Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 396 visitatori e nessun utente online

Politica


imagesConsiglio Comunale per utilizzo abusivo per uso agricolo delle acque dei corsi d’acqua di superfice compreso quelle dei reflui lavorati
del depuratore di Foggia
Il Consigliere Vincenzo Rizzi eletto nel M5S ha fatto protocollare una richiesta indirizzata al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale inerente all’utilizzo abusivo per irrigare i campi delle acque di superfice, comprese quelle del Canale Contessa e Faraniello dove versa i reflui lavorati il depuratore di Foggia E’ da ormai due anni che il moVimento 5 Stelle di Foggia si sta occupando della qualità delle acque che vengono immesse nel canale Contessa – Faraniello dal depuratore di Foggia e di come queste acque vengono utilizzate senza permesso per irrigare i campi.
Sicuramente la situazione negli ultimi due anni è migliorata tantissimo, infatti, quasi tutte le stazioni di pompaggio che era possibile vedere dalla strada, anche a ridosso del depuratore, sono state rimosse.
La cosa che mi lascia perplesso è, se utilizzare le acque di superficie per irrigare i campi senza gli opportuni permessi è vietato, se utilizzare le acque di un canale nel quale scarica il depuratore come quello di Foggia è vietata perché pericoloso per la salute, come mai ad oggi, nonostante le nostre tante segnalazioni sono ancora presenti delle stazioni di pompaggio, alcune delle quali più volte segnalate/denunciate?
E’ così difficile a chi di competenza intervenire e mettere in campo tutte quelle misure per salvaguardare la nostra salute così come indicato dalla nostra Costituzione? PREVENZIONE dovrebbe essere la linea di chi è deputato al controllo e la salvaguardia del bene comune, perché piangere sul latte versato non è mai stato utile a nessuno.
Osservando le riprese satellitari di Google Maps è possibile notare che quando furono realizzate l’utilizzo delle acque del canale per irrigare i campi era una pratica molto diffusa e che molte stazioni di pompaggio, sempre all'epoca delle riprese, erano collocate in zone non visibili se non introducendosi all’interno di campi agricoli di proprietà privata.
Qualcuno si domanderà “perché sprecare una risorsa così preziosa in un periodo di crisi? Benedetta l’acqua se c’è e ben venga se si può sfruttare”.
Questa osservazione sarebbe giusta se il depuratore funzionasse correttamente e se fosse dotato di un impianto di affinamento.
Effettivamente avere tanta acqua a disposizione e non poterla utilizzare è effettivamente uno spreco, ma oggi in quelle acque potrebbero essere presenti dei batteri e dei virus pericolosissimi per la nostra salute, in alcuni casi, anche mortali perché per la tipologia del depuratore che versa in quel canale e per come funziona la qualità dei reflui lavorati è tale da non poter essere utilizzati in agricoltura perché inquinati.

SI CHIEDE CHE:
il Comune e tutti gli organi preposti vigilino e mettano in campo tutte quelle misure di prevenzione e persuasione affinchè i prodotti agricoli non vengano più irrigati con acque potenzialmente pericolose.
Reflui a monte del depuratore di Foggia che si immettono nel Canale Faraniello senza essere stati trattati.

Comunicato Stampa