Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 264 visitatori e nessun utente online

UniversitàAteneoFormazione specialistica, accordo tra UniFg e Fondazione Padre Pio:
specializzandi e studenti di medicina fisica e riabilitativa si eserciteranno nella struttura di San Giovanni Rotondo.
Stipulato protocollo di intesa di durata quinquennale, previsti anche Master di I e II livello e aggiornamenti professionali.
Il Rettore: «Prosegue, secondo la legge e le direttive ministeriali, la nostra azione di confronto e collaborazione con le realtà territoriali che possono contribuire a migliorare le professionalità che si formano nel nostro Ateneo». Il presidente della Fondazione: «Orgogliosi di poter contribuire alla formazione degli studenti dell’Università di Foggia, metteremo a disposizione tutte le nostre strutture e le nostre potenzialità. A questi ragazzi si deve offrire una formazione degna di poter competere anche con i mercati internazionali».
Questa mattina, a Palazzo Ateneo al termine della conferenza stampa di presentazione, è stato firmato il protocollo d’intesa tra l’Università di Foggia e la Fondazione Centri di riabilitazione Padre Pio Onlus di San Giovanni Rotondo. A ratificare l’intesa il Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci, e il direttore sanitario della Fondazione Padre Pio Onlus, dott.ssa Serena Filoni, che hanno formalizzato un accordo attraverso cui la Fondazione si impegna – per i prossimi cinque anni – a ospitare nelle proprie strutture assistenziali di riferimento (presso il presidio residenziale e ambulatoriale “Gli angeli di Padre Pio”) gli iscritti alla Scuola di specializzazione in Medicina fisica e riabilitativa e gli studenti dei corsi di laurea di Medicina, di Fisioterapia e delle Professioni sanitarie.
«Prosegue, nel pieno rispetto della legge e delle direttive ministeriali – spiega il Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci – la nostra azione di confronto e collaborazione con le realtà territoriali che possono contribuire a migliorare le professionalità che si formano nel nostro Ateneo. Siamo lieti di contribuire alla crescita di questi ragazzi, e la Fondazione Padre Pio Onlus è una delle strutture che può mettere loro a disposizione tutta una serie di infrastrutture per fargli proseguire il loro percorso formativo nel migliore dei modi». La permanenza degli studenti dei corsi di laurea di Medicina, di Fisioterapia e delle Professioni sanitarie e degli specializzandi, presso le strutture della Fondazione Padre Pio Onlus a San Giovanni Rotondo, sarà finalizzata al completamento della formazione degli studenti e degli specializzandi e allo svolgimento di attività di formazione pratica, ai fini dell’acquisizione – da parte degli stessi – di esperienza applicativa clinica in determinati settori e per specifiche tipologie di attività per le quali la Fondazione dispone di adeguate risorse umane e strumentali.
L’accordo avrà durata quinquennale rinnovabile, e prevede anche l’organizzazione di Master di I e II livello, corsi di aggiornamento professionale, seminari e conferenze per il personale afferente alla Fondazione. «Siamo orgogliosi di poter contribuire alla formazione degli studenti dell’Università di Foggia – ha invece commentato la dott.ssa Serena Filoni – metteremo a disposizione tutte le nostre strutture e le nostre potenzialità. L'accordo quadro sottoscritto quest'oggi con l'Università di Foggia inorgoglisce la Fondazione e tutti i professionisti che operano nell'Ente. L'accordo contiene tutto ciò che risiede un rapporto di notevole levatura scientifica, tra una Università tra le prime in classifica nazionale e una struttura d'eccellenza come la Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus. Le convenzioni specifiche che stanno derivando e che deriveranno completeranno un'alleanza di notevole importanza per tutti, in particolar modo per gli studenti, veri fruitori di questo accordo quadro. Grazie al Rettore e ai frati minori Cappuccini rappresentati quest'oggi da fra Mariano Di Vito, questo nostro territorio offrirà valore aggiunto a tutti gli stakeholder».

Davide Grittani