Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 195 visitatori e nessun utente online

 

Riserva naturale biogenetica posta all'interno del Parco Nazionale del Gargano, la vegetazione predominante è costituita da una fustaia di faggio a struttura pluristratificata.

Ai margini della foresta, la strada si fa largo fra pareti di bosco che a tratti s'incurvano formando una verde galleria. Nell'impenetrabile intrico di pini, di aceri, di frassini, di roveri, di carpini, di abeti e di lecci, l'ombra s'addensa fino a diventare scura.

Maestosi faggi coprono a tratti la visione del cielo, il silenzio è altissimo. Solo ogni tanto echeggia un rumore misterioso prodotto forse da un capriolo, da una volpe o da qualche altro animale selvatico.

La selva, si estende sopra un'area di circa 5.000 ettari, è intersecata da un labirinto di sentieri che scendono e salgono tra le valli e s'inerpicano su cocuzzoli e costoni con uno sviluppo di centinaia di chilometri.

Nella foresta, esiste ancora un'angolo di posto incontaminato dalla civiltà moderna, infatti non esistono edifici, se non l'albergo, della Caserma Forestale e dell'Azienda Forestale di Stato: tre puntini bianchi immersi nella sterminata marea di alberi.

Nella tranquillità più silenziosa, magari le uniche cose che si potranno incontrare, animali a parte, sono le guardia forestale.

Tra le zone di maggior interesse possiamo trovare quella del vivaio, o quella delle voragini carsiche.

Escursioni nella Foresta Umbra e nel Parco Nazionale del Gargano vengono organizzate tutti gli anni.

Alcuni itinerari


Valle Coppa- Foresta Umbra (Vieste).
Tra la Foresta Umbra e i pascoli dì Valle Coppa, fino ad arrivare ai cutini Revitali e Multato. Grado di difficoltà; ' (Facile)


Monte Calvo (S. Giovanni Rotondo).
La montagna più alta del Gargano ove è possibile trovare ghiacciai temporane
i.


Fonte Sfilzi - Casalìni (Vico del Gargano).
E' l'unica sorgente perenne della Foresta Umbra. E' il regno del capriolo garganico.


Foresta Umbra - Coppa di Stella.
Un sentiero poco frequentato ci porterà alla grava di Coppa di Stella e a Coppa Prigionieri, ove avvenne l'ultima battaglia tra piemontesi e briganti.



Loco Fazzini (Vieste).
La più interessante faggeta viestana, fino alla casa dei carbonai e alla riscoperta della famosa piscina di Loco Fazzini.

Monte Sacro (Mattinata).
il sentiero delle orchidee e la scalata all'Abbazia di Mente Sacro.


Dolina Pozzatina - Monte Delio (Sannicandro Garganico).
Discesa nella dolina Pozzatina e visita all'abbazia di Monte Delio.



Torre Fantine (Serracapriola - Chieuti).
centro storico di Serracapriola e la duna del vivaio forestale di Torre Fantine.