Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Politica

palazzodicittfoggiaL’assessore Di Molfetta replica all’interpellanza dei consiglieri di Fratelli d’Italia

“Più che “sciatteria amministrativa” da parte dell’amministrazione, io credo che qui ci troviamo di fronte a una palese “sciatteria interpretativa” dei consiglieri di opposizione. Mi rammarico del fatto che invece di approfondire l’argomento, si sia pensato a diffondere notizie non corrette, se non alteranti la realtà dei fatti”. Domenico Di Molfetta, assessore alla Formazione del Comune di Foggia, ritiene opportuno fornire chiarimenti (che saranno comunque ampiamente esposti in Consiglio Comunale) in merito alla pubblicizzazione, a mezzo stampa, dell’interpellanza urgente presentata dal gruppo consiliare di Fratelli di Italia a firma dei consiglieri Claudio Amorese, Concetta Soragnese e Maurizio Accettulli, i quali denunciano - secondo una loro interpretazione - il mancato utilizzo di circa 310mila euro di fondi regionali a valere sul Pnrr che il Comune di sarebbe fatto sfuggire.

I consiglieri del gruppo consigliare Fratelli d’Italia dichiarano "Abbiamo appreso che la sindaca e gli assessori alla Formazione ed ai Servizi sociali avrebbero ricevuto la proposta, e repetita iuvant, senza oneri finanziari da sostenere da parte del Comune, da presentare alla Regione, e che quindi la Giunta avrebbe dovuto solamente svolgere il compito di individuare i giovani partecipanti" …"Questo non è avvenuto, probabilmente per disinteresse o sciatteria amministrativa”.

Il riferimento è all’avviso pubblico inerente la “Presentazione delle candidature inerenti la realizzazione dei percorsi triennali di IV anno di Istruzione e Formazione Professionale in modalità duale, da finanziare nell’ambito del PNNR, Missione 5 – Componente 1 – Investimento 1.4” pubblicato sul BURP 102 del 16.11.2023.
Il 16 novembre all’Ente Programma Sviluppo – non, così come riportato erroneamente, al Comune di Foggia -, viene quindi finanziato dalla Regione Puglia il progetto per Operatore delle Produzioni Alimentari per l’ammontare di 306.464 euro.
Il corso aveva come destinatari 15 soggetti fino a 25 anni che avevano assolto l’obbligo di istruzione o fossero stati prosciolti.
Il programma didattico si sarebbe sviluppato in tre anni con una durata complessiva di 3200 ore, divise in 1200 ore di alternanza rafforzata, 1890 di formazione frontale e pratica, 50 ore di visite guidate e 60 ore di accompagnamento. A queste era da aggiungersi un extramonte formativo di 210 ore, prevedendo un’indennità di frequenza pari ad euro 0,50 centesimi per ogni ora frequentata, fino ad un massimo di euro 1.600,00 in tre anni per corsista, per un totale di euro 24.000 come copertura indennità di frequenza, e 282.464 per spese funzionamento corso.
Il progetto, presentato a novembre 2023 alla Regione Puglia, aveva come partner Arace laboratori - Azienda agricola Agrimar - Azienda agricola Di Tuccio Raffaele - Casa vinicola Errico - Casillo 6 De Vito cereali - De Vito Giuseppe & figli - Mamoia - Prima Bio - Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Giannone-Masi - Istituto di Istruzione Secondaria Superiore I.P.E.O.A. "M. Lecce" – Confindustria Foggia.
Come è riscontrabile dai documenti forniti dalla FORMEDIL CPT di Foggia, il Comune di Foggia non era tra i partenariati del progetto, e quindi, non a conoscenza dello stesso in quanto non assegnatario di finanziamento.
L’unico responsabile del progetto - l’Ente Programma Sviluppo - ha provveduto ad informare il Comune, attraverso Confindustria Foggia, con una richiesta di incontro con la Sindaca in data 11 gennaio 2024. L’incontro si è tenuto in data 22 gennaio 2024 e solo in quella data il Comune di Foggia è stato informato del finanziamento del corso di qualifica triennale.

