Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online

"Nel 2008, dopo l'approvazione da parte del Consiglio Regionale della legge che ha riconosciuto i benefici provenienti dalle terapie e attività assistite con gli animali, e quindi della pet therapy, occorre dare un seguito a questa iniziativa, costruendo un progetto pilota nella ASL Foggia, utilizzando finanziamenti nazionali, aziendali e regionali". Così il presidente della Commissione Sanità, Dino Marino, è intervenuto al convegno organizzato dalla ASL Foggia "Benessere e Pet-Therapy: quando è l'uomo ad aver bisogno degli animali" svoltosi a Vieste. Nel ringraziare il dottor Luigi Urbano, direttore del Servizio Veterinario Provinciale dell'Asl Fg per la lungimiranza nell'organizzare un momento di riflessione utile ad innescare sinergie, anche con il contributo della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Teramo, il presidente Marino ha sostenuto che 'è stato possibile realizzare il convegno anche perchè da qualche settimana alla guida della nostra ASL è stato nominato direttore generale l'ing. Attilio Manfrini, un manager che conosce il nostro territorio ed ha la capacità di misurarsi con questo importante ruolo. Sono convinto che con lui avvieremo una serie di sperimentazioni che potranno essere prese in considerazione a livello nazionale. Due, a mio avviso, sono gli obiettivi che abbiamo di fronte: la sanità pugliese è dentro ad un Piano di Rientro, ad una compressione delle risorse e tuttavia abbiamo bisogno di passare alla fase due, quella di utilizzare una parte dei risparmi, una parte dell'efficienza delle aziende, per investirle nella medicina del territorio. A giorni si apriranno a Torremaggiore l'hospice e il punto di primo intervento, a San Marco in Lamis la RSA e la Casa della Salute e a Monte'Sant'Angelo altri 20 posti di RSA - ha anticipato Marino. - Dentro il processo di potenziamento territoriale per rispondere al meglio alle articolate domande di salute, abbiamo bisogno che i vari dipartimenti non vengano vissuti come compartimenti stagni, ma si devono integrare al punto da aderire meglio alle richieste di salute che non sempre sono settoriali".



comunicato stampa