Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 209 visitatori e nessun utente online

"Una progettualità di cui la Provincia di Foggia va fiera. Ulteriore dimostrazione dell'efficacia delle numerose attività promosse in favore delle politiche sociali e di solidarietà in favore degli immigrati all'interno del territorio di Capitanata". Così l'assessore provinciale alla Solidarietà, Antonio Montanino, ha commentato l'illustrazione dei risultati raggiunti nel 2011 dal progetto '8 azioni per 1000 idee', relativi allo sportello informativo gestito dalla cooperativa 'Arcobaleno' a Foggia e San Severo, realizzato in collaborazione con la Provincia di Foggia e il Comune di San Severo nell'ambito di un progetto delle politiche d'inclusione degli stranieri richiedenti asilo e rifugiati politici, coordinato della società di progettazione 'Euromediterranea'. Il progetto rientra nell'ambito di un finanziamento statale realizzato grazie alla possibilità di destinare una quota pari all'otto per mille dell'Irpef per scopi di interesse sociale e di carattere umanitario.
Quattro le linee di intervento che hanno abbracciato gli ambiti dell'accoglienza, dell'informazione, della formazione e dell'esperienza lavorativa per un anno. "Soprattutto a San Severo - ha evidenziato Antonio Di Donato, funzionario al ramo della Provincia di Foggia - abbiamo avuto un riscontro particolarmente positivo considerato che su dodici immigrati che hanno preso parte ad un corso di formazione professionale per mediatori culturali ben dieci sono attualmente impegnati in esperienze di collaborazione con l'Amministrazione provinciale e due hanno trovato lavoro". Gli sportelli informativi di Foggia, presso il centro interculturale 'Baobab', e San Severo, presso la Caritas, hanno perseguito gli obiettivi di facilitare l'integrazione sociale e culturale di cittadini stranieri immigrati richiedenti protezione internazionale, favorire la piena partecipazione e l'accesso alla rete dei servizi sociali e sanitari per i cittadini stranieri, infine elaborare e sperimentare percorsi di accompagnamento e orientamento per cittadini stranieri richiedenti o titolari di protezione internazionale e le loro famiglie. Nel corso della conferenza stampa svoltasi stamane presso la Sala Giunta di Palazzo Dogana, alla quale ha preso parte, tra gli altri, il responsabile dello sportello informativo, Domenico La Marca, sono quindi stati illustrati nel dettaglio i numeri che la progettualità '8 azioni per 1000 idee' ha prodotto. Per quanto concerne lo sportello di Foggia, nel periodo giugno-dicembre 2011, sono stati ben 290 i beneficiari dei servizi offerti di 33 nazionalità diverse i quali hanno richiesto, nella maggioranza dei casi, servizi riguardanti il domicilio legale, informazioni sul permesso di soggiorno e consulenza legale. Mediamente giovane l'età dei richiedenti che, nella maggioranza dei casi, non supera i 30 anni con un'utenza più maschile che femminile. Per quel che riguarda lo sportello di San Severo, invece, sono stati 42 gli stranieri beneficiari dei servizi. Romania, Bulgaria, Marocco ed Eritrea i Paesi di provenienza per una popolazione immigrata che nel centro dell'Alto Tavoliere è ancora prettamente stagionale. Infine sono stati illustrati i numeri dell'ultimo anno di lavoro del centro 'Baobab' il quale lavora su una triplice linea di servizi: sportello immigrazione, laboratori interculturali e centro di risorse e documentazione interculturale. Ben 760 sono stati gli utenti, stranieri e italiani enti ed associazioni comprese, beneficiari dei servizi erogati. Un numero in netta e costante crescita per il centro nato nel 2006.

comunicato stampa