Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 248 visitatori e nessun utente online

orsara

ORSARA DI PUGLIA A partire dal 22 febbraio 2021 e per i prossimi giorni, le vaccinazioni per gli ultra ottantenni residenti a Orsara di Puglia saranno somministrate direttamente in paese, negli spazi dell’Auditorium comunale. Anche chi aveva già prenotato e si sarebbe vaccinato non in paese sarà contattato e gli verranno comunicati data e orario per la somministrazione del vaccino a Orsara di Puglia. E’ quanto fa sapere lo stesso Comune di Orsara di Puglia attraverso una nota in cui si ringraziano l’ASL di Foggia e quella di Troia per la disponibilità assicurata e i volontari del Servizio Civile e del gruppo di Protezione Civile Era che saranno impegnati nell’organizzazione e nella distribuzione dei moduli. La comunicazione di data e orario per il vaccino verrà organizzata direttamente dall'ASL di Troia. Sarà inoltre possibile, per circostanze e problematiche particolari, la vaccinazione presso il proprio domicilio. Le vaccinazioni, naturalmente, saranno somministrate da personale medico. Riguardo alla prenotazione, è possibile continuare a farla direttamente in farmacia o chiamando direttamente al numero 0881.312174 o al numero verde 800938810, dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00.
“Stiamo mettendo in campo un impegno collettivo molto rilevante”, ha spiegato il sindaco Tommaso Lecce. “Poter vaccinare tutti a Orsara di Puglia è un risultato importantissimo”, ha aggiunto Lecce. “In questo modo, infatti, ridurremo sia il disagi che gli anziani e le loro famiglie avrebbero dovuto affrontare per spostarsi in un altro paese sia i rischi connessi proprio agli spostamenti. Bisogna vaccinarsi, è l’unica vera arma che abbiamo per sconfiggere il virus e tornare progressivamente a una vita normale. Negli altri Paesi del mondo, laddove il ciclo delle vaccinazioni è stato già ultimato, gli effetti sul crollo dei contagi dimostrano che la strada intrapresa anche dall’Italia è quella giusta. Prima riusciremo a vaccinare tutti, prima torneremo a una vita normale”.