Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 173 visitatori e nessun utente online

"Sento di voler esprimere profonda preoccupazione per un bene architettonico di inestimabile valore, la Chiesa dei Morti sita in Piazza del Purgatorio, che da mesi versa in stato di incuria e di abbandono - così il Presidente dell'AQV Miranda. L'edificio religioso è sempre stato a cuore della nostra associazione, tant'è che nel 2009, in collaborazione con altre associazioni, realizzammo un progetto di restauro di una delle tele Seicentesche in esso custodite, dal titolo ‘Alloggiare i Pellegrini', che fu riportata agli antichi fasti e consegnata alla Curia Vescovile.
Ora, a causa della non fruibilità da parte dei cittadini, prosegue Miranda, si rischia di rendere vani tutti i lavori di restauro di cui è stata oggetto negli ultimi anni, con un notevole dispendio di risorse economiche pubbliche! La Chiesa è diventata bersaglio di vandali, che ne hanno distrutto anche una vetrata artistica, un danno che è sotto gli occhi di tutti, ma che purtroppo non ha smosso ancora la coscienza di nessuno! E' non è questo l'unico caso presente nella nostra città, è grave anche la situazione che sta interessando l'Ipogeo di San Domenico, riconosciuto dal catasto regionale delle cavità artificiali per il valore geologico e storico, chiuso ormai da mesi a causa di un allagamento causato da infiltrazioni e dalla rottura di una fogna, e per il quale da ottobre sono state annullate tutte le visite guidate, con gravi conseguenze per il comparto turistico! Nemmeno l'amministrazione comunale finora si è mossa per evitare che i danni al sito diventino irreversibili. Non è da meno la Villa Comunale, altro luogo simbolo dell'indifferenza e della cattiva amministrazione di un bene pubblico!
E mentre qualcosa si muove per la questione Cattedrale e Teatro Giordano, ove nel primo caso è prevista l'apertura entro qualche mese, nel secondo invece a metà aprile si attende il collaudo generale, la zona storica di Via Arpi continua a versare nel totale abbandono, nel quale furti e atti vandalici trovano terreno fertile! Una zona franca, senza più controllo nè sicurezza, dalla quale sempre più negozianti e residenti scappano per l'esasperazione!
L'incuria e l'indifferenza equivalgono ad una mancanza di rispetto verso tutto ciò che appartiene al nostro territorio e alla nostra storia. Denunciare, è questo che bisogna fare, senza ignorare le cose che non funzionano, per ricostruire un giusto senso civico. - conclude Miranda - L'amministrazione non può continuare a far pagare ai cittadini le conseguenze di un dissesto generale, facendo mancare il controllo, la sicurezza e la pulizia periodica di questa come di tante zone della città!"





comunicato stampa