Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 202 visitatori e nessun utente online

ospedalesanseveroL’A.C. ED IL COMITATO PRO OSPEDALE MANIFESTANO SOSTANZIALE SODDISFAZIONE PER IL PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO E SENTONO DI DOVER RINGRAZIARE IL GOVERNATORE EMILIANO ED IL DIRETTORE GENERALE ASL PIAZZOLLA.

L’Amministrazione Comunale di San Severo ed il Comitato Pro Ospedale manifestano sostanziale soddisfazione per il piano di riordino ospedaliero e sentono di dover ringraziare pubblicamente il Governatore della Puglia dott. Michele Emiliano ed il Direttore Generale ASL Foggia, dr. Vito Piazzolla. La sinergia messa in campo dal Comitato Pro Ospedale di San Severo e dall’A.C., grazie anche ad iniziative e pressioni esercitate a livello regionale dal Sindaco avv. Francesco Miglio, hanno conseguito il risultato per l’Ospedale di San Severo di mantenere il numero complessivo dei posti letto (peraltro con qualche lieve miglioramento, specie in Pediatria e Neonatologia) e soprattutto la Emodinamica annessa alla Cardiologia – Unità Coronarica. Tale risultato ci sembra l’implicito riconoscimento del ruolo centrale che si vuole riconoscere al nostro nosocomio, nell’organizzazione sanitaria ospedaliera dell’Alto Tavoliere. Il nostro Ospedale, al di la di considerazioni campanilistiche sicuramente inopportune e non volute, si conferma quale naturale filtro nei confronti della “mobilità passiva” dei pazienti verso le regioni centro settentrionali, non solo per ragioni geografiche, ma anche per l’impegno e la professionalità manifestati dalla maggior parte degli operatori sanitari.
Si è peraltro in attesa di una ulteriore richiesta avanzata, circa la nuova intitolazione dell’Ospedale come “Ospedale dell’Alto Tavoliere Teresa Masselli Mascia” - “Oltre che – aggiunge l’Assessore con delega alla Salute dr. Raffaele Fanelli - dell’adeguamento del personale necessario alle nuove sfide che il nostro Ospedale si prepara ad affrontare per dare il proprio contributo a quella appropriatezza dei ricoveri che è alla base del mantenimento degli standard quali-quantitativi (vedi riferimento alla Legge n. 70/15) con i quali è necessario confrontarsi nel futuro. Una sfida, non con il timore di paventati ridimensionamenti, ma come opportunità di crescita. Gli Ospedali Riuniti di Foggia e Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, eccellenze del nostro territorio, non saranno dunque intasati (eventualità possibile nella fase iniziale) nel medio lungo periodo, proprio perché saranno chiamati ad affrontare patologie degne di approcci pluri specialistici di alto livello” conclude l’Assessore Fanelli.

Il Portavoce
Michele Princigallo