altamente qualificata per sviluppare competenze professionali e requisiti spendibili anche nel moderno mercato del lavoro».
La cattedra di Diritto amministrativo, coordinata dal prof. Enrico Follieri ordinario dell'Università di Foggia, ha organizzato un corso professionale destinato alla formazione di esperti in contratti pubblici di lavoro, appalti pubblici e privati, consulenze, servizi e forniture per gli operatori del settore e per chi sia chiamato a interpretare e applicare la normativa che, di recente, ha trovato conforto nel D.Lgs. n.50 (del 18 aprile 2016).
Si tratta di uno stage scientifico suddiviso in 14 moduli, ciascuno della durata di 4 ore, che si svolgerà interamente presso il Dipartimento di Giurisprudenza a partire dal 13 gennaio 2017 (fino al 25 febbraio 2017: incontri ogni venerdì dalle 15.30 ed ogni sabato dalle 9.00) e che si avvarrà della presenza di alcuni tra i massimi esperti in materia sul territorio: docenti, amministratori pubblici e privati, professionisti con esperienza nel settore.
Venerdì prossimo, 16 settembre alle 16.00 presso l'aula magna del Dipartimento, avrà luogo la presentazione degli obiettivi e del programma dello stage. «Questo primo incontro introduttivo – argomenta il prof. Enrico Follieri – intende chiarire le ragioni che hanno indotto, i miei collaboratori ed anche me, ad organizzarlo. Da quali reali esigenze professionali e scientifiche è scaturita la necessità di un corso di elevatissimo profilo come quello che abbiamo messo insieme. Poi parleremo, naturalmente entrando nel merito delle attività, delle modalità di svolgimento e delle informazioni pratiche per l’iscrizione e il conseguimento dell’attestato finale. Personalmente ritengo che, all'interno di uno dei Dipartimenti di Giurisprudenza che ha fatto registrare una grande performance nell'ultima e per adesso unica Valutazione della Qualità della Ricerca scientifica (il riferimento è alla VqR 2004-2010 redatta dall'Anvur, in cui il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Foggia è risultato sesto in senso assoluto tra tutte le Università italiane; NdR), questo corso di specializzazione rappresenti un'opportunità altamente qualificata e seria per sviluppare competenze professionali e per maturare requisiti spendibili anche nel moderno mercato del lavoro. Una strada concreta, e soprattutto scientificamente attendibile, per dipanarsi nelle nuove regole che hanno cambiato il sistema degli appalti pubblici e dei contratti nel nostro Paese».
Durante i moduli verranno presi in esame anche casi nazionali molto celebri, accordi e contratti che hanno fatto o che finiranno per fare la storia della materia in Italia e, per certi aspetti, anche all'estero. «Per la pluralità di fonti normative che disciplinano la materia – aggiunge il prof. Follieri – l’esame del Decreto legislativo sarà condotto confrontandolo con la Legge delega e le direttive europee che devono essere rispettate, nonché rapportato ad altri tre livelli: quello della Costituzione, della Carta dei Diritti fondamentali dell’U.E. 2000/C364/01 e quello della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Verranno inoltre presi in considerazione diversi atti amministrativi dell’Anac, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, della Presidenza del Consiglio dei Ministri e degli altri Ministri, ed ancora bandi tipo, capitolati tipo, contratti tipo e altri strumenti di regolazione flessibile e di atti amministrativi. Tutto per fare in modo che, chi frequenterà il corso, ne uscirà con una preparazione molto consistente».
Sul sito dell’Università di Foggia è disponibile il modulo per inoltrare l'iscrizione, al link http://www.unifg.it/didattica/offerta-formativa/corsi-di-formazione/laffidamento-e-la-gestione-di-contratti-pubblici-di-lavori-servizi-e-forniture. Il termine ultimo per la presentazione delle domanda di scadenza 15 dicembre pv e può essere inviato tramite pec protocollo@cert.unifg.it. Il corso è a numero programmato per un massimo di 60 iscritti, la scelta dei quali si avvarrà del criterio cronologico di presentazione della domanda sino all’esaurimento dei posti disponibili. Il costo complessivo è di 250,00 (duecentocinquanta) euro. Possono iscriversi al corso coloro che sono in possesso almeno del titolo di scuola Media Superiore. «Nell'ottica di offrire un servizio sempre più integrato col territorio – conclude il Rettore, prof. Maurizio Ricci – siamo lieti di contribuire alla formazione di figure professionali altamente specializzate, in grado di mettere a disposizione di tutti competenze ed esperienze di indubbio profilo. La nostra formazione di esperti e specialisti deve seguitare a orbitare intorno al mondo delle associazioni di categoria, degli enti pubblici e delle strutture e delle aziende private, attorno a queste componenti si sviluppa il nucleo della vita di questa provincia e quindi inevitabilmente si concentrano il maggior numero di specificità e competenze. L'Università di Foggia deve stimolare la crescita di queste specificità, assicurando al mondo delle imprese, ma anche alle pubbliche amministrazioni e a chiunque se ne vorrà avvalere, una adeguata presenza di profili professionali capaci di confrontarsi con le mutate esigenze della comunità. A cominciare dalla interpretazione dei Decreti legislativi, specie se si tratta di materiale così delicato come quello che attiene ai contratti e agli appalti pubblici».

Davide Grittani