Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 250 visitatori e nessun utente online

Davanti alla Villa Comunale saranno consegnate al Rettore e alle Associazioni Studentesche le prime biciclette dimostrative.


A pochi giorni dalla chiusura del bando pubblicato dall'Università di Foggia in collaborazione con l'Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità della Regione Puglia si terrà, domani a partire dalle10,00, una dimostrazione della facilità d'impiego di queste biciclette che saranno poi ‘adottate' dai nostri studenti universitari. A partire dalle 10,00 e fino alle 12,30 gli studenti universitari potranno ‘toccare con mano' le straordinarie biciclette ripieghevoli che saranno assegnate dopo la procedura d'esame delle domande che ciascun studente può inoltrare entro il giorno 10 febbraio compilando apposita domanda reperibile sul sito dell'Università di Foggia. Il Rettore e i rappresentanti delle Associazioni Studentesche parteciperanno alla registrazione dello spot che sarà girato dai funzionari della Regione e pubblicato sul loro e sui nostri portali. Prevista anche la partecipazione del Sindaco o di un suo delegato.
Domani gli studenti interessati potranno anche compilare e consegnare materialmente la loro richiesta perchè l'Università di Foggia organizzerà apposito stand con personale a ciò incaricato.
Ricordiamo che "Adotta una bici - Cicloattivi Università" è un importante progetto della Regione Puglia finalizzato a promuovere la cultura della mobilità sostenibile partendo dalle giovani generazioni, più pronte a intraprendere comportamenti e stili di vita improntati al rispetto del prossimo e alla salubrità. Agli studenti universitari foggiani sono riservate 143 biciclette pieghevoli che saranno gestite dall'Area Studenti - Settore Orientamento, Tutorato e Diritto allo Studio in collaborazione con l'Area Affari Tecnici e Negoziali dell'Università di Foggia. La selezione degli studenti avverrà sulla base di criteri che sono stati condivisi con il Consiglio studentesco e che tengono conto dei risultati negli studi e delle condizioni economiche di appartenenza del singolo studente. Il modello sarà pieghevole così da favorire il trasporto intermodale non solo in treno ma anche sui bus interurbani e urbani.



comunicato stampa