Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 241 visitatori e nessun utente online

Il Touring Club Italiano ha assegnato al comune di Rocchetta Sant'Antonio il prestigioso riconoscimento della "Bandiera Arancione". Il marchio di qualità turistico-ambientale viene conferito ai comuni dell'entroterra italiano sulla base di rigorose valutazioni qualitative e quantitative supportate da un sopralluogo anonimo effettuato dal Touring Club Italiano. Ad oggi su 2.100 comuni candidati solo 184 (il 9%) sono stati insigniti della Bandiera Arancione (di questi solo 7 nella Regione Puglia). A conclusione delle attività ispettive, è risultato che "Rocchetta S.Antonio si distingue per il suo centro storico caratteristico e ricco di attrattori dal quale è possibile ammirare il castello d'Aquino. Immerso in un contesto naturalistico di forte fascino, il borgo si è dotato di un efficiente servizio di segnaletica di informazione in grado di accompagnare il visitatore alla scoperta delle ricchezze del luogo". "Questo è l'ennesimo riconoscimento nazionale che fa onore alla nostra comunità" afferma il Sindaco di Rocchetta Ranieri Castelli, "conferma che le azioni di recupero di parti importanti del paese sono state vincenti. La bandiera arancione permette oggi di creare ulteriori opportunità per il nostro territorio". Dello stesso avviso Alfonso Di Stefano, assessore del comune di Rocchetta Sant'Antonio, il quale aggiunge "aver avuto la Certificazione Ambientale ISO 14001, il riconoscimento di Comune Riciclone conferito da Legambiente, il premio per le politiche energetiche, della Fondazione Simone Cesaretti ed oggi la Bandiera Arancione, testimoniano la bontà delle politiche di valorizzazione del Territorio. Queste politiche di marketing territoriale daranno delle ricadute positive sulle attività economiche, in particolare per i prodotti tipici, le attività di ristorazione e le attività ricettive. Per fare questo è importante che le imprese e i cittadini facciano la loro parte, e cominci a diffondersi la cultura dell'accoglienza, tipica delle aree turistiche più evolute".



comunicato stampa