“Nella stessa giornata – spiega Domenico Di Molfetta -, insieme all’assessora ai Servizi Sociali, Simona Mendolicchio, veniamo messi a conoscenza dalla Sindaca di tale opportunità e immediatamente si è cercato di recuperare tutte le informazioni riguardanti il progetto, per vie brevi e convocando l’Ente attuatore presso la sede comunale nella giornata di giovedì 25 gennaio. In quell’occasione, ci venne richiesto se, al fine di far partire il corso entro la scadenza prevista del 31 gennaio attraverso i nostri canali assessorili, fosse stato possibile individuare ragazzi e ragazze nelle liste che non avessero assolto all’obbligo formativo e che avessero un’età non superiore ai 25 anni, cosa che alla stessa data né l’Ente assegnatario né i partner erano riusciti ad individuare. Proprio per non perdere questa opportunità, gli assessorati si sono immediatamente attivati per essere facilitatori nell’individuazione dell’utenza che ne avrebbe potuto usufruire del progetto”

È importante ricordare che dal punto di vista pedagogico, educazionale e sociale l’inserimento di queste figure è molto delicato, si deve partire da una azione a monte, trattandosi di minori, coinvolgendo le famiglie, spiegando la bontà del progetto stesso e convincerli a aderire ad un percorso “triennale” di formazione. I ragazzi e le ragazze che non ha assolto all’obbligo formativo hanno spesso situazioni personali e familiari “delicate” e l’azione di recupero non può essere espletata in tempi così stretti chiedendo loro di partecipare ad un corso dall’oggi al domani.

“Comunque – continua l’assessore -, anche con una tempistica così ristretta, gli assessorati hanno provato fino all’ultimo a trovare soluzioni, sia attraverso i canali istituzionali sia recandosi in case-famiglia che ospitano ragazze e ragazzi con problemi di carattere sociale. Anche in questo caso, purtroppo, senza risultati. In tutto il periodo, l’interlocuzione con La FORMEDIL CPT di Foggia, aggiudicataria del progetto, è stata continua. Lo stesso ente, però, vista l’impossibilità di individuare i fruitori, ha chiesto in data 30 gennaio alla Regione Puglia la possibilità di prorogare i termini di scadenza, istanza purtroppo non accolta, da qui la rinuncia al progetto”

Sul tema della dispersione scolastica sono già presenti nel territorio progetti come Il progetto Nazionale “Oltre i Confini” che ha erogato alle scuole della Rete di Foggia 128mila euro di cui 46mila investiti per trasformare 4 aule tradizionali in nuovi ambienti di apprendimento e 82mila euro per realizzare attività e corsi di recupero rivolti a minori residenti in area a forte dispersione scolastica. La progettualità ha come scopo principale quello di creare uno spazio polifunzionale visto come laboratorio per promuovere attività formative per studenti svantaggiati in un ambiente di apprendimento stimolante adatto a favorire la ri-motivazione e un centro di iniziativa, vale a dire un luogo di aggregazione tra scuola e servizi del territorio, gestito dalle scuole in collaborazione con gli enti del terzo settore. Certo c’è ancora molto da fare e progettare, con due assi di intervento: prevenire la dispersione agendo su studenti e famiglie iscritti alle scuole pubbliche laddove si evidenzino problematiche (studenti BES, ripetenti, scarsa frequenza) e su chi ha abbandonato il ciclo di studi.
“Alla luce di tutto questo – conclude Di Molfetta -, far ricadere la responsabilità della perdita di questo finanziamento sull’amministrazione comunale è indecoroso, perché semplicemente il Comune non ha perso alcun finanziamento. Sinceramente, sono molto dispiaciuto perché credo che il ruolo dell’opposizione sia fondamentale per il funzionamento della democrazia e ho molto rispetto per i consiglieri della minoranza e per l’elettorato che rappresentano, ma qui ci troviamo di fronte a una artefatta e pretestuosa polemica che spero sia solo frutto di una sorta di “sciatteria interpretativa” e non di una volontaria mistificazione della realtà. D’altra parte, cogliamo l’occasione dataci da questo “chiarimento” per mettere in luce non solo la tempestività dei nostri interventi, ma anche la chiara evidenza che ora la politica c’è e sarà un interlocutore diretto e affidabile per i cittadini, le associazioni ed ogni altro soggetto privato, auspicando che qualsiasi istanza giunga a noi tempestivamente per consentirci di offrire un aiuto concreto”.