Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 258 visitatori e nessun utente online

Politica

parlamentoCollegato agricolo. Mongiello/Ginefra: “Quote rosa nei CdA dei consorzi per dare rappresentanza alle imprenditrici e innovare la governance”

"L'ingresso delle imprenditrici nei CdA dei consorzi agroalimentari apre un'altra crepa nel soffitto di cristallo che impedisce alle donne di raggiungere le postazioni apicali della governance economica". Lo affermano i deputati Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera, e Dario Ginefra, coordinatore dei deputati pugliesi PD, commentando l'approvazione del collegato agricolo che introduce la quota di genere negli organismi di governo dei consorzi alimentari.
"La norma rispecchia fedelmente la realtà imprenditoriale del comparto agroalimentare italiano in cui le imprenditrici guidano il 30% delle aziende, molte della quali eccellenze del made in Italy e con un alto tasso di innovazione di processo e di prodotto".
La norma prevede, appunto, che un terzo dei componenti dei CdA siano donne. L'adeguamento degli statuti, però, avverrà gradualmente: i consorzi hanno 6 mesi per modificare le norme interne di gestione e garantire in prima battuta una quota rosa di almeno il 20%.
"La costruttiva interlocuzione con le organizzazioni e le associazioni di rappresentanza ha consentito al Parlamento e al Governo di introdurre nell'ordinamento una norma che valorizza il ruolo delle donne - concludono Mongiello e Ginefra - in un settore economico che si sta evolvendo con sempre maggiore impegno e velocità".