Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 154 visitatori e nessun utente online

vigilifuocoApprovata all'unanimità la mozione De Vito sul rafforzamento dei Vigili del Fuoco
"Chiediamo l'istituzione del Distaccamento cittadino per garantire più sicurezza"

"Rafforzare il corpo dei Vigili del Fuoco a Foggia e in Capitanata è diventato un obiettivo comune a tutte le forze politiche grazie al sostegno convinto del Consiglio comunale alla mozione che mira ad ottenere l'istituzione del distaccamento cittadino in aggiunta al Comando provinciale". È il commento del consigliere comunale Francesco De Vito, primo firmatario del documento approvato all'unanimità dal Consiglio comunale di Foggia nella seduta di giovedì 27 febbraio.
"La strategicità dell'azione dei Vigili del Fuoco ai fini della sicurezza pubblica è patrimonio condiviso e proprio a Foggia, purtroppo, lo abbiamo sperimentato più volte. È il motivo per cui, ad esempio, è stata progettata una nuova e più funzionale sede del Comando provinciale e sarà istituito a breve il distaccamento di San Giovanni Rotondo.
Proprio l'imminenza del trasferimento nella struttura di via Napoli ci offre l'opportunità di chiedere al Ministero dell'Interno la trasformazione del Comando provinciale in Dirigenza superiore, così da poter costituire nella caserma di via Imperiale il Distaccamento cittadino di Foggia.
Un'azione che ha come unico scopo il rafforzamento dell'apparato di sicurezza pubblica, innanzitutto nel capoluogo e nelle aree limitrofe. Nell'area industriale di Borgo Incoronata, ad esempio, insistono diversi grandi impianti produttivi e il centro commerciale più esteso della Capitanata.
Grazie al presidente del Consiglio comunale Leonardo Iaccarino, la mozione è stata celermente portata all'attenzione dell'Assise. L'unanimità riscontrata in aula ci permetterà di proseguire con maggiore convinzione e forza il percorso istituzionale.
Sono certo - conclude Francesco De Vito - che lungo la strada troveremo tanti altri sostenitori di un'istanza fondata su dati di fatto e non su mere rivendicazioni campanilistiche".