Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online

Politica

logoPD
Il Pd di Cerignola: “La stessa destra con una mano chiede lo scioglimento del Comune di Bari e con l’altra nomina Carlo Dercole, sciolto per mafia, segretario cittadino di Forza Italia”

È di questi giorni la notizia della nomina della commissione di accesso agli atti per verificare eventuali infiltrazioni mafiose all’interno dell’amministrazione comunale di Bari, presieduta da Antonio Decaro, che dell’antimafia, dell’impegno quotidiano a combattere i clan del territorio, ne ha fatto una scelta di vita, rinunciando alla sua libertà, vivendo sotto scorta.

Una commissione invocata a gran voce da quegli stessi dirigenti della destra pugliese che cercavano accordi politici con il famoso avvocato Olivieri, al centro dell’inchiesta barese; quegli stessi dirigenti di destra che oggi siedono nella Commissione Antimafia, quegli stessi dirigenti che hanno poi effettivamente candidato nel centrodestra la moglie di Olivieri, consigliera comunale ora indagata nell’inchiesta che ha travolto più di 150 persone;

Stiamo parlando di Mauro D’Attis, attuale vicepresidente della commissione antimafia e segretario regionale di Forza Italia.

Si tratta, quindi, dello stesso Mauro D’Attis che con la mano destra chiede lo scioglimento del Comune di Bari e con la mano sinistra, dall’oggi al domani, senza un congresso e senza discussione con gli iscritti, nomina Carlo Dercole segretario cittadino di Forza Italia: ex assessore allo Sport della giunta Metta e suo genero, il cui nome è scritto nel decreto di scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di Cerignola, firmato dal Presidente della Repubblica.

Ecco la destra. Ecco la destra autoritaria che, sconfitta alle elezioni, tanto a Bari come a Cerignola, fa un uso politico di uno strumento normativo fondamentale per la lotta alla criminalità organizzata, importante e delicato come quello della procedura per lo scioglimento dei Comuni per infiltrazioni mafiose.
Superando le regole e le procedure: basti pensare che la Commissione di Accesso agli atti a Bari non è stata chiesta dalla Prefettura di concerto con la Procura, ma è stata inviata direttamente dal Ministero degli Interni su richiesta di qualche parlamentare di destra.
Se non è questo un atteggiamento autoritario, ci spieghi il buon senso cosa è